Indicatore MACD: cos’è e come funziona

Indicatore MACD: strumento tra i più popolari in analisi tecnica. Definizione, significato, utilizzo, interpretazione e svantaggi.

Indicatore MACD: cos'è e come funziona

L’indicatore MACD è uno degli strumenti di analisi tecnica più diffusi e mostra la convergenza o divergenza delle medie mobili (moving average convergence divergence - MACD).
Ma perché l’indicatore MACD è così utilizzato dalla maggior parte dei trader e quali segnali importanti può dare?

Di seguito trattiamo tutti gli aspetti legati all’indicatore MACD, dal suo significato al suo calcolo.

Indicatore MACD: definizione

Il MACD è un indicatore molto popolare utilizzato nell’analisi tecnica. L’indicatore MACD può essere usato per identificare gli aspetti del trend generale di un asset. In particolare, attraverso il MACD si può valutare il momentum, insieme alla direzione del trend e la sua durata.

Ciò che rende l’indicatore MACD così utile e pieno di informazioni, in realtà, è la combinazione di due diversi tipi di indicatori. Per prima cosa, il MACD si avvale di due medie mobili di lunghezza variabile per identificare la direzione del trend e la sua durata.

Poi, il MACD prende la differenza dei valori tra le due medie mobili (la MACD line) e una media mobile esponenziale delle stesse medie mobili (linea di segnale) e individua la differenza tra le due linee come un istogramma che oscilla sopra e sotto un epicentro con valore 0. L’istogramma viene visto dai trader come una buona indicazione circa la quantità di momentum di un titolo.

Indicatore MACD: storia

La creazione del MACD, per quel che ne sappiamo, può essere suddivisa in due eventi separati:

  • nel 1970, Gerald Appel ha creato la linea di MACD.
  • nel 1986, Thomas Aspray aggiunto la funzione istogramma al MACD.

Il contributo dell’analista Aspray ha fornito un modo per anticipare i possibili crossover del MACD, che sono una parte fondamentale dell’indicatore.

Indicatore MACD: calcolo

Linea di MACD: media mobile esponenziale a 12 periodi meno la media mobile esponenziale a 26 periodi.

Linea di segnale: EMA a 9 periodi della linea di MACD Line

Istogramma MACD: linea di MACD - linea di segnale

Indicatore MACD: le basi

Per comprendere appieno l’indicatore MACD, è prima necessario definire il significato di ciascuno dei componenti dell’indicatore.

La linea MACD
La MACD Line è il risultato della sottrazione di una EMA a più lungo termine con una EMA più corta.
I valori più comunemente usati sono la media mobile esponenziale a 26 periodi (più a lungo termine) e la media mobile esponenziale a 12 periodi (più a breve termine), ma sta al trader scegliere.

La linea di segnale

La linea di segnale è una media mobile esponenziale (EMA) della linea MACD descritta precedentemente.
Il trader può scegliere il lasso di tempo su cui calcolare l’EMA da utilizzare per la linea di segnale, tenendo conto che il settaggio più comune è quello a 9 periodi.

L’istogramma MACD
Con l’avanzare del tempo, la differenza tra la linea MACD e linea di segnale si fa continuamente diversa. L’istogramma MACD prende questa differenza e la segnala in un istogramma di facile lettura. La differenza tra le due linee oscilla attorno ad una linea con valore 0.

La popolarità dell’indicatore MACD è dovuta per lo più alla sua utilità di aiutare velocemente ad individuare l’intensità del momentum nel breve termine. Tuttavia, prima di analizzare come funziona l’indicatore MACD, è importante comprendere per bene qual è la relazione tra le medie mobili a breve e quelle a lungo termine.

Come possiamo vedere dal grafico che segue, molti trader attendono di vedere la media mobile esponenziale di breve periodo (linea blu) superare la media mobile più a lungo termine (linea arancione), leggendolo con un segnale di rialzo del momentum.

La EMA a 12 periodi che supera quella a 26 periodi suggerisce che il prezzo si sta rialzando più velocemente rispetto a quanto abbia fatto in passato, quindi siamo davanti ad un segnale di acquisto.

Viceversa, una media mobile a medio termine che si sposta al di sotto di una media mobile esponenziale a più lungo termine mostra che il prezzo dell’asset si sta abbassando più velocemente rispetto al passato, suggerendo che potrebbe essere un buon momento per vendere.


Figura 1

Il significato dell’indicatore MACD

Un’interpretazione generale del MACD può essere la seguente: quando il MACD è positivo e il valore dell’istogramma è in aumento, il momentum rialzista è in aumento. Quando il MACD è negativo e il valore dell’istogramma diminuisce, il momentum ribassista si sta rafforzando.

Indicatore MACD: cosa cercare

L’indicatore MACD è in genere buono per identificare tre tipi di segnali di base;

  • crossover della linea di segnale
  • crossover della linea zero
  • divergenza.

Crossover della linea di segnale

I segnali di acquisto e vendita si avranno perlopiù in caso di crossover tra le medie.

Si avrà un segnale rialzista quando la linea MACD incrocia a rialzo la linea segnale. Viceversa, si avrà un’indicazione ribassista quando la linea MACD incrocerà a ribasso la linea segnale. Tanto più l’incrocio sarà veloce tanto più il segnale risulterà affidabile.

Crossover della linea zero

Il segnale di crossover della linea zero ha una premessa molto simile al segnale precedente. È meno comune dell’incrocio con la Signal line e si avrà quando la linea MACD incrocerà a rialzo (segnale long) o ribasso (segnale short) la linea dello zero.

Divergenza

La divergenza è un altro segnale creato dall’indicatore MACD. In poche parole, la divergenza si verifica quando l’andamento del MACD e quello del prezzo non corrispondono.

Una divergenza rialzista si verifica quando il prezzo registra una serie di minimi decrescenti, mentre il MACD segna una progressione di lows più alti.

Divergenza ribassista è il caso contrario rispetto a quella descritta prima, e si verifica quando il prezzo registra una serie di top crescenti, mentre il MACD segna una successione di massimi decrescenti.

Indicatore MACD in breve

Ciò che rende il MACD uno strumento così prezioso per l’analisi tecnica è che è quasi come due indicatori in uno. Può aiutare a identificare i trend, ed è in grado di misurare la qualità del momentum. Questo tipo di versatilità è il motivo per cui l’indicatore MACD è tanto utilizzato dai trader e dagli analisti in tutti i mercati finanziari.

Nonostante gli evidenti attributi del MACD, proprio come ogni indicatore, il trader o l’analista deve esercitare una certa cautela. Ci sono solo alcune cose che il MACD non riesce a fare bene e può ingannare il suo utilizzatore a prescindere.

In particolare, gli operatori possono essere tentati ad utilizzare l’indicatore MACD come un modo per trovare le condizioni di ipercomprato o ipervenduto, ma non è una buona idea: questo perché non avendo una formula normalizzata, il MACD può assumere qualunque valore, rendendo impossibile identificare con precisione le “soglie di eccesso”. Con il tempo e l’esperienza sufficiente, quasi chiunque voglia analizzare i dati su un grafico dovrebbe essere in grado di fare un buon uso del MACD.

Indicatore MACD: cos’è e come funziona

Notiamo come la divergenza tra le due medie mobili nel grafico 1 aumenta all’aumentare della forza del momentum rialzista.
L’indicatore MACD è stato creato per trarre profitto proprio da questa divergenza, analizzando la differenza tra le due medie mobili esponenziali.

Nello specifico, il valore della media mobile a lungo termine viene sottratto da quello della media mobile a breve termine, e il risultato viene trasportato sul grafico.

I periodi utilizzati per calcolare l’indicatore MACD possono essere facilmente personalizzati in modo da essere adattati a qualsiasi strategia, ma la maggior parte dei trader usano di default i periodi da 12 e 26 periodi.

Un valore positivo dell’indicatore MACD, che si crea quando la media mobile a breve termine si trova al di sopra di quella a più lungo termine, viene letto come un segnale rialzista. Il valore del MACD può essere utilizzato per spingere i trader ad aspettare a prendere posizioni short fino a quando l’indicatore non segnalerà che è appropriato.

Viceversa, un valore negativo dell’indicatore MACD suggerisce che il trend ribassista si sta facendo più forte e che potrebbe non essere il momento giusto per comprare.

Indicatore MACD, sell o buy? Alcuni esempi

Come si diceva prima, i segnali più affidabili di questo indicatore si avranno quando la linea del MACD (in blu) attraversa a rialzo o a ribasso la linea segnale (in rosso).


Gbp/Usd, grafico giornaliero. Fonte: Bloomberg

Nel grafico proposto, che mostra l’andamento giornaliero del cambio Gbp/Usd giornaliero, si possono osservare numerosi segnali, evidenziati in verde se long, in rosso se short. Non mancano i falsi movimenti, ma questi sono filtrabili in diversi modi. A tal proposito, un esempio potrebbe essere quello di considerare le indicazioni rialziste se il prezzo si trova sopra una media mobile a 50 periodi. Viceversa, le indicazioni ribassiste andranno considerate solamente quando i corsi veleggiano al di sotto della media a 50 periodi.

Un altro metodo è prendere i segnali giornalieri per impostare delle strategie intraday: in questa maniera si ridurranno i tempi di esposizione a mercato e si ridurranno il numero degli stop loss.

Oltre a questo, un altro modo per evitare molti falsi segnali è quello di considerare gli “incroci” rialzisti se il MACD si trova al di sopra alla linea dello zero. Se invece l’indicatore si trova al di sotto della “0 line”, allora si potranno valutare con maggior favore i setup short.

Come detto in precedenza, l’indicatore MACD è calcolato facendo la differenza tra la media mobile a breve termine (media mobile esponenziale a 12 giorni) e una media mobile più a lungo termine (di solito l’EMA a 26 giorni). Date queste indicazioni, il valore dell’indicatore MACD sarà uguale a zero ogni volta che le due medie mobili si incrociano l’una con l’altra.


Gbp/Usd, grafico giornaliero. Fonte: Bloomberg

A tal proposito, prendendo il medesimo esempio e osservando solamente gli incroci tra la linea del MACD e quella dello zero, si noterà come il numero di segnali si riduce notevolmente. Oltre a costituire dei setup operativi, queste indicazioni sono un buon “termometro” sulla forza della tendenza in atto.

Indicatore MACD: vantaggi

Negli esempi precedenti, i vari segnali generati dall’indicatore MACD sono facilmente interpretabili e possono essere inseriti in una qualsiasi strategia di trading.

Ad un livello base, l’indicatore MACD è uno strumento molto utile che può aiutare i trader a verificare che la direzione del trend sia a loro favore.

Indicatore MACD: svantaggi

Il principale svantaggio nell’utilizzo dell’indicatore MACD è quello della tempestività dei segnali, in quanto, essendo un algoritmo “lagging” non individuerà con un timing preciso l’inversione di tendenza.

Iscriviti alla newsletter Formazione Finanziaria

Condividi questo post:

Trading online
in
Demo

Fai Trading Online senza rischi con un conto demo gratuito: puoi operare su Forex, Borsa, Indici, Materie prime e Criptovalute.