Enpacl online consulenti del lavoro: contributi, dichiarazione e scadenze per il 2021

Isabella Policarpio

29/03/2021

29/03/2021 - 17:08

condividi
Facebook
twitter whatsapp

Quali sono i contributi obbligatori, le scadenze per il 2021 e i benefici pensionistici dei consulenti del lavoro iscritti all’Enpacl? Date, numero di telefono e altri contatti utili.

Enpacl online consulenti del lavoro: contributi, dichiarazione e scadenze per il 2021

L’Enpacl è l’ente di previdenza per gli iscritti all’Albo dei consulenti del lavoro e per i loro familiari. Si tratta di un ente associativo di diritto privato che offre ai suoi iscritti numerosi servizi: pensioni, assicurazioni, polizze, assistenza sanitaria integrativa, sostegno al praticantato e molti altri consultabili sul portale online.

In questa guida le informazioni principali sull’Enpacl, gli obblighi contributivi, le relative scadenze per il 2020-2021 e i contatti utili: indirizzo email e numero di telefono.

Enpacl online

I consulenti del lavoro possono controllare le proprie scadenze contributive, i trattamenti pensionistici, i benefici e le assicurazioni sul portale online dell’Enpacl, la cassa previdenziale della categoria.

Ne possono beneficiare i professionisti iscritti all’ordine dei consulenti del lavoro e le loro famiglie.

Può accedere al portale online soltanto chi risulta iscritto effettuando il log in con username o password oppure tramite SPID/CIE.

Tra i servizi offerti c’è la possibilità di stipulare polizze assicurative annuali o pluriennali (anche per il nucleo familiare convivente), agevolare l’accesso al credito e ai mutui.

Contributi 2020-2021

Gli obblighi contributivi a cui sono tenuti i consulenti del lavoro, verificabili su Enpacl on line, sono il contributo soggettivo, ovvero il 12% del reddito professionale prodotto in forma individuale o associata nell’anno 2019. Il contributo soggettivo minimo - euro 1.074 nella misura ridotta ed euro 2.148 in quella intera - può essere corrisposto secondo due modalità:

  • il 100% della contribuzione dovuta, fino a 6 rate mensili consecutive di pari importo, scadenti alla fine di ogni mese, a partire da novembre 2020;
  • il 50% della contribuzione dovuta, fino a 6 rate mensili consecutive di pari importo, scadenti alla fine di ogni mese, a partire da novembre 2020, e il restante 50% fino a 12 rate mensili consecutive di pari importo a partire da maggio 2021.

Gli iscritti all’Enpacl che dichiarano un reddito professionale fino a 35.000 euro e i consulenti del lavoro aventi residenza o domicilio nei Comuni dell’ex zona rossa possono versare i contributi con una modalità ulteriore:

“il 100% della contribuzione dovuta, in un massimo di 12 rate mensili consecutive di pari importo, scadenti alla fine di ogni mese, a partire da maggio 2021.”

Oltre al contributo soggettivo c’è quello integrativo che viene calcolato applicando la percentuale del 4% su tutti i compensi rientranti nel volume d’affari ai fini IVA.

Alla prima rata utile, inoltre, è dovuto il contributo di maternità di 44 euro.

Per i neo iscritti under 35, la cassa previdenziale prevede la possibilità di versare la contribuzione soggettiva nella misura del 6% del reddito professionale per l’anno di iscrizione e per i quattro anni solari successivi. Lo stesso beneficio è concesso ai percettori di pensioni di vecchiaia, anzianità e vecchiaia anticipata.

Dichiarazione obbligatoria e versamento

I consulenti del lavoro iscritti - anche per una frazione dell’anno - devono inviare la dichiarazione obbligatoria con l’ammontare del reddito professionale e del volume d’affari ai fini IVA prodotto nel 2019, entro il 30 novembre 2020.

Lo stesso termine si applica al versamento del contributi soggettivi (12% del reddito professionale, detratto il minimo) e dei contributi integrativi.

Pensioni

Sul portale Enpacl online è possibile prendere visione di tutti i servizi pensionistici offerti ai consulenti del lavoro iscritti:

  • pensione di vecchiaia
  • pensione di anzianità
  • pensione di inabilità
  • pensione di reversibilità
  • pensione indiretta
  • integrazione al minimo pensionistico
  • rendita contributiva
  • sussidi per circostanze straordinarie
  • indennità di maternità
  • erogazione mutui per acquisto o ristrutturazione prima casa o acquisto dello studio professionale
  • erogazione di prestiti d’onore ai neo-iscritti
  • assistenza sanitaria integrativa

Telefono e altri contatti Enpacl

Indirizzo Viale del Caravaggio, 78, Roma
Telefono 06 510 541
Fax 06 510 54 320
Email info@enpacl.it
PEC info@enpacl-pec.it

Un altro metodo, indubbiamente più rapido, per mettersi in contatto con l’ente è accedere al servizio Chat, inviando un messaggio direttamente sul portale online. Il servizio è disponibile al seguente link https://www.enpacl.it/recapiti

Proroghe Covid

A causa della crisi economica generata dal coronavirus, il Consiglio di Amministrazione, in data 8 ottobre 2020, ha approvato un’importante delibera con il differimento dei contributi soggettivi e integrativi:

  • confermato al 30 novembre 2020 il termine ultimo per la presentazione online della dichiarazione del volume d’affari IVA e del reddito professionale relativo al 2019;
  • differiti i termini di versamento della contribuzione obbligatoria dovuta all’Enpacl per l’anno 2020.

Il versamento della contribuzione soggettiva per l’anno 2020 può essere adempiuto secondo due modalità alternative:

  • il 100% della contribuzione dovuta, in un massimo di 6 rate mensili consecutive di pari importo, scadenti alla fine di ogni mese, a partire da novembre 2020;
  • il 50% della contribuzione dovuta, in un numero massimo di 6 rate mensili consecutive di pari importo, scadenti alla fine di ogni mese, a partire da novembre 2020, e il restante 50% in un numero massimo di 12 rate mensili consecutive di pari importo, scadenti alla fine di ogni mese, a partire da maggio 2021;

Per gli iscritti all’’Enpacl con reddito professionale fino a 35.000 euro nel 2019 e per i consulenti del lavoro residenti o domiciliati nei Comuni di cui all’allegato 1 al DPCM 1 marzo 2020, è consentito di versare anche secondo la seguente modalità:

“il 100% della contribuzione dovuta, in un massimo di 12 rate mensili consecutive di pari importo, scadenti alla fine di ogni mese, a partire da maggio 2021.”

Per la contribuzione integrativa dovuta per l’anno 2020 valgono le medesime modalità e termini di versamento applicate per la contribuzione soggettiva.

Iscriviti alla newsletter

Money Stories