Impianto fotovoltaico in un solo giorno: con il decreto Bollette diventa possibile

28 Aprile 2022 - 12:58

condividi

Fotovoltaico, nuove regole con il decreto bollette: per gli impianti installati nelle zone idonee l’autorizzazione si ottiene in un solo giorno.

Impianto fotovoltaico in un solo giorno: con il decreto Bollette diventa possibile

Con la conversione del cosiddetto decreto Bollette (dl n. 17/2022) diventa più semplice l’installazione degli impianti fotovoltaici, eolici e di accumulo idroelettrico.

Infatti, si potrà ottenere l’autorizzazione per l’installazione dei suddetti impianti in un solo giorno. Bisogna sottolineare fin da subito che tale semplificazione non è per tutti: per i privati che vogliono installare un impianto fotovoltaico le tempistiche restano quelle solite, con tempi più o meno lunghi a seconda che si intenda ricorrere o meno al superbonus 110%.

La novità introdotta dal decreto bollette, infatti, riguarda solamente le cosiddette aree idonee, le quali vengono ampliate consentendo a un maggior numero d’investitori di puntare in pochissimo tempo sul mercato delle energie rinnovabili.

Vediamo cosa cambia dunque con il decreto Bollette e perché paradossalmente - al netto dei tempi d’installazione e collegamento - diventa possibile avere un impianto fotovoltaico in un solo giorno.

Impianti fotovoltaici, e non solo: autorizzazione in un solo giorno

Con il via libera arrivato il 21 aprile scorso è entrata in vigore la legge di conversione del decreto Bollette, con tanto di novità che riguardano l’installazione di:

  • impianti fotovoltaici;
  • impianti eolici, anche off shore;
  • impianti di accumulo idroelettrico attravero pompaggio puro;
  • impianti a biogas e biometano.

Nel dettaglio, per questi impianti vengono estese le cosiddette aree idonee dove le semplificazioni autorizzative sono applicabili nell’immediato, senza dunque che siano necessari interventi attuativi nazionali o regionali. Tale semplificazione, quindi, prevede che nelle aree idonee l’installazione d’impianti fotovoltaici potrebbe essere autorizzata in tempi rapidi, anche in un solo giorno. Questo perché per dare il via ai lavori d’installazione sarà sufficiente la Dichiarazione d’inizio lavori asseverata (Dila).

Ciò vale tuttavia solamente per gli impianti fotovoltaici che soddisfano determinate caratteristiche, ossia per quelli che vengono installati su edifici o strutture edilizie o con moduli a terra o anche flottanti su invasi e bacini idrici e agro-voltaici. Ed è necessario che tali impianti abbiano una potenza inferiore a 1 Mw.

Cosa sono le aree idonee?

Per capire dove si applica tale agevolazione, bisogna fare chiarezza sul concetto di area idonea, come prevista ai sensi del Dlgs 199/2021 (noto anche come decreto Red II). Nel dettaglio, con queste si intendono quei siti nei quali sono previsti interventi di modifica sostanziale che possono essere di rifacimento, potenziamento o d’integrale ricostruzione. Rientrano in tali aree anche quei siti in cui vengono aggiunti sistemi di accumulo, o anche gli impianti fotovoltaici di nuova costruzione interni agli impianti industriali e agli stabilimenti.

Con le novità apportate dal decreto bollette, inoltre, rientrano tra le cosiddette aree idonee anche le zone agricole, indipendentemente dalla presenza di vincoli paesaggistici. Tuttavia, ciò è possibile solo quando queste si trovino in un perimetro in cui i punti distano non più di 300 metri da zone a destinazione industriale, artigianale e commerciale, compresi siti d’interesse nazionale.

E ancora, vale pure per quelle aree adiacenti alla rete autostradale, come per quelle nella disponibilità dei gestori d’infrastrutture ferroviarie e autostradali.

L’unico vincolo resta quello che riguarda i beni culturali disciplinati dalla parte seconda del Codice dei beni culturali e del paesaggio.

In tempi normali quanto ci vuole per l’installazione di un fotovoltaico?

Per chi non rientra nelle cosiddette aree idonee, ossia la maggior parte delle persone, i tempi di autorizzazione non sono più lunghi, tuttavia bisogna comunque considerare quanto serve per installazione e collegamento dell’impianto.

Nel dettaglio, una volta saldato il prodotto l’azienda dovrà effettuare la comunicazione preventiva d’installazione al Comune di riferimento, il quale solitamente si prende alcuni giorni di tempo per la verifica di tutte le componenti. Si tratta comunque di una fase che solitamente, specialmente per gli impianti che non superano i 20 kW, non prevede chissà quali problematiche e viene sbrigata in pochi giorni.

Una volta ottenuta l’autorizzazione amministrativa ecco che si potrà procedere con l’installazione vera e propria, la quale può anche avvenire in un solo giorno. Il problema semmai è la connessione dell’impianto, per la quale possono volerci - grazie all’iter semplificato - anche 2 mesi per i lavori più semplici, fino a 5 mesi per quelli più complessi.

Iter semplificato che è possibile solo quando l’impianto viene installato sul tetto dell’immobile e viene allacciato a un punto di prelievo in bassa tensione già collegato a sua volta ad altri impianti di produzione elettrica. Inoltre, è necessario che l’impianto - che in ogni caso non può superare i 20 kw - abbia una potenza inferiore o uguale a quella già impegnata sul punto di prelievo.