Modello 730/2021, le novità su detrazioni e obbligo di tracciabilità di pagamento

Rosaria Imparato

03/02/2021

03/02/2021 - 12:25

condividi
Facebook
twitter whatsapp

Modello 730/2021, tante le novità sulle detrazioni nella dichiarazione dei redditi di quest’anno, visto l’obbligo della tracciabilità di pagamenti. Di seguito un focus particolare sulle spese mediche.

Modello 730/2021, le novità su detrazioni e obbligo di tracciabilità di pagamento

Modello 730/2021, quali sono le ultime novità sulle detrazioni e sulle spese tracciabili? Bisogna tenere presente che dal 2020 sono entrate in vigore importanti regole introdotte dalla Legge di Bilancio che cambiano l’approccio ai pagamenti per le spese detraibili.

Dal 2020 infatti le detrazioni fiscali sono legate all’obbligo di tracciabilità dei pagamenti: il contante viene bandito per tutte quelle spese per le quali si intende fruire del rimborso Irpef del 19%.

Regole specifiche si applicano alle spese mediche: se l’acquisto di medicinali e dispositivi medici è totalmente escluso dall’obbligo di pagamento con mezzi tracciabili, per le visite sanitarie è necessario fare un discorso a parte.

Inoltre, la manovra 2020 ha introdotto dei limiti di reddito per beneficiare dei rimborsi Irpef.

Modello 730/2021, le novità su detrazioni e obbligo di tracciabilità di pagamento

Il 2020 è stato un anno particolarmente importante per la lotta all’evasione tramite l’abbandono dell’uso del contante. In questo contesto vanno inserite le novità in merito alla tracciabilità dei pagamenti e alla conseguente possibilità di portare in detrazione determinate spese in dichiarazione dei redditi.

La Legge di Bilancio 2020 ha introdotto due novità molto importanti riguardo il modello 730:

  • l’obbligo di tracciabilità dei pagamenti ai fini delle detrazioni fiscali del 19%;
  • l’introduzione di limiti di reddito per beneficiare dei rimborsi Irpef, cioè dai 120.000 euro l’importo riconosciuto si riduce progressivamente, fino ad annullarsi per chi ha redditi superiori a 240.000 euro.

Il taglio alle detrazioni fiscali, in avvio dal 1° gennaio 2020, non interessa le seguenti spese:

Le regole si applicano alle spese dell’articolo 15 del TUIR, con la sola eccezione delle spese sanitarie.

Modello 730/2021, novità sulle spese sanitarie detraibili

Come anticipato, sulle spese sanitarie va fatto un discorso ad hoc. Determinate spese infatti si possono ancora effettuare in contanti, senza perdere le detrazioni. Si tratta di:

  • acquisto di farmaci e dispositivi medici;
  • visite mediche presso strutture pubbliche;
  • visite mediche presso strutture private accreditate con il SSN.

Nel caso di prestazioni rese da privati non accreditati con il SSN il discorso è diverso.

È per queste categorie di spese che è scattato l’obbligo di pagare solo con bancomat, carte o bonifici ai fini della detraibilità del 19%.

Quindi chi andrà da un dentista, o da un dermatologo -ovvero per tutte le visite specialistiche eseguite da medici che esercitano la libera professione- non potrà pagare la prestazione resa con denaro contante e avere la detrazione, ma sarà obbligato ad utilizzare mezzi tracciabili, come il bancomat o bonifici.

Iscriviti alla newsletter

Money Stories