Il petrolio può crollare a $65 al barile: la previsione

Violetta Silvestri

5 Luglio 2022 - 13:16

condividi

Il prezzo del petrolio potrebbe bruscamente cambiare rotta entro la fine dell’anno: a sostenerlo un’analisi di Citigroup. La stima è di un crollo a 65 dollari al barile, per quale motivo?

Il petrolio può crollare a $65 al barile: la previsione

Mentre il prezzo del petrolio viaggia ampiamente sopra i 108 dollari al barile, pur se con un lieve calo, alcune previsioni raccontano di scenari ribassisti per l’oro nero.

L’ultima analisi è degli esperti di Citigroup, che hanno inquadrato la condizione di recessione e il suo impatto sulle quotazioni di greggio.

Il 2022 e il prossimo anno potrebbero vedere un radicale cambiamento per il prezzo del petrolio, influenzato da una domanda diventata improvvisamente debole.

Perché il prezzo del petrolio può scendere a $65 al barile

Il petrolio greggio potrebbe crollare a $65 al barile entro la fine di quest’anno e a $45 nel 2023, se dovesse palesarsi una recessione paralizzante della domanda, ha avvertito Citigroup.

Questa prospettiva si basa sull’assenza di qualsiasi intervento da parte dei produttori OPEC+ e su un calo degli investimenti petroliferi, hanno affermato in un rapporto analisti tra cui Francesco Martoccia e Ed Morse. Il Brent, il benchmark globale del greggio, è stato scambiato per l’ultima volta vicino a $ 113 al barile.

Il petrolio è salito alle stelle quest’anno in seguito all’invasione dell’Ucraina e gli analisti stanno ora cercando di tracciare il proprio corso nel 2023, mentre le banche centrali alzano i tassi di interesse e aumentano i rischi di recessione. Le prospettive di Citi hanno confrontato l’attuale mercato dell’energia con le crisi degli anni ’70. Al momento, gli economisti della banca non si aspettano che gli Stati Uniti sprofondano nella recessione.

“Per il petrolio, l’evidenza storica suggerisce che la domanda diventa negativa solo nelle peggiori recessioni globali”, hanno affermato gli analisti di Citi nella nota del 5 luglio. Ma i prezzi del petrolio scendono in tutte le recessioni all’incirca al costo marginale, è il sunto.

Inoltre, un’ulteriore debolezza della domanda globale di greggio dovrebbe significare scorte più elevate, che potrebbero indebolire i prezzi del greggio in futuro, ha affermato Citi.

Iscriviti a Money.it

Trading online
in
Demo

Fai Trading Online senza rischi con un conto demo gratuito: puoi operare su Forex, Borsa, Indici, Materie prime e Criptovalute.