Euro dollaro ai minimi di oltre un mese: i motivi sono due

Violetta Silvestri

28/09/2021

30/09/2021 - 14:30

condividi

La coppia EUR/USD scivola su nuovi minimi di agosto: a spingere al ribasso il tasso di cambio sono almeno due motivi. Cosa sta condizionando le valute?

Euro dollaro ai minimi di oltre un mese: i motivi sono due

L’EUR/USD è sceso sotto 1,17: si tocca, quindi, il minimo dal 20 agosto mentre l’Europa lotta con l’aumento dei prezzi del gas e la Cina soffre per le interruzioni di corrente.

Intanto, il presidente della Fed Powell è pronto a testimoniare e commentare il recente segnale di tapering della banca centrale, confermando l’inasprimento.

Il cambio euro dollaro è destinato a calare ancora? I motivi del tonfo sono almeno due.

Euro dollaro sotto soglia 1,17

L’euro/dollaro scivola a 1,1683 alle ore 13.06 del 28 settembre, passando di mano ai minimi da metà agosto.

Il 20 del mese scorso, nello specifico, la coppia scambiava a 1,1679.

Cosa sta condizionando il cambio? Fuori Evergrande, dentro le questioni energetiche: i mercati hanno spostato la loro attenzione da una crisi all’altra, valutando anche la politica tedesca che ora deve lavorare per creare la maggioranza. Ci vorrà ancora per la formazione di un governo nella più grande economia europea, ma intanto la carenza di gas è un problema più scottante. Soprattutto in Europa.

Il calo recente dell’EUR/USD può essere attribuito anche all’impennata dei rendimenti dei Treasury USA, che rendono il dollaro attraente.

Powell, inoltre, tornerà a parlare della possibile e imminente riduzione del suo schema di acquisto di obbligazioni. La mossa da falco viene misurata e valutata nei mercati, stimando un rafforzamento ancora del biglietto verde.

Tasso EUR/USD in calo: due i motivi

A spingere al ribasso la coppia, secondo gli analisti ci sono almeno due motivi.

Il primo è l’eclatante crisi energetica: è iniziato tutto con i consumatori spagnoli che si lamentavano dei costi record dell’elettricità e ora si è diffusa in tutto il mondo.

La carenza di gas naturale in Europa – sospettata da alcuni come una mossa di potere dalla russa Gazprom – potrebbe far deragliare la ripresa del vecchio continente dalla pandemia. Questo mina l’euro.

La Cina è anche alle prese con la scarsità di elettricità, in parte legata alla poca disponibilità di carbone. I rapporti sulle interruzioni di corrente nella seconda economia più grande del mondo potrebbero far deragliare la crescita globale e spingere più in alto il dollaro come bene rifugio.

Il secondo aspetto da tenere in considerazione è la questione del tetto del debito USA, improvvisamente precaria, che impatta sui mercati e spinge il dollaro.

I repubblicani del Senato lunedì hanno bloccato un disegno di legge che avrebbe finanziato il Governo, fornito miliardi di dollari in aiuti contro gli uragani e scongiurato un default nei debiti degli Stati Uniti.

L’opposizione del GOP ha inferto un colpo mortale alla misura che intendeva sospendere o aumentare il tetto del debito USA che sarà superato prima della scadenza del 18 ottobre (e il Governo federale non avrà più risorse per pagare i debiti).

La mancata risoluzione di questo nodo potrebbe causare gravi calamità finanziarie, ha avvertito la Casa Bianca, facendo precipitare gli Stati Uniti in un’altra recessione.

Iscriviti a Money.it

Trading online
in
Demo

Fai Trading Online senza rischi con un conto demo gratuito: puoi operare su Forex, Borsa, Indici, Materie prime e Criptovalute.