L’economia europea teme il peggio: il motivo

Violetta Silvestri

11 Aprile 2022 - 15:26

condividi

L’Europa è stretta da una morsa pericolosa: guerra, sanzioni, crisi energetica, inflazione, Covid in Cina rischiano di peggiorare la situazione delle supply chain. Mandando in tilt il commercio Ue.

L'economia europea teme il peggio: il motivo

Se è vero che non c’è mai fine al peggio, l’economia dell’Europa può ancora tremare.

Gli ostacoli nell’approvvigionamento di quest’anno potrebbero far desiderare agli europei i giorni del 2020, in cui un’occasionale carenza di uova o un ritardo nella consegna di alcune settimane erano semplici inconvenienti.

Per quale motivo? Stanno convergendo forti venti contrari all’economia: la guerra della Russia in Ucraina, l’aumento dell’inflazione alimentato dai costi energetici e alimentari e il prolungato blocco del Covid-19 negli hub di esportazione della Cina minacciano di colpire le aziende dalla Germania al Regno Unito.

E l’economia dell’Europa potrebbe davvero faticare a riprendersi.

Europa troppo pressata dai colli di bottiglia

L’invasione della Russia e le corrispondenti sanzioni dell’Unione Europea hanno già portato a interruzioni della produzione e carenza di componenti per le aziende dalla Germania al Regno Unito, in particolare per i produttori di automobili e i loro fornitori.

Come se non bastasse, i colli di bottiglia dell’offerta sono ancora un freno per l’economia globale. Secondo lo spedizioniere Flexport, la congestione intorno ai porti dell’Europa settentrionale - e ai vicini nodi ferroviari e di autotrasporti - è peggiorata rispetto ai livelli registrati a metà febbraio.

Le spedizioni tra l’Asia e l’Europa procedono a singhiozzo, come emerso da alcune segnalazioni.

MSC ha affermato che annullerà due partenze a fine aprile dalla Cina all’Europa a causa della “situazione del mercato che genera congestione e ritardi nei programmi lungo la catena di approvvigionamento”.

Hapag-Lloyd, che ha lanciato il suo servizio marittimo espresso dalla Cina alla Germania durante il fine settimana, sta cambiando la destinazione da Amburgo a Wilhelmshaven “fino a quando l’elevata densità di cantieri ad Amburgo non si stabilizzerà e consentirà operazioni più fluide”.

Tali problemi sono preoccupanti perché le reti logistiche sono già logore. Le vendite dai cinque maggiori mercati automobilistici d’Europa a marzo erano già del 40% inferiori ai livelli pre-pandemia del 2019, indicando che la crisi dei semiconduttori rimane irrisolta e potrebbe persistere fino al 2022.

Il piano dell’Ue di vietare le importazioni di carbone russo potrebbe aumentare ulteriormente i prezzi dell’energia nel continente e portare a tagli alla produzione nei settori dei metalli e dei prodotti chimici, il che aggiungerà una massiccia pressione sulle forniture in diminuzione del continente.

Merci di base come i pallet per la spedizione - fatti di chiodi russi e legno dalla Bielorussia e dall’Ucraina - stanno diventando sempre più scarsi in Germania, secondo Transporeon, in parte a causa delle nuove sanzioni.

Nel frattempo, la Cina sta vivendo una forte ondata di Covid-19 e le rigide chiusure a Shanghai e in altre città stanno portando a ritardi nelle spedizioni e minacciano tariffe di trasporto più elevate.

In definitiva, tutto ciò significa costi più elevati che accelereranno il tasso di inflazione record della zona euro del 5,9%. Gli ultimi dati sui prezzi al consumo dovrebbero essere pubblicati questa settimana dalle maggiori economie del blocco, tra cui Germania, Francia e Spagna.

Per tutte queste combinazioni, l’Europa teme - ancora - il peggio.

Iscriviti a Money.it

Trading online
in
Demo

Fai Trading Online senza rischi con un conto demo gratuito: puoi operare su Forex, Borsa, Indici, Materie prime e Criptovalute.

Selezionati per te

Correlato