Friends, perché la Cina ha censurato l’episodio della reunion

Mario D’Angelo

29/05/2021

29/05/2021 - 18:29

condividi

L’episodio speciale di Friends, show di enorme popolarità in Cina, è stato censurato. Ecco perché.

Friends, perché la Cina ha censurato l'episodio della reunion

Rabbia social in Cina per la censura dell’episodio-reunion della serie cult Friends. Con frustrazione gli spettatori del Paese orientale hanno scoperto che dallo speciale, andato in onda su tre canali streaming cinesi, erano state tagliate intere scene in cui apparivano Lady Gaga, Justin Bieber e il gruppo di k-pop, BTS. Ecco perché l’episodio della reunion di Friends è stato censurato in Cina.

Pechino censura episodio Friends

Per Pechino, il problema non è lo show Friends né il cast originale composto da Jennifer Aniston, Matthew Perry, Courtney Cox, Lisa Kudrow, Matt LeBlanc e David Schwimmer, ma gli amici di Friends.

Le scene eliminate dallo show, infatti, erano tutte quelle in cui apparivano guest-star che, in passato, hanno avuto attriti con Pechino.

Una delle scene mancanti mostrava Lady Gaga cantare “Gatto rognoso” in duetto con Lisa Kudrow. La cantante è nella lista nera del Paese da quando, nel 2016, ha incontrato il Dalai Lama, leader spirituale tibetano esiliato.

Justin Bieber, che in una scena appariva vestito da Spudnik (travestimento del personaggio di David Scwhimmer). Nel 2014, Bieber condivise una foto della sua visita al tempio Yasukuni di Tokyo, che onora i caduti del Giappone, inclusi alcuni criminali di guerra della Seconda Guerra Mondiale.

Il celebre gruppo sudcoreano BTS, invece, i cui componenti in una scena ricordavano la visione dello show da adolescenti, l’anno scorso hanno dimenticato di ricordare i sacrifici delle truppe cinesi durante la guerra di Corea. Pechino, però, combatteva dalla parte della Corea del Nord.

Friends, il potere della Cina su Hollywood

Molti utenti hanno notato che la durata dell’episodio speciale variava a seconda della piattaforma su cui era andata in onda, segno che le piattaforme streaming avevano probabilmente tagliato in autonomia l’episodio per timore di incorrere nell’ira dell’amministrazione di Pechino.

Sempre questa settimana, il wrestler professionista John Cena, con una parte da attore nell’ultimo Fast & Furious, si è scusato pubblicamente con Pechino per aver chiamato Taiwan un «Paese».

Iscriviti a Money.it