Gamestop, Morgan Stanley accusa trader di manipolazione di mercato

Claudia Cervi

04/06/2024

I meme stock tornano alla ribalta con la storia del trader Roaring Kitty: un nuovo capitolo affascinante e controverso nella storia dei mercati finanziari, con effetti in continua evoluzione.

Gamestop, Morgan Stanley accusa trader di manipolazione di mercato

Negli ultimi anni, il fenomeno dei “meme stock” ha affascinato e diviso il mondo finanziario, soprattutto grazie alle vicende legate a titoli come GameStop e AMC. Questi titoli, spinti dall’entusiasmo di comunità online come Reddit, hanno visto violente oscillazioni nei loro prezzi, spesso scollegate dai fondamentali economici delle aziende.

Keith Gill, conosciuto come “Roaring Kitty”, è diventato un personaggio centrale in questo movimento, influenzando le decisioni di molti investitori retail con le sue analisi e aggiornamenti sui social media.

Per questo motivo, Morgan Stanley ha accusato Gill di manipolazione di mercato, una mossa che potrebbe portare alla sua esclusione dalla piattaforma E*Trade.

In questo articolo analizziamo le cause del nuovo rally dei meme stock, cercando di capire se e come Roaring Kitty può aver manipolato il mercato e quali potrebbero essere le possibili conseguenze per il titolo.

Il rally dei meme stock e l’influenza di Roaring Kitty

Graqfico azioni Gamestop Graqfico azioni Gamestop Fonte Tradingview

Il fenomeno dei “meme stock” ha avuto origine nel 2020, quando gruppi di investitori retail si sono organizzati su piattaforme come Reddit, in particolare sul forum r/WallStreetBets, per acquistare azioni di aziende in difficoltà come GameStop e AMC. Questi investitori, spesso motivati da un misto di idealismo anti-establishment e speranza di profitti rapidi, hanno portato a un’impennata dei prezzi di questi titoli, creando notevoli difficoltà per gli hedge fund che avevano scommesso contro di essi.

Keith Gill, con il suo alias “Roaring Kitty”, ha giocato un ruolo cruciale in questo movimento. Attraverso video su YouTube e post su Reddit, Gill ha condiviso le sue analisi dettagliate su GameStop, attirando una vasta platea di seguaci. La sua trasparenza e il suo entusiasmo hanno ispirato molti piccoli investitori a seguire le sue mosse, contribuendo a far salire ulteriormente il prezzo delle azioni.

L’influenza di Gill è stata particolarmente evidente nei momenti chiave del rally. Ad esempio, quando ha rivelato una posizione sostanziale in GameStop su r/SuperStonk, il titolo ha registrato un forte aumento nel trading pre-market, passando da $43,78 a oltre $115,70 per azione. Le sue continue comunicazioni, come la condivisione di un’immagine criptica di una “carta reverse” del gioco Uno, hanno spesso anticipato significativi movimenti di mercato, mostrando la sua capacità di influenzare le percezioni degli investitori.

La natura del rally dei meme stock è stata diversa da qualsiasi altra vista in passato.

Mentre i tradizionali movimenti di mercato sono guidati da fondamentali economici e analisi tecnica, il rally dei meme stock è stato alimentato da sentiment collettivi e dinamiche di gruppo sui social media. Questo ha portato a una volatilità senza precedenti e ha sollevato domande sulla sostenibilità e correttezza di tali movimenti.

Gli effetti del rally hanno avuto ripercussioni ben oltre i mercati finanziari. Molti investitori retail hanno ottenuto profitti significativi, ma altri hanno subito pesanti perdite quando i prezzi delle azioni sono crollati. Inoltre, la capacità di questi investitori di coordinarsi e influenzare i mercati ha attirato l’attenzione delle autorità di regolamentazione, che stanno valutando nuove misure per prevenire future manipolazioni di mercato.

Le accuse di Morgan Stanley e le conseguenze

Le accuse di manipolazione di mercato mosse da Morgan Stanley contro Keith Gill rappresentano un nuovo capitolo nella saga dei meme stock.

Secondo un rapporto del Wall Street Journal, Morgan Stanley ha espresso preoccupazioni riguardo alla possibilità che Gill abbia utilizzato la sua influenza sui social media per manipolare i prezzi delle azioni a suo vantaggio personale.

In particolare, Gill è stato accusato di aver acquistato un volume significativo di opzioni su GameStop tramite la piattaforma E*Trade, contribuendo a creare un’ulteriore pressione rialzista sul titolo.

Le prove offerte da Morgan Stanley includono screenshot di post su Reddit in cui Gill rivelava di possedere oltre $115,7 milioni in azioni GameStop e circa $65,7 milioni in opzioni call. Queste informazioni hanno alimentato l’hype intorno ai meme stock, portando a un aumento del 23% nel prezzo delle azioni di GameStop in un solo giorno. La capacità di Gill di influenzare il mercato attraverso i suoi post ha sollevato dubbi sulla legalità delle sue azioni e sulla possibilità che abbia violato le normative sulla manipolazione di mercato.

All’interno di Morgan Stanley e E*Trade, il dibattito è acceso. Da un lato, ci sono preoccupazioni sulla necessità di mantenere l’integrità del mercato e proteggere gli investitori retail da potenziali abusi. Dall’altro, c’è il timore delle possibili reazioni negative da parte della vasta base di seguaci di Gill, che potrebbe vedere la sua espulsione come un attacco ingiusto contro un rappresentante della “rivolta” degli investitori retail.

Le differenze tra il rally del 2021 e la situazione attuale sono significative. Nel 2021, l’impennata dei meme stock era stata alimentata principalmente dalla partecipazione massiccia degli investitori retail, che avevano colto di sorpresa gli hedge fund. Oggi, gli investitori istituzionali sono meglio preparati e meno suscettibili agli shock improvvisi causati dai movimenti coordinati sui social media. Vanda Research ha sottolineato che il “meme 2.0” potrebbe non replicare l’impatto del rally originale, dato il minor coinvolgimento degli investitori retail e la maggiore consapevolezza degli attori del mercato.

Quali conseguenze?

Le conseguenze delle accuse di Morgan Stanley per Gill potrebbero essere significative. Se ritenuto colpevole di manipolazione di mercato, Gill potrebbe affrontare sanzioni legali e finanziarie, oltre alla possibile esclusione da piattaforme di trading come E*Trade. Questo caso potrebbe anche avere implicazioni più ampie per il futuro dei meme stock e il modo in cui le autorità di regolamentazione affrontano il ruolo dei social media nei mercati finanziari.

Il fenomeno dei meme stock ha rivoluzionato il modo in cui gli investitori retail partecipano ai mercati finanziari, mettendo in discussione le dinamiche tradizionali di potere e controllo. Keith Gill, alias Roaring Kitty, ha incarnato questo movimento, diventando un simbolo della capacità degli investitori comuni di influenzare il mercato. Tuttavia, le accuse di manipolazione di mercato mosse da Morgan Stanley evidenziano i rischi e le complessità associate a questo nuovo paradigma.

DISCLAIMER
Le informazioni e le considerazioni contenute nel presente articolo non devono essere utilizzate come unico o principale supporto in base al quale assumere decisioni relative agli investimenti. Il lettore mantiene la piena libertà nelle proprie scelte d’investimento e la piena responsabilità nell’effettuazione delle stesse, poiché egli solo conosce la sua propensione al rischio e il suo orizzonte temporale. Le informazioni contenute nell’articolo sono fornite a mero scopo informativo e la loro divulgazione non costituisce e non è da considerarsi un’offerta o sollecitazione al pubblico risparmio.

Iscriviti a Money.it

Trading online
in
Demo

Fai Trading Online senza rischi con un conto demo gratuito: puoi operare su Forex, Borsa, Indici, Materie prime e Criptovalute.

Fai sapere la tua opinione e prendi parte al sondaggio di Money.it

Partecipa al sondaggio
icona-sondaggio-attivo