Il calo dell’inflazione in Europa è pieno di ostacoli, parola di Lagarde

Violetta Silvestri

08/06/2024

Lagarde è tornata a parlare di inflazione e politica monetaria dopo la riunione del 6 giugno. Cosa aspettarsi sul taglio dei tassi? Le notizie non sono così buone.

Il calo dell’inflazione in Europa è pieno di ostacoli, parola di Lagarde

L’euforia per il primo taglio dei tassi Bce è già finita alla luce di previsioni ancora incerte sull’inflazione in Eurozona.

Se la conferenza stampa di giovedì 6 giugno di Lagarde non fosse stata abbastanza chiara sullo scenario opaco per la regione, la governatrice ha ribadito il concetto il giorno dopo: la Bce è ancora lontana dallo sconfiggere l’inflazione e deve continuare a frenare la crescita economica, ha detto venerdì la presidente Lagarde in un editoriale.

Gli investitori si chiedono ora quale sarà la prossima direzione della politica monetaria, con un provocatorio interrogativo su altri tagli ai tassi nel 2024. Pur sostenendo che le prospettive per i prezzi al consumo sono “notevolmente migliorate”, la Bce ha alzato le sue previsioni di inflazione per il 2025 al 2,2% dal 2,0%, sollevando dubbi sull’adeguatezza della mossa.

Bce ha sbagliato a tagliare i tassi? Cosa ha detto Lagarde

Mentre giovedì Lagarde ha affermato che esiste una forte probabilità che il taglio del tasso non sia solo una tantum ma l’inizio di un processo di dialback, venerdì è sembrata assumere una posizione più cauta.

“Dobbiamo ancora tenere il piede sul freno per un po’, anche se non stiamo premendo così forte come prima”, ha detto. “I tassi di interesse dovranno quindi rimanere restrittivi per tutto il tempo necessario per garantire la stabilità dei prezzi su base duratura”.

L’inflazione nel blocco dei 20 Paesi ha accelerato più del previsto al 2,6% a maggio. Ancora più preoccupante per i funzionari è stata l’impennata dei prezzi dei servizi e l’inaspettato rafforzamento delle pressioni sottostanti.

Venerdì scorso, i funzionari hanno espresso valutazioni caute sulla prospettiva di un altro allentamento, cercando ulteriori prove di progressi sulla crescita dei prezzi per essere sicuri che nuovi tagli siano giustificati. Gabriel Makhlouf dell’Irlanda ha detto che i politici non sanno “quanto velocemente andremo avanti, o se non lo faranno”.

Sebbene la maggior parte dei funzionari che parlano apertamente si rifiutino di discutere la prossima mossa politica della Bce, hanno quasi escluso un taglio dei tassi a luglio quando hanno parlato in via ufficiosa.

In aggiunta alla recente serie di cattive notizie, la crescita dei redditi per dipendente, una misura chiave monitorata dalla Bce, ha accelerato al 5,1% nel primo trimestre dal 4,9% dei tre mesi precedenti, secondo i dati mostrati venerdì, che indicano un aumento salariale ancora maggiore.

Nell’editoriale, Lagarde ha sottolineato che la crescita dei prezzi al consumo è sulla buona strada per raggiungere l’obiettivo del 2% nell’ultima parte del 2025, con la politica monetaria che “darà un forte contributo” a questo obiettivo. “Quindi, tagliando i tassi, abbiamo deciso di moderare il grado di restrizione della politica monetaria”, ha affermato.

Ma il ritorno all’obiettivo “non sarà un percorso del tutto tranquillo”, ha detto. “Serve vigilanza, impegno e perseveranza”. Il prossimo taglio ai tassi in Eurozona potrebbe essere lontano.

Iscriviti a Money.it

Trading online
in
Demo

Fai Trading Online senza rischi con un conto demo gratuito: puoi operare su Forex, Borsa, Indici, Materie prime e Criptovalute.

Fai sapere la tua opinione e prendi parte al sondaggio di Money.it

Partecipa al sondaggio
icona-sondaggio-attivo