Nove modi per evitare errori negli investimenti

Redazione

07/04/2021

07/04/2021 - 18:10

condividi
Facebook
twitter whatsapp

Errori negli investimenti: ecco alcuni consigli per riuscire a diversificare il proprio portafoglio ed evitare spiacevoli sbagli.

Nove modi per evitare errori negli investimenti

Gestisci da solo i tuoi investimenti? Sei pienamente soddisfatto delle tue performance correnti? La guida e gli aggiornamenti periodici di Fisher Investments Italia, che mirano ad aiutare gli investitori a riconoscere gli errori più comuni e ad offrire suggerimenti per evitarli, potrebbero aiutarti ad aumentare le possibilità di raggiungere i tuoi obiettivi di investimento.

La prima cosa da fare è non sottovalutare l’orizzonte temporale del tuo patrimonio. Spesso le persone sottovalutano la loro aspettativa di vita e, di conseguenza, non pianificano adeguatamente le loro finanze. Pertanto, è importante dotarsi di una solida strategia d’investimento che offra stabilità e che soddisfi i propri obiettivi di reddito per tutta la vita. Inoltre, è anche importante pianificare adeguatamente le proprie finanze.

Ricevi la guida e gli aggiornamenti periodici

D’altro canto, il fabbisogno di reddito non deve essere confuso con il fabbisogno di liquidità. Questi due concetti non sono sinonimi, eppure molti investitori li confondono. Conoscerne le differenze è molto importante. Fisher Investments Italia ritiene che sia un errore determinare il livello del flusso di cassa attingendo solo dal proprio reddito, senza mai intaccare il capitale.

In terzo luogo, la scarsa diversificazione porta a un rischio eccessivo, in quanto il portafoglio è esposto a una maggiore volatilità e può subire perdite maggiori. Un portafoglio adeguatamente diversificato deve contemplare fattori quali paesi, settori, cambi esteri, valutazioni e dimensioni. Tuttavia, spesso i portafogli sono sovraesposti ad alcuni fattori di rischio non vengono adeguatamente ponderati.

Limitarsi ai mercati nazionali e ignorare i mercati internazionali è un altro errore comune. Pensare che un portafoglio sia adeguatamente diversificato semplicemente scegliendo i titoli da settori diversi non è sufficiente. La restrizione degli investimenti del portafoglio a un solo paese o a una sola regione equivale a esporsi a un rischio maggiore.

Tuttavia, è facile trascurare gli indicatori fondamentali della domanda e dell’offerta di titoli. L’offerta di titoli è relativamente stabile nel breve periodo perché l’emissione di nuove azioni richiede tempo alle società. Pertanto, sono soprattutto le fluttuazioni della domanda a causare variazioni dei prezzi di mercato di breve termine. Comprendere il rapporto tra domanda e offerta è fondamentale per decidere se investire o non investire in azioni.

Un altro errore è quello di prendere una decisione d’investimento basata esclusivamente sulle informazioni di pubblico dominio. I mercati scontano in modo efficiente le informazioni già disponibili, il che significa che non appena le notizie diventano pubbliche, si riflettono sul prezzo del titolo. Pertanto, per ottenere un rendimento più elevato, l’informazione pubblica deve essere interpretata in modo diverso dagli altri investitori. In altre parole, è necessario sapere qualcosa che il prezzo delle azioni non riflette ancora.

È anche normale che entrino in gioco le emozioni quando si osservano giornalmente i movimenti verso l’alto e verso il basso dei mercati. Spesso entrano in gioco una serie di fattori cognitivi che offuscano il giudizio e impediscono alle persone di prendere decisioni razionali e imparziali. Ecco perché per prendere le decisioni d’investimento più appropriate è essenziale creare un ambiente d’investimento libero dalle emozioni e basato su dati e analisi imparziali.

Infine, le commissioni. I rendimenti maturati dagli investitori si azzerano spesso a causa delle commissioni dovute. È quindi essenziale determinare le modalità di calcolo delle commissioni dei fornitori di servizi, in modo che i diritti fissi per ogni transazione non erodano in modo significativo la performance complessiva.

Ti interessa ricevere informazioni utili sugli investimenti?

Ricevi la guida e gli aggiornamenti periodici

Fisher Investments Italia è la denominazione commerciale utilizzata dalla succursale di Fisher Investments Ireland Limited operante in Italia (“Fisher Investments Italia”). Fisher Investments Italia è iscritta con il n° 182 nell’“Elenco delle Imprese di Investimento autorizzate in altri Stati UE con succursale in Italia”, tenuto dalla Commissione Nazionale per le Società e la Borsa (“Consob”), e al Registro delle Imprese di Parma (numero di iscrizione e codice fiscale: 97838750152; partita IVA: 02903080345; numero REA: PR-276048).

Il presente documento contiene le opinioni generali di Fisher Investments Italia e Fisher Investments Europe e non deve essere considerato alla stregua di una consulenza personalizzata in materia di investimento o di natura fiscale, né tantomeno come un riflesso delle performance dei clienti. Non è possibile garantire che Fisher Investments Italia o Fisher Investments Europe manterrà queste opinioni, che potrebbero cambiare in qualsiasi momento in base a nuove informazioni, analisi o riconsiderazioni. Nulla nel presente deve essere inteso come una raccomandazione o una previsione delle condizioni di mercato.

Al contrario, è da intendersi come l’illustrazione di una tesi. Le condizioni di mercato attuali e quelle future potrebbero presentare numerose differenze rispetto a quelle qui illustrate. Inoltre, non si forniscono garanzie in merito all’accuratezza delle ipotesi formulate negli esempi qui presenti.

L’investimento nei mercati finanziari comporta il rischio di perdita e non è possibile garantire il rimborso totale o parziale del capitale investito. Le performance passate non sono una garanzia né un indicatore affidabile di performance future. Il valore degli investimenti e i relativi rendimenti sono soggetti alle fluttuazioni dei mercati finanziari mondiali e dei tassi di cambio internazionali.

In collaborazione con Fisher Investment

Iscriviti alla newsletter

Money Stories
SONDAGGIO