Messi rimarrà al Barcellona: il giocatore beffato dal coronavirus

Alla fine Messi rimarrà in Catalogna. Il giocatore non ha voluto fare causa al Barcellona

Messi rimarrà al Barcellona: il giocatore beffato dal coronavirus

Tanto rumore per nulla: Lionel Messi, alla fine, rimarrà giocatore del Barcellona. Dopo vent’anni, e una sonora figuraccia in Champions, il sei volte Pallone D’Oro era pronto a lasciare i blaugrana grazie a una clausola che gli avrebbe permesso di liberarsi a zero. Il club aveva immediatamente fornito un’opinione diversa della clausola, e alla fine è prevalsa la tesi della società.

Messi rimane al Barcellona

Messi non andrà via dal Barcellona. Ci credevano i bookmaker, forse ci credeva anche l’Inter, che secondo le voci aveva buone possibilità di tesserarlo, ma il malcontento del giocatore, alla fine, non ha avuto esito. In un’intervista a Goal, Messi ha spiegato le ragioni che lo spingevano ad andar via, e quali lo hanno spinto a rimanere.

Alla base dell’intento di andar via, ha spiegato Messi, c’è il disaccordo con il progetto della società. O, meglio, l’assenza di un progetto. “Non c’entra il risultato del Bayern, dipende da tante cose. Ho sempre detto che volevo restare qui”, ha spiegato il giocatore. Ma “la verità è che da tempo non c’è un progetto né nulla, loro si destreggiano e coprono i buchi mentre le cose vanno”, afferma Messi in aperta ostilità con l’amministrazione del club.

La decisione di andar via dal Barcellona, ha ribadito Messi, era stata sofferta, ma ponderata: “Era da molto che stavo pensando a questa decisione. L’ho detto al presidente e il presidente mi ha sempre detto che alla fine della stagione avrei potuto decidere”. Ma alla fine il presidente “non ha mantenuto la sua parola”.

Perché Messi non può lasciare il Barcellona

Dopo la notizia dell’addio al Barça, cui hanno fatto seguito infinite speculazioni giornalistiche sul suo futuro, Messi si è però trovato davanti a un bivio: portare in tribunale la sua squadra o rimanere. Secondo il club, infatti, il giocatore doveva comunicare la volontà di andar via molto prima.

Adesso si aggrappano al fatto che non l’ho detto prima del 10 giugno, quando è chiaro che il 10 giugno eravamo in corsa per la Liga nel mezzo di questo tremendo coronavirus, malattia che ha alterato tutta la stagione. E questa è la ragione per la quale resterò al Barcellona”, spiega Messi.

L’unico modo di andare via, secondo la società, era di pagare la clausola da 700 milioni di euro. “C’era un altro modo ed era andare in tribunale. Ma non farei mai causa al Barcellona, perché è il club che amo, che mi ha dato tutto sin da quando sono arrivato, è il club della mia vita”, spiega Messi.

Iscriviti alla newsletter

Trading online
in
Demo

Fai Trading Online senza rischi con un conto demo gratuito: puoi operare su Forex, Borsa, Indici, Materie prime e Criptovalute.

Money Stories