Obbligo vaccinale a scuola: come funzionano i controlli sul personale, chi li effettua e come

Stefano Rizzuti

14 Dicembre 2021 - 16:07

condividi

Una circolare del ministero dell’Istruzione ha fornito i chiarimenti sulle modalità di controllo dell’obbligo vaccinale per il personale docente e Ata delle scuole: vediamo come saranno le verifiche.

Obbligo vaccinale a scuola: come funzionano i controlli sul personale, chi li effettua e come

Dal 15 dicembre scatta l’obbligo vaccinale per tutto il personale scolastico. Il ministero dell’Istruzione ha comunicato attraverso una circolare di aver attivato un nuovo strumento per agevolare il compito di verifica da parte dei dirigenti scolastici dell’adempimento dell’obbligo.

Nella circolare si spiega come accedere a questo servizio disponibile nell’ambito del Sistema informativo dell’istruzione (Sidi): viene predisposta una nuova funzionalità oltre a quella per il controllo del green pass che consente di verificare lo stato vaccinale di docenti e personale Ata. Previsto anche un sistema di alert per conoscere i cambiamenti dello stato vaccinale del personale.

Vediamo cosa contiene la circolare, quali sono le indicazioni sulla modalità di controllo dell’obbligo vaccinale per il personale scolastico e in che modo utilizzare questa piattaforma per verificare il rispetto dell’ordine introdotto con il decreto super green pass.

Controllo obbligo vaccinale: cosa deve fare il dirigente scolastico

I dirigenti scolastici attraverso le loro credenziali personale dovranno accedere all’area ’Rilevazioni’ del Sidi e selezionare la funzionalità ’Rilevazione sulle istituzioni scolastiche - Verifica green pass/obbligo vaccinale’. Per farlo è sufficiente un qualsiasi dispositivo collegato a internet.

A quel punto il dirigente visualizza solo il codice degli istituti di propria competenza: selezionandoli può visualizzare lo stato vaccinale del personale. È inoltre possibile selezionare i nominativi e la tipologia del personale su cui effettuare la verifica.

Il dirigente vedrà inoltre un messaggio di alert in tutti quei casi di lavoratori del mondo della scuola per cui è stato modificato lo stato vaccinale nelle ultime 72 ore.

La circolare per i controlli dell’obbligo vaccinale a scuola

La verifica dell’obbligo vaccinale a scuola

Una volta che il dirigente arriva al singolo docente o lavoratore della comunità scolastica vede il suo stato: può essere “in regola” (quando ha ricevuto il vaccino) o “non in regola” (quando nel giorno del controllo non è in linea con l’obbligo).

Il dirigente deve quindi verificare con la persona interessata l’eventuale giustificazione per quei lavoratori non in regola. Giustificazione che può essere, per esempio, esistente nei casi di esenzione dal vaccino o di persona guarita di recente dal Covid.

Controlli a scuola, la possibilità di delega

Il dirigente scolastico ha la possibilità, attraverso una delega formale, di conferire il potere di verificare a un’altra persona individuata appositamente e formata. Chi viene autorizzato alle verifiche può consultare lo stato vaccinale solamente del personale dell’istituzione scolastica per cui è stato selezionato.

Verifica dell’obbligo vaccinale, l’informativa privacy

Spetta al dirigente scolastico il compito di assicurare il rispetto dell’obbligo vaccinale. L’istituzione scolastica deve comunicare a tutto il personale gli elementi relativi al trattamento dei dati.

Le scuole hanno a disposizione un modello standard per l’informativa sulla privacy da compilare e fornire al personale, ma questa informativa vale solo per i controlli effettuati col sistema Sidi e non per altre eventuali forme di verifica. A disposizione dei dirigenti c’è inoltre anche il servizio Help desk amministrativo contabile (Hdac).

Sostieni Money.it

Informiamo ogni giorno centinaia di migliaia di persone in forma gratuita e finanziando il nostro lavoro solo con le entrate pubblicitarie, senza il sostegno di contributi pubblici.

Il nostro obiettivo è poterti offrire sempre più contenuti, sempre migliori, con un approccio libero e imparziale.

Dipendere dai nostri lettori più di quanto dipendiamo dagli inserzionisti è la migliore garanzia della nostra autonomia, presente e futura.

Sostienici ora

Iscriviti a Money.it