Investire in titoli energetici conviene ancora? Un’analisi

Violetta Silvestri

9 Luglio 2022 - 11:18

condividi

Investire nel comparto energetico è un rifugio sicuro per i trader in questo momento così volatile per i mercati azionari? Un’analisi su cosa prevedere sull’energia, in primo piano con la guerra.

Investire in titoli energetici conviene ancora? Un'analisi

Gli investitori stanno perdendo uno dei pochi posti in cui rifugiarsi nel crollo del mercato azionario di quest’anno, poiché la svendita di titoli energetici iniziata il mese scorso li sta lasciando senza un posto dove investire con sicurezza.

L’energia è il gruppo con la performance peggiore nell’indice S&P 500 nelle ultime cinque sessioni, stando all’analisi di Bloomberg. L’indice S&P 500 Energy Sector è in calo del 18% dall’inizio del mese scorso, rispetto a uno del 6% dell’S&P 500. I titoli stanno addirittura sottoperformando il ribasso del 9% del greggio West Texas Intermediate.

Detto questo, occorre anche sottolineare che l’energia rimane l’unico settore S&P a crescere quest’anno. Cosa aspettarsi e come gestire gli investimenti in titoli energetici?

Investire nell’energia: è ancora il momento? Previsioni

Le notizie preoccupanti per il comparto e le prospettive di guadagno stanno arrivando a ondate secondo gli strateghi. Proprio questa settimana, la US Energy Information Administration ha pubblicato dati sullo stoccaggio del greggio che erano “negativi per il complesso petrolifero”, mostrando una costruzione inaspettata di 8,2 milioni di barili, ha scritto in una nota l’analista di MKM Partners Leo Mariani. Le cifre sono “ribassiste per il greggio a lungo termine” perché implicano che il “mercato è in eccesso di offerta”, ha scritto.

Questo è un cambiamento rispetto alla primavera, quando i titoli energetici erano tra le opzioni più interessanti, ha affermato James Hodgins, stratega del portafoglio Stifel. Il problema è che una manciata di fattori che hanno spinto l’aumento dell’energia, come la riapertura delle economie dopo la pandemia e l’invasione russa dell’Ucraina, si sono dissipati.

L’altro fattore che grava sul gruppo è la prospettiva di una recessione, la cui gravità inciderà sui prezzi del petrolio e, per estensione, sui titoli energetici. Detto questo, il greggio potrebbe anche ottenere un aiuto dalla riapertura dell’economia cinese dalle pesanti restrizioni Covid e dal suo massiccio piano di stimolo.

Wall Street rimane comunque rialzista sulle azioni energetiche, nonostante un’ondata di tagli agli obiettivi di prezzo sui titoli petroliferi. Secondo i dati raccolti da Bloomberg, due terzi delle società dell’indice S&P 500 Energy hanno un rating di acquisto. È uno dei settori più quotati sul mercato, dietro l’informatica e il settore immobiliare. Gli analisti vedono un rendimento medio del 31% per le azioni nell’indice energetico, rispetto al 26% per il più ampio S&P 500.

Cole Smead, presidente e portfolio manager di Smead Capital Management ha spiegato che è probabile che la recente volatilità spingerà i generalisti e gli investitori al dettaglio fuori dal settore. Tuttavia, quella stessa volatilità rende il comparto più attraente per gli investitori che guardano a un mercato petrolifero fisico ristretto.

Smead ritiene che il recente calo dei prezzi del petrolio sia guidato dalla speculazione piuttosto che dai fondamentali. Le compagnie petrolifere e del gas stanno coprendo meno della loro produzione e quindi non sono così attive nel commercio di futures sul petrolio, lasciando il mercato più incline a oscillazioni speculative, ha affermato.

Tuttavia, le azioni di petrolio e gas dovrebbero continuare la loro sovraperformance alla luce delle scarse forniture di greggio e dell’elevata inflazione. Alla domanda quali sono i modi più semplici per battere l’inflazione, gli ha ribadito: “Investire in energia.”