Italian Tech Aliance: otto proposte ai partiti per rendere l’innovazione italiana competitiva a livello europeo

Redazione

16 Settembre 2022 - 09:25

condividi

Le proposte concrete per il nuovo governo che guiderà l’Italia dopo le elezioni del 25 settembre.

Italian Tech Aliance: otto proposte ai partiti per rendere l'innovazione italiana competitiva a livello europeo

Otto proposte concrete per chi sarà chiamato a governare l’Italia dopo le elezioni politiche del prossimo 25 settembre. Sono quelle avanzate da Italian Tech Alliance, l’associazione italiana del venture capital, degli investitori in innovazione (business angel, family office e corporate) e delle startup e PMI innovative, con l’obiettivo di offrire al nuovo governo un quadro dei provvedimenti necessari, e di facile attuazione, per sostenere l’ecosistema dell’innovazione italiano.

“Va notato con dispiacere come in questa campagna elettorale i temi legati all’innovazione e alla tecnologia non siano quasi del nulla stati toccati, commenta Francesco Cerruti, Direttore Generale di Italian Tech Alliance. Considerando invece il grande ritardo che l’Italia ha rispetto a tanti altri Paesi, è importante che chi sarà chiamato a governare dopo il 25 settembre comprenda che porre attenzione nei confronti delle startup non significa semplicemente sostenere un’impresa, ma che si tratta di un investimento sulla crescita del Paese nel suo complesso, consentendo la creazione di nuovi posti di lavoro e il consolidamento di realtà che si rivelano sempre più centrali per il futuro della nostra economia”, conclude Cerruti.

Nonostante la pandemia da Covid-19 e la difficile situazione economica, la quantità degli investimenti verso startup e imprese innovative in Italia ha registrato negli ultimi anni un significativo incremento: l’ecosistema italiano ha continuato a crescere, anche grazie al contributo di nuovi investitori e ai primi segnali di un cambiamento culturale nei grandi gruppi italiani, ancora lungi dall’essere concluso, che hanno rivolto attenzione e sostegno al mondo dell’innovazione.

Ciò si è tradotto in un aumento degli investimenti in Italia, che sono arrivati alla cifra record di € 1,24 miliardi nel 2021, in netta crescita rispetto ai 569 milioni di euro nel 2020 e ai 367 milioni di euro del 2019. Nello stesso 2021 però, in Spagna sono stati investiti in imprese innovative € 6,6 miliardi, in Francia € 11,6 miliardi e in Germania € 16,2 miliardi.

Se dal lato degli investimenti l’ecosistema italiano registra degli incrementi senza precedenti, è però importante evidenziare che il distacco rispetto agli altri paesi europei risiede nella bassa produttività del suo ecosistema e dalla scarsa presenza di grandi imprese. In questo contesto, le startup e le PMI innovative restano un segmento solido e resiliente in espansione, nonostante i vari ostacoli del quadro giuridico nazionale e l’alternarsi di situazioni macroeconomiche avverse.

  1. Riorganizzazione delle agevolazioni relative agli investimenti in startup e PMI innovative, e più in generale un Libro Bianco che riassuma le principali norme relative al settore tecnologico. Sarebbe fondamentale riprendere il lavoro peraltro già iniziato nella scorsa legislatura con la proposta di legge “Start Act” per varare un unico testo contenente le principali indicazione per startup e investitori regolamentati.
  2. Aumento degli incentivi fiscali per investimenti di fondi previdenziali e casse assicurative verso venture capital e altri investitori professionali. Per favorire il loro coinvolgimento sarebbero importanti alcune agevolazioni supplementari a partire dalla deduzione fiscale del 30 per cento dell’investimento in startup, PMI innovative, fondi di venture capital e società d’investimento che investono almeno il 30 per cento in startup e PMI innovative. Le plusvalenze derivanti dalle partecipazioni al capitale sociale di una o più startup e/o PMI innovativa - direttamente o per tramite di investitori professionali - non dovrebbero concorrere alla formazione del reddito unico imponibile degli investitori istituzionali (come già previsto come misura temporanea per le persone fisiche dal DL 73/2021).
  3. Promozione di Fondi di Fondi misti “pubblico-privati” con l’obiettivo di aumentare le risorse disponibili attraverso un effetto moltiplicatore. Sarebbe auspicabile che ciascun fondo possa identificare i gestori delle risorse, nel rispetto dei vincoli di mandato fissati dall’erogatore. Gli investitori (anche quelli di piccolo taglio, come i Business Angels) dovrebbero poter contare su fondi specifici dedicati che operino sul mercato secondario.
  4. Riforma e potenziamento del meccanismo di credito d’imposta in ricerca e sviluppo, che si dovrebbe concentrare su tre aspetti: identificazione ex ante delle spese sulle quali viene riconosciuto il credito d’imposta per superare l’incertezza e stimolare gli investimenti in ricerca e sviluppo; introduzione della possibilità che tali crediti siano venduti, alla stregua di quanto avviene nell’edilizia con il bonus 110%, o usati sotto forma di voucher; creazione ad hoc di un Credito imposta ricerca e sviluppo al 50%, dedicato alle startup e PMI innovative, che spesso non possono usufruire di questa misura perché operano ancora in uno status pre-profitto.
  5. Adozione di un Tech Transfer Act, che faciliti il trasferimento tecnologico in Italia, ad oggi limitato da un sistema normativo poco chiaro che pregiudica lo sviluppo dell’innovazione e la crescita del Paese.
  6. Messa a sistema delle agevolazioni per chi investe in startup e PMI innovative previste nel DL Rilancio (maggio 2020) con quelle precedentemente previste al 30%. Superamento del regime de minimis e allineamento del tetto previsto per le startup a quello per le PMI innovative (€ 300.000).
  7. Introduzione dei regolamenti attuativi per estendere agli investimenti in Fondi/OICR le stesse agevolazioni esistenti per persone fisiche che investono in startup e PMI innovative (vd DL n.34/2022 art.38 commi 7 e 8).
  8. Allocazione delle rimanenze dei Fondi Europei di Sviluppo Regionale verso imprese innovative e fondi di venture capital. Previsione di un fondo specificamente dedicato agli ambiti di indirizzi dei FESR su base regionale nel quale allocare le rimanenze dei fondi stessi da destinare a imprese innovative attive in ambiti specifici, mantenendo inalterata destinazione geografica e settoriale. La misura non avrebbe alcun impatto su altre fonti di spesa, ma il vantaggio di evitare la dispersione di risorse che altrimenti non verrebbero utilizzate dalle amministrazioni beneficiarie.

Argomenti

Iscriviti a Money.it