Legge 104, agevolazioni disabili per auto elettriche e ibride

Rosaria Imparato

20 Febbraio 2020 - 13:30

condividi
Facebook
twitter whatsapp

Legge 104, grazie alla legge di conversione del Decreto Fiscale l’IVA al 4% è stata estesa anche all’acquisto di auto elettriche e ibride. Vediamo quali sono le novità sulle agevolazioni fiscali per i disabili.

Legge 104, agevolazioni disabili per auto elettriche e ibride

Legge 104, novità sulle agevolazioni fiscali per i disabili che vogliono acquistare un’auto elettrica o ibrida.

Fino allo scorso anno, infatti, l’IVA al 4% era applicata solo per l’acquisto di vetture a benzina o a diesel.

Un vuoto normativo non indifferente, considerando che viviamo in un momento storico in cui si pone grande attenzione alla tutela dell’ambiente, e che la legge di riferimento risale al 1972, anno in cui le auto ibride ed elettriche nemmeno esistevano.

Questa lacuna legislativa è stata colmata grazie alla legge di conversione del Decreto Fiscale, con cui le agevolazioni fiscali vengono “equiparate”, estendendole anche all’acquisto di auto ibride o elettriche.

I limiti per la potenza del motore dei veicoli ibridi sono gli stessi delle altre auto, cioè 2000 centimetri cubici per i motori a benzina, e 2800 per quelli diesel.

Per quanto riguarda i veicoli elettrici, invece, non si possono superare i 150 kW.

Legge 104, agevolazioni disabili per auto elettriche e ibride

Finalmente il Decreto Fiscale 2020 ha colmato un vuoto normativo non da poco nell’ambito delle agevolazioni fiscali dedicate ai disabili a cui è stata riconosciuta la legge 104.

Parliamo, nel dettaglio, dell’articolo 53-bis del decreto 124/2019, introdotto dalla legge di conversione, che estende l’agevolazione dell’IVA al 4% anche per l’acquisto di vetture ibride ed elettriche.

Nello specifico, la normativa di riferimento per l’accesso alle agevolazioni è stata modificata con la seguente dicitura:

“di cilindrata fino a 2.000 centimetri cubici se con motore a benzina o ibrido, a 2.800 centimetri cubici se con motore diesel o ibrido e di potenza non superiore a 150 kW se con motore elettrico.”

Dunque, vediamo i criteri con cui la legge di conversione del Decreto fiscale 2020 estende le agevolazioni per i veicoli delle persone con disabilità ad auto ibride ed elettriche:

  • auto ibride: gli stessi criteri di quelle a benzina o diesel, ovvero con il limite di 2000 centimetri cubici per motori a benzina e 2800 per quelli a gasolio;
  • auto elettriche: il limite per motori di potenza inferiore o uguale a 150 kW.

Le auto escluse dall’agevolazione sono quelle di grossa cilindrata.

Dal 2020, quindi, i disabili possono acquistare un’auto ibrida o elettrica usufruendo dell’IVA agevolata al 4%.

L’aggiornamento della norma di riferimento, il Dpr 633/72, si era fatto quanto mai necessario, visto che appunto nel 1972 non esistevano le auto elettriche o ibride.

Legge 104, agevolazioni fiscali per acquisto auto disabili

La novità del Decreto n. 124/2019 va a incrementare il pacchetto delle agevolazioni fiscali dedicate all’acquisto auto per i disabili a cui è stata riconosciuta la legge 104.

Per quanto riguarda l’acquisto dell’auto, i benefici di cui si può usufuire sono:

  • la detrazione IRPEF del 19% della spesa sostenuta per comprare la macchina;
  • l’IVA agevolata, quindi al 4%, invece di quella ordinaria del 22%;
  • l’esenzione dal pagamento del bollo auto e dall’imposta per il passaggio di proprietà.

Tra le novità per la legge 104 c’è anche la validità retroattiva dei documenti che attestano la disabilità necessari per ottenere l’IVA agevolata al 4% sull’acquisto di un’auto.

Ricordiamo, infine, che queste agevolazion non spettano solo al disabile, ma si estendono anche ai familiari che se ne prendono cura, i cosiddetti caregivers.

In allegato la guida ufficiale dell’Agenzia delle Entrate, si specifica però che l’ultima disponibile è aggiornata a ottobre 2019.

Le agevolazioni fiscali per le persone con disabilità - Guida AdE
Clicca qui per scaricare la guida dell’Agenzia delle Entrate aggiornata a ottobre 2019.

Iscriviti alla newsletter

Money Stories
SONDAGGIO