Fino a che età si paga il canone Rai

Patrizia Del Pidio

15 Novembre 2023 - 15:10

condividi

Al compimento di che età non si deve più pagare il canone Rai? Si tratta di un’esenzione che non richiede solo il requisito anagrafico, ma anche quello reddituale.

Fino a che età si paga il canone Rai

Fino a che età si paga il canone Rai? Una domanda che moltissimi pensionati italiani si pongono trovando la normativa che riguarda “l’abbonamento della Tv” poco chiara. Di fatto il canone Rai si paga fino al compimento dei 75 anni, ma l’esenzione che scatta dopo il compimento di questa età non è estesa a tutti. Per averne diritto, infatti, chi presenta la dichiarazione sostitutiva per chiedere l’esenzione, deve possedere dei requisiti reddituali ben precisi, oltre quelli anagrafici.

In questo articolo approfondiremo proprio questa tipologia di esenzione per comprendere qual’è l’età compiuta la quale il canone Rai non è più dovuto e dando anche un’occhiata alle importanti novità previste per il 2024.

Canone Rai, come è disciplinato?

Anche se è chiamato, impropriamente, canone Rai, si tratta del canone televisivo, un’imposta che sono tenuti a versare tutti coloro che detengono apparecchi atti o adattabili a ricevere programmi televisivi in Italia.
Si tratta di un’imposta che si basa del regio decreto legge 246 del 21 febbraio 1938, mai abrogato, che stabilisce che

Chiunque detenga uno o più apparecchi atti od adattabili alla ricezione delle radioaudizioni è obbligato al pagamento del canone di abbonamento, giusta le norme di cui al presente decreto.

In origine, quindi, era previsto come un corrispettivo che gli utenti del servizio dovevano versare, trasformandosi, nel tempo, in quello che è oggi: una prestazione tributaria prevista dalla legge abbandonando il collegamento con la fruizione del servizio stesso.
A oggi, di fatto, il canone televisivo è dovuto non in quanto si ricevono i programmi della Rai, ma solo per la mera detenzione di un apparecchio televisivo che può ricevere questi programmi.

Esenzioni dal pagamento del Canone Rai

Diverse tipologie di contribuenti sono esentati dal pagamento del canone Rai e nello specifico:

  • chi non detiene apparecchi televisivi (deve essere presentata la dichiarazione all’Agenzia delle Entrate);
  • militari delle Forze Armate Italiane per gli apparecchi televisivi situati a uso comune;
  • militari delle Forze Nato stranieri;
  • Agenti diplomatici e consolari, ma solo di Paesi che esonerino colleghi italiani da analoghi obblighi;
  • rivenditori e riparatori di Tv;
  • imbarcazioni da diporto non adibite all’esercizio di attività commerciali;
  • radio e autoradio (collocate presso privati);
  • anziani che hanno compiuto i 75 anni a patto di avere un reddito complessivo nei limiti stabiliti dalla legge.

A che età non si paga più il canone Rai?

Gli anziani possono avere, quindi, il diritto a non pagare più il canone Rai una volta compiuti i 75 anni. Come anticipato, però, non basta l’età anagrafica a concedere il diritto all’esenzione visto che la stessa è vincolata anche al reddito del beneficiario.

Il cittadino over 75 anni deve avere un reddito proprio che, sommato a quello dell’eventuale coniuge, non superi gli 8.000 euro annui. Per beneficiare dell’esenzione, inoltre, è necessario che:

  • l’apparecchio televisivo sia ubicato nella casa di residenza;
  • non vi siano altri conviventi titolari di reddito escluso il coniuge e l’eventuale collaboratore domestico, colf o badante.

L’esenzione spetta per tutto l’anno solo se il settantacinquesimo anno di età è compiuto entro il 31 gennaio dell’anno in questione, altrimenti spetta per il secondo semestre, ma solo se il settantacinquesimo anno è compiuto tra il 1° febbraio e il 31 luglio dell’anno in questione.

Il beneficiario, per poter non pagare il canone Rai deve presentare dichiarazione sostitutiva per una sola volta (non va ripresentata di anno in anno) fino a quando permangono le condizioni che permettono di avere diritto all’esenzione.

Novità canone Rai 2024

La Legge di Bilancio 2024 ha previsto una riduzione del canone Rai il cui importo, che attualmente è di 90 euro l’anno, scende a 70 euro per annualità.

Anche se annunciata, ormai, da anni, non è stata applicata la fuoriuscita del canone dalla bolletta dell’energia elettrica per estendere il pagamento del tributo a cellulari e tablet. Continueremo, quindi, a pagare il canone Rai nelle bollette dell’energia elettrica anche nel 2024, anche se l’importo, addebitato mensilmente o bimestralmente, sarà più basso.

Argomenti

# Tasse

Commenta:

Iscriviti a Money.it