Nissan: azione legale contro Ghosn

Dalla compagnia hanno fatto sapere di essere intenzionati a perseguire “azioni legali appropriate” contro Carlos Ghosn, ex CEO ora fuggito in Libano. I dettagli

Nissan: azione legale contro Ghosn

Nissan porterà avanti un’azione legale contro Carlos Ghosn. A farlo sapere la stessa compagnia, nella sua prima dichiarazione pubblica da quando l’ex CEO è fuggito da Tokyo, la scorsa settimana.

Nissan ha dichiarato che ritiene l’ex amministratore delegato responsabile di “condotte gravi e illecite”, comprese false dichiarazioni rispetto alle proprie entrate e l’utilizzo di beni aziendali a scopo privato:

“La società continuerà a intraprendere le azioni legali appropriate a certificare l’effettiva responsabilità di Ghosn del danno che la sua condotta scorretta ha causato a Nissan”,

ha affermato la compagnia tramite una nota.

Nissan: azione legale contro Ghosn

Ghosn è stato arrestato a Tokyo alla fine del 2018, con l’accusa di cattiva condotta finanziaria.

La circostanza ha portato immediatamente alla sua espulsione da Nissan. L’ex CEO ha più volte negato le accuse, sostenendo che il suo arresto faceva parte di un complotto mirato a rimuoverlo dall’impero che aveva costruito.

Era agli arresti domiciliari a Tokyo quando si è reso protagonista di una rocambolesca fuga verso il Libano la scorsa settimana, e sembra stia già usufruendo della sua nuova libertà per combattere il sistema penale giapponese, che vanta un tasso di condanne incredibilmente alto.

Nissan ha definito la fuga di Ghosn un “palese atto di sfida al sistema giudiziario giapponese”. Secondo il colosso automobilistico le conseguenze della cattiva condotta dell’ex dirigente automobilistico si sono rivelate “significative”, originando un procedimento penale negli Stati Uniti e indagini in Francia.

A settembre, Ghosn ha accettato di pagare 1 milione di dollari alla Securities and Exchange Commission degli Stati Uniti, allo scopo di mettere fine alle accuse di aver insabbiato la cifra relativa al risarcimento ricevuto da Nissan.

La causa della SEC rappresentava una questione civile, a differenza delle accuse penali che deve affrontare in Giappone. Come parte dell’accordo, Goshn non si è comunque mostrato disponibile ad ammettere nessun illecito.

Nissan ha fatto sapere che ha intenzione di continuare a collaborare con le autorità giudiziarie e di regolamentazione, laddove necessario.

Iscriviti alla newsletter Economia e Finanza per ricevere le news su Nissan

Condividi questo post:

Trading online
in
Demo

Fai Trading Online senza rischi con un conto demo gratuito: puoi operare su Forex, Borsa, Indici, Materie prime e Criptovalute.