Il taglio tassi Fed non è così lontano, questi 2 dati lo confermano

Violetta Silvestri

13 Giugno 2024 - 15:27

Nuovi dati incoraggiano gli investitori sull’arrivo del primo taglio ai tassi Fed: ecco 2 motivi per credere che la banca centrale Usa non aspetterà dicembre per diminuire il costo del denaro.

Il taglio tassi Fed non è così lontano, questi 2 dati lo confermano

Se tutti i mercati sono con il fiato sospeso, incerti su quando arriverà il primo taglio tassi Fed, questi 2 dati hanno appena aperto uno spiraglio. L’allentamento della politica monetaria negli Usa non è poi così lontano se si leggono i risultati dei prezzi alla produzione di maggio e delle nuove richieste di sussidi per la disoccupazione.

Il numero di americani che hanno presentato nuove richieste di sussidio di disoccupazione è salito al livello più alto degli ultimi 10 mesi la scorsa settimana, indicando un allentamento delle condizioni del mercato del lavoro. Inoltre, i dati sui prezzi alla produzione sono stati inferiori alle stime a maggio.

Mercoledì la banca centrale americana ha mantenuto il tasso di interesse overnight di riferimento nell’attuale intervallo compreso tra 5,25% e 5,50%, dove si trova dallo scorso luglio. I funzionari della Fed hanno posticipato l’inizio dei tagli dei tassi forse addirittura a dicembre, con i politici che prevedono solo una riduzione di un quarto di punto percentuale per quest’anno.

I 2 dati appena svelati possono però cambiare le aspettative e accelerare la riduzione del costo del denaro.

2 dati supportano la politica dei tagli tassi Fed

Le richieste iniziali di sussidio di disoccupazione statale sono balzate da 13.000 a 242.000 destagionalizzato per la settimana terminata l’8 giugno, il livello più alto dallo scorso agosto, ha detto giovedì il Dipartimento del Lavoro. Gli economisti intervistati da Reuters avevano previsto 225.000 sinistri nell’ultima settimana.

Il mercato del lavoro si sta costantemente raffreddando poiché gli effetti cumulativi e ritardati degli aumenti dei tassi di interesse di 525 punti base della Federal Reserve a partire dal 2022 hanno un ampio impatto sull’economia.

A maggio, per la prima volta da gennaio 2022, il tasso di disoccupazione è salito al livello ancora relativamente basso del 4%, mentre la crescita economica ha subito un notevole rallentamento nel primo trimestre.

L’indice dei prezzi alla produzione di maggio è sceso dello 0,2% rispetto al mese precedente. Gli economisti intervistati dal Dow Jones si aspettavano un aumento dello 0,1%. Questo rapporto arriva il giorno dopo che l’indice dei prezzi al consumo di maggio è aumentato meno del previsto il mese scorso.

I dati seguono anche la decisione politica della Federal Reserve. Powell ha ribadito che sono stati compiuti progressi sul fronte dell’inflazione. Detto questo, la banca centrale ha abbassato le aspettative di taglio dei tassi per il 2024 a uno rispetto alla stima precedente di tre.

Settembre sarà il mese scelto per il primo taglio? I 2 risultati macro sono incoraggianti. Essi si aggiungono all’inflazione Usa di ieri, in raffreddamento. Powell è sembrato sostenere lo scetticismo del mercato, minimizzando l’importanza delle previsioni sui tassi e affermando che il percorso effettivo dipenderà dai dati economici futuri. Ha detto che i dati sull’inflazione di maggio sono stati “benvenuti” e che i funzionari “sperano in qualcosa di più simile”. Ora ci sono 2 elementi in più per sperare che il percorso verso il taglio dei tassi si sia abbreviato.

Iscriviti a Money.it

Trading online
in
Demo

Fai Trading Online senza rischi con un conto demo gratuito: puoi operare su Forex, Borsa, Indici, Materie prime e Criptovalute.

Correlato