Pensione di invalidità: quali sono le malattie croniche riconosciute

Laura Pellegrini

27 Gennaio 2021 - 14:44

condividi
Facebook
twitter whatsapp

In quali casi si ha diritto alla pensione di invalidità? Ecco l’elenco delle malattie croniche riconosciute per beneficiare della pensione di invalidità.

Pensione di invalidità: quali sono le malattie croniche riconosciute

Le persone e i lavoratori che soffrono di malattie croniche possono ottenere il riconoscimento del grado di invalidità necessario ai fini della pensione di invalidità.

A seconda dell’invalidità civile riconosciuta, la pensione di invalidità ha un importo differente, stabilito dalle tabelle pubblicate dall’INPS. Non tutte le patologie, però, sono invalidanti e di conseguenza non sempre chi, a causa della propria malattia, ha difficoltà ad accedere al mondo del lavoro ottiene un contributo mensile da parte dello Stato.

Quali sono le malattie croniche riconosciute dal nostro ordinamento e il grado di invalidità di riferimento per poter accedere alla pensione di invalidità? Ecco tutti i casi possibili.

Invalidità civile

Per essere riconosciuto come invalido civile, il potenziale lavoratore (quindi la persona di età compresa tra i 18 e i 65 anni e 7 mesi) deve avere la normale capacità lavorativa compromessa. Chi invece ha meno di 18 anni, o più di 65 e 7 mesi, per essere riconosciuto come tale deve dimostrare di essere incapace di svolgere le attività tipiche della sua età.

Come anticipato, a seconda della gravità del deficit fisico o psichico l’invalidità viene riconosciuta in una determinata percentuale: solo se superiore al 74% dà diritto alla pensione di invalidità, mentre se pari al 100% verrà riconosciuta la pensione di inabilità. Per le percentuali inferiori (ad esempio 34%, 46%, 50% e 67%) sono riconosciute alcune agevolazioni, ma non è possibile richiedere la pensione mensile corrisposta dallo Stato.

Come accertare l’invalidità

Ad accertare che effettivamente il richiedente sia affetto da una patologia cronica e allo stesso tempo che questa sia causa di invalidità è un’apposita Commissione. Nel momento in cui la malattia viene riconosciuta come invalidante, quindi, il richiedente sarà considerato un invalido civile e meritevole della pensione di invalidità.

L’invalidità può essere sia fisica che psichica, l’importante è che colui che è affetto dalla malattia abbia difficoltà nello svolgere le funzioni tipiche della vita quotidiana a causa di quest’ultima.

Quali malattie croniche comportano l’invalidità

Il Decreto del Ministero della Salute datato 5 febbraio 1992 fornisce l’elenco completo delle malattie croniche che possono comportare uno stato invalidante. Tuttavia, come abbiamo visto in precedenza, solo quando il grado di invalidità è compreso tra il 75% e il 99% si ha diritto alla pensione. Vediamo, quindi, quali sono le malattie croniche talmente gravi da far scattare questo diritto.

Per ogni malattia esiste una percentuale minima e una massima di invalidità: sarà il medico incaricato dell’accertamento, infatti, a stabilire il grado di invalidità in base allo stadio della malattia.

Ecco una tabella completa con tutte quelle malattie che possono far maturare il diritto alla pensione di invalidità.

MALATTIE APPARATO CARDIOCIRCOLATORIO
Malattia Grado di invalidità
Aritmie gravissime 81%-100%
Coronaropatia gravissima sino all’allettamento o ipocinetica da scompenso cardiaco cronico terminale 81%-100%
Miocardiopatie con insufficienza cardiaca gravissima sino all’allettamento o ipocinetica da scompenso cardiaco cronico terminale 81%-100%
Trapianto cardiaco complicato 61%-100%
Valvulopatie di grado severo scompensate 81%-100%
Difetto interatriale (dia) – stadio IV – dia di grado severo. Gravi esiti di chiusura di dia. Inoperabile. 71%-100%
Difetto interventricolare (div) stadio V 81%-100%
Pervietà del dotto arterioso stadio V 81%-100%
Pericardite cronica o esiti di pericardite cronica – stadio V 81%-100%
Cardiopatia ipertensiva scompensata 81%-100%
Trapianto di cuore e polmoni complicato 71%-100%
Arteriopatia ostruttiva cronica periferica con ischemia cronica e dolore a riposo con lesioni trofiche estese o gangrena 81%-100%
MALATTIE CRONICHE APPARATO RESPIRATORIO
Broncopneumopatie asmatiche severe 81%-100%
Broncopneumopatie ostruttive severe 81%-100%
Broncopneumopatie restrittive severe 81%-100%
Interstiziopatie severe 81%-100%
Trapianto di polmone complicato 71%-100%
MALATTIE CRONICHE APPARATO DIGERENTE
Cirrosi epatica classe C di childpugh (punteggio superiore a 9) 81%-100%
Trapianto di fegato complicato 61%-100%
Trapianto di intestino complicato 61%-100%
Malattie infiammatorie croniche intestinali (III e IV classe) 61%-100%
MALATTIE CRONICHE APPARATO URINARIO
Trapianto renale con complicanze 51%-100%
MALATTIE CRONICHE APPARATO ENDOCRINO
Diabete mellito con complicanze moderate 61%-100%
Acromegalia con complicanze 21%-100%
Sindrome di cushing con complicanze 21%-100%
MALATTIE CRONICHE APPARATO NEUROLOGICO
Morbo di Parkinson –stadio 4 – 5 di hy (severa disabilità; ancora in grado di camminare o stare in piedi senza assistenza – obbligato alla sedia a rotelle o costretto a letto, a meno che aiutato) o stadio 3 con gravi effetti collaterali da farmaci antiparkinsoniani 91%-100%
Epilessia con crisi plurisettimanali generalizzate o parziali complesse 91%-100%
Emiplegia 81%-100%
Paraparesi con deficit di forza grave 81%-100%
Tetraparesi con deficit di forza medio 91%-100%
Afasia di livello 1 o 0 alla asrs 81%-100%
Mielomeningocele in associazione con deficit radicolari lombosacrali e sfinteriali 21%-100%
MALATTIE PSICHICHE
Anoressia nervosa (deficit grave) 75%-100%

Iscriviti alla newsletter

Money Stories