Emoji: la verità su tutte le faccine che usiamo nel modo sbagliato

Redazione Tecnologia

24 Luglio 2022 - 10:50

condividi

Esistono alcune emoji che nascono un significato diverso da quello che la maggior parte delle persone attribuisce loro. Andiamo a scoprirle assieme

Emoji: la verità su tutte le faccine che usiamo nel modo sbagliato

Non sempre è facile esprimere il proprio stato d’animo in modo efficace quando si comunica con altre persone tramite chat. Per fortuna esistono le emoji, le simpatiche “faccine” che possono essere usate per rendere più chiaro il tono di un messaggio, reagire a quel che qualcuno ha scritto o semplicemente divertirsi un po’.

Ne esistono di tantissimi tipi, dalle più classiche a quelle raffiguranti animali, cibi, strumenti musicali, simboli e quant’altro. L’utilizzo di alcune è piuttosto intuitivo, mentre non si può dire lo stesso per quelle più strane o meno usate. Andiamo a scoprire quali sono le emoji usate più spesso in modo errato e qual è il loro reale significato.

Lo smiley capovolto

smiley capovolto smiley capovolto smiley capovolto

L’emoji più classica è senz’altro quella chiamata “smiley”, associata alla tipica faccina sorridente. È molto difficile da mal interpretare (anche se alcuni esponenti della generazione Z tendono ad associarla a messaggi passivi-aggressivi), ma lo stesso non è vero per la sua versione capovolta. Questa emoji non rappresenta la felicità (come pensano alcuni utenti), ma serve a esprimere sarcasmo, ironia o persino imbarazzo e frustrazione.

Le mani giunte

mani giunte mani giunte mani giunte

È fin troppo facile vedere l’emoji raffigurante due mani giunte e associarla alla “preghiera”. Si tratta però di una visione occidentale di questo gesto, che in oriente ha un significato piuttosto diverso. In alcuni Paesi, infatti, le mani giunte vengono usate per esprimere la propria gratitudine o per scusarsi. Pertanto, è anche sbagliata l’interpretazione di chi vede in questa emoji due amici che “si danno il cinque”.

La mano a carciofo

mano a carciofo mano a carciofo mano a carciofo

Nella cultura italiana, la “mano a carciofo” ha molteplici significati. Si può usare per chiedere a una persona «che cosa vuoi?» (di solito in termini meno educati). Questo è il significato più comunque, ma quando è accompagnato da altri movimenti il gesto può indicare anche l’intenzione di mettere qualcosa sotto i denti, una condizione di solitudine («tutti se ne sono andati piantandomi qui da solo!») o anche la paura nei confronti di qualcosa (la strizza). Tuttavia l’emoji nata da questo “simbolo di italianità” indicherebbe qualcosa di ancora diverso, almeno nelle intenzioni di chi l’ha creata. Rappresenterebbe, infatti, il bacio dello chef (chef’s kiss), gesto usato per indicare che qualcosa (che si tratti di un cibo o altro) è perfetto.

In Italia è molto raro vedere la mano a carciofo usata in questo modo, ma negli Stati Uniti fa parte della rappresentazione tipica (e un pochino stereotipata) dell’italiano medio. A prescindere dal vero significato di questa emoji, è assai improbabile che gli italiani decidano di abbandonare l’interpretazione classica per passare a quella a stelle e strisce.

La faccina senza bocca

faccina senza bocca faccina senza bocca faccina senza bocca

Alcune emoji sono un po’ inquietanti. La faccina senza bocca rientra appieno diritto in questo gruppo, soprattutto perché il suo significato non è chiarissimo. Alcune persone la usano per esprimere confusione o angoscia, ma si tratta di un’interpretazione fin troppo “oscura”. Chi l’ha creata voleva semplicemente rappresentare il silenzio, forse per dare agli utenti un’alternativa alla classica emoji con una zip al posto della bocca.

Il vero significato del cappello blu

Cappello blu Cappello blu Cappello blu

Tra le tante emoji riguardanti il mondo dell’abbigliamento, quella raffigurante un cappello blu può passare inosservata, soprattutto agli occhi di un utente italiano. In realtà nella cultura statunitense l’uso di questa faccina non si limita a rappresentare un berretto, ma indica anche che qualcuno sta mentendo. Nello slang, infatti, il termine “cap” è sinonimo di bugia.

La faccina triste con la gocciolina di sudore

faccina triste con la gocciolina di sudore faccina triste con la gocciolina di sudore faccina triste con la gocciolina di sudore

Vedendo l’emoji raffigurante una faccina triste con una gocciolina di sudore a lato, si tende a pensare alla stanchezza o alla preoccupazione. In realtà serve per esprimere il proprio sollievo, magari dopo ore passate a essere preoccupati per qualcosa o per qualcuno.

La faccina con gli “occhi stretti”

faccina con gli “occhi stretti” faccina con gli “occhi stretti” faccina con gli “occhi stretti”

Avete presente la faccina con gli “occhi stretti” (rappresentati in modo tale da renderli simili ai simboli che indicano maggiore e minore) e la bocca a “w”? Bene, se finora l’avete usata per esprimere disgusto nei confronti di un cibo che non apprezzate o qualche evento spiacevole, avete sbagliato. In realtà è stata creata per esprimere una fortissima irritazione nei confronti del proprio interlocutore.

Il cubo nero con i simboli dorati

cubo nero con i simboli dorati cubo nero con i simboli dorati cubo nero con i simboli dorati

In questo caso, più che di un uso errato sarebbe meglio parlare di un diffuso non utilizzo legato alla confusione. Per chi sa poco o nulla della cultura islamica, può essere molto difficile capire cos’è questo strano cubo dai simboli dorati e come inserirlo all’interno di una frase. Si chiama Kaaba ed è un’antica costruzione collocata all’interno della Sacra Moschea della Mecca. Rappresenta l’edificio di culto più sacro dell’Islam. È meglio evitare di usare con leggerezza questa emoji e tutte le altre faccine associate a simboli religiosi, soprattutto per evitare di urtare la sensibilità dei propri interlocutori.

A prescindere dal “vero” significato delle emoji, nulla vieta agli utenti di continuare a usarle in base alla propria interpretazione personale, a patto che sia condivisa dalle persone con cui si chatta. In tutti gli altri contesti potrebbe essere meglio evitare di improvvisare, perché potrebbero crearsi dei fraintendimenti tragicomici.

Argomenti

# Emoji

Iscriviti a Money.it