Motivi di necessità: quali sono?

Isabella Policarpio

15 Dicembre 2020 - 13:35

15 Dicembre 2020 - 13:36

condividi
Facebook
twitter whatsapp

Quali sono i motivi di necessità e urgenza per i quali sono ammessi gli spostamenti tra comuni e regioni.

Motivi di necessità: quali sono?

Motivi di necessità e urgenza da dichiarare nel modulo di autocertificazione: quali sono?

In questo articolo abbiamo raccolto le principali ipotesi in cui uscire dal comune o dalla regione non è vietato perché risponde ad esigenze necessarie e non procrastinabili.

Ad esempio accompagnare i figli a scuola, assistere parenti non autosufficienti e fare la spesa.

Ecco quali sono i motivi di necessità e urgenza.

Fare la spesa è sempre un motivo di necessità

Fare la spesa alimentare o comprare altri beni in vendita nei negozi aperti rientra sempre nei motivi di necessità e urgenza.

Chi esce per recarsi al supermercato, al negozio di abbigliamento, in pasticceria e ogni altro esercizio in funzione non rischia la multa. Deve, però, attenersi alle misure di sicurezza anti-Covid (distanza di sicurezza e mascherina) e rispettare le norme previste in base al “colore” della regione di residenza.

Portare a spasso il cane

Portare il cane a spasso è sempre consentito, anche in zona rossa e arancione. Passeggiare con il cane, infatti, serve a sopperire alle sue esigenze fisiologiche.

Resta al buon senso civico limitarsi ad uscire con il cane il minimo indispensabile, senza approfittarne per stare fuori casa più del dovuto o incontrare persone non conviventi.

Commissioni presso banche, Poste e assicurazioni

Sono motivi di necessità urgenza da dichiarare nel modulo di autocertificazione gli spostamenti per svolgere commissioni presso gli uffici postali, la banca e le assicurazioni.

Fare benzina

Fare benzina rientra nei casi di necessità e urgenza e non è obbligatorio rifornirsi presso il distributore più vicino alla propria abitazione.

Accompagnare i figli a scuola

Uscire per accompagnare a scuola i figli è sempre consentito, in macchina, moto, bici o con i mezzi pubblici. In tal caso non sono vietati gli spostamenti fuori dal comune di residenza, nemmeno in zona rossa o arancione.

Assistere persone non autosufficienti

Il governo ha ribadito che rientra tra i motivi di necessità e urgenza assistere un genitore o un amico non autosufficiente. Chi deve adempiere a questo compito può spostarsi in un altro comune o regione anche nei giorni tra il 21 dicembre e il 6 gennaio (quando vigono restrizioni più severe).

Per questo tipo di spostamenti serve il modulo di autocertificazione.

Andare nelle seconde case, quando rientra nei motivi di necessità

Andare nelle seconde case di villeggiatura fuori dalla regione è vietato dal 21 dicembre al 6 gennaio. Ma il divieto non vale se il motivo dello spostamenti rientra nei casi di urgenza e necessità: ad esempio recuperare materiale indispensabile per il lavoro e riparare guasti alle tubature.

Tuttavia lo spostamento deve limitarsi al tempo strettamente necessario a risolvere il problema, e non si può pernottare.

Argomenti

Iscriviti alla newsletter

Money Stories