Gas, l’emergenza è (quasi) finita: perché la crisi energetica non fa più paura

Stefano Rizzuti

31/05/2023

L’emergenza gas può considerarsi finita? Matteo Villa, analista dell’Ispi, spiega in un’intervista a Money.it perché la crisi energetica è quasi alle spalle e quali sono ancora le incognite.

Gas, l’emergenza è (quasi) finita: perché la crisi energetica non fa più paura

L’emergenza gas è quasi finita. Qualche pericolo, dettato da incognite a oggi difficilmente valutabili, resta, ma al momento si può dire che la crisi energetica non fa più paura come accadeva solamente qualche mese fa. Qual è attualmente la situazione in Italia e cosa bisogna aspettarsi nei prossimi mesi sul fronte del gas e dei consumi energetici? A spiegarlo in un’intervista a Money.it è Matteo Villa, senior research fellow dell’Ispi.

Gli elementi positivi per l’Italia e per l’Europa al momento sono diversi: non c’è solo il prezzo del gas, che scende sui livelli sempre più bassi, oggi addirittura intorno ai 25 euro al megawattora; le buone notizie arrivano anche dagli stoccaggi, mai così pieni in questo periodo dell’anno, e dalla riduzione dei consumi (dettata soprattutto dal clima mite dell’ultimo anno) che potrebbe proseguire anche nei prossimi mesi.

Per quanto ci siano ancora delle incognite, come quelle legate alle forniture russe, l’Italia può di certo stare più tranquilla per la prossima stagione invernale di quanto si pensasse solamente pochi mesi fa. Anche sul fronte delle forniture, peraltro, sono stati fatti importanti passi in avanti che potrebbero mettere al sicuro l’importazione di gas. [...]

Money

Questo articolo è riservato agli abbonati

Abbonati ora

Accedi ai contenuti riservati

Navighi con pubblicità ridotta

Ottieni sconti su prodotti e servizi

Disdici quando vuoi

Sei già iscritto? Clicca qui

​ ​

Iscriviti a Money.it

Trading online
in
Demo

Fai Trading Online senza rischi con un conto demo gratuito: puoi operare su Forex, Borsa, Indici, Materie prime e Criptovalute.

Fai sapere la tua opinione e prendi parte al sondaggio di Money.it

Partecipa al sondaggio
icona-sondaggio-attivo