Richiesta pensione di invalidità civile: come fare domanda

Guida alla richiesta della pensione di invalidità civile all’Inps, il contributo riconosciuto agli invalidi al 100% che soddisfano determinati requisiti legati al reddito.

Richiesta pensione di invalidità civile: come fare domanda

La pensione di invalidità civile per persone disabili è una prestazione assistenziale che viene riconosciuta dall’INPS a quelle persone che ne fanno richiesta.

Con il messaggio 4601 del 10 dicembre 2019 l’Istituto di previdenza informa della semplificazione e aggiornamento della procedura online per inoltrare la domanda della pensione di invalidità civile, sordità e cecità per i soggetti tra i 18 e i 67 anni.

La pensione di invalidità civile è riconosciuta a quei soggetti che abbiano una disabilità riconosciuta al 100%, che siano disoccupati e un in un certo limite di reddito.

Non solo la pensione di invalidità civile, perché l’INPS riconosce anche altri tipi di sussidio alle persone disabili e in particolare l’assegno di accompagnamento, la pensione di inabilità previdenziale, così come i permessi retribuiti grazie alla Legge 104 del 1992.

Vediamo allora come fare domanda per ottenere la pensione di invalidità civile e come funziona la nuova procedura online sperimentata dall’INPS.

Chi può richiedere la pensione di invalidità

A differenza della pensione di inabilità previdenziale, per beneficiare della pensione di invalidità non bisogna soddisfare alcun requisito legato alla propria posizione contributiva. Questa, infatti, è riconosciuta indipendentemente dal fatto che il potenziale beneficiario abbia versato o meno dei contributi.

Per beneficiare della pensione di invalidità civile, infatti, bisogna soddisfare determinati requisiti riferiti alla propria situazione sanitaria, all’età anagrafica e al reddito.

Nel dettaglio, la malattia invalidante deve rientrare tra le fattispecie individuate dalla Legge, mentre la percentuale di invalidità riconosciuta dalla Commissione Sanitaria della Asl deve essere pari al 100%. Non bisogna far confusione, infatti, tra la pensione di invalidità e l’assegno mensile di assistenza per invalidi con ridotta capacità lavorativa (dal 74% al 99%) in stato di bisogno economico.

Per quanto riguarda l’età, la pensione di invalidità civile è riconosciuta ai cittadini di età compresa tra i 18 anni e i 67 anni (fino alla scorsa settimana era di 66 anni e 7 mesi), con reddito però non superiore all’importo annuo di 16.814,34€.

A chi soddisfa questi requisiti viene riconosciuto un assegno mensile di importo pari a 285,66 € (per il 2019) per tredici mensilità; ma vediamo nel dettaglio come farne richiesta.

L’invalidità deve essere riconosciuta dal medico

Come prima cosa bisogna ottenere il riconoscimento dell’handicap invalidante al 100%. Per farlo bisogna cominciare a rivolgersi al medico curante, il quale attesta la condizione d’infermità - e la relativa percentuale invalidante - nel certificato medico introduttivo.

Nello stesso certificato il medico può anche specificare che l’invalido è impossibilitato a deambulare e a compiere gli atti quotidiani della vita senza il sostegno di un accompagnatore, o aggiungere eventuali patologie da cui è affetto il disabile.

A questo punto il medico invia il certificato all’Inps in via telematica, rilasciando al paziente l’attestazione annessa nella quale è indicato il numero di protocollo della pratica che deve essere assolutamente conservato.

È questo, infatti, il numero che dovrete indicare nella domanda di accertamento sanitario che deve essere inoltrata all’Inps tramite il servizio “Invalidità civile - Procedure per l’accertamento del requisito sanitario (InvCiv2010)”.

Come fare domanda e la nuova procedura sperimentale semplificata

Dopo aver ricevuto dall’Inps il verbale con il riconoscimento dell’invalidità civile (che viene inviato tramite raccomandata A/R o all’indirizzo PEC dell’interessato, e resta disponibile nella Cassetta postale online dell’Inps) il cittadino deve inviare il modello AP70 - scaricabile di seguito - utilizzando il servizio “Invalidità civile - Invio dati socio-economici e reddituali per la concessione delle prestazioni economiche” per la verifica dei requisiti socio-economici.

Modello AP70 per la verifica dei requisiti socio-economici
Clicca qui per scaricare il modello AP70 per la verifica dei requisiti socio-economici per il riconoscimento della pensione di invalidità civile o dell’assegno mensile per invalidità parziale.

Ogni procedura può essere effettuata direttamente dal sito Inps utilizzando i servizi dedicati; ricordiamo però che in tal caso bisogna essere in possesso del Pin Inps dispositivo o in alternativa dell’identità digitale Spid.

In alternativa potete anche rivolgervi all’assistenza di un patronato o di una delle associazioni di categoria dei disabili riconosciute dall’Inps (ANMIC, ENS, UIC, ANFASS) usufruendo dei servizi telematici da loro offerti.

Con il messaggio 4601 del 10 dicembre 2019 l’INPS ha comunicato una nuova procedura, da affiancare in questa fase di avvio sperimentale, alla tradizionale modalità di invio della domanda per la pensione di invalidità.

La procedura, da fare sempre online, prevede per la pensione di invalidità civile, di cecità e sordità la possibilità di inviare le informazioni di carattere socio-economico durante la fase sanitaria e non solo in maniera esclusiva al termine dell’iter.

Per questo motivo sono state anche apportate delle modifiche al sistema online di acquisizione delle domande per la pensione di invalidità, in maniera non esclusiva e solo per quanto concerne, in questa prima fase, il lavoro dei patronati cui ci si affida.

Fondamentale, anche per questa procedura, è l’acquisizione del codice fiscale per poter verificare il requisito anagrafico di chi fa domanda.

Nel pannello “Compilazione online delle domande”, come si legge nel messaggio dell’INPS, va inserito da parte dei patronati il codice fiscale del richiedente. Nella fase successiva bisogna compilare dei pannelli inserendo i seguenti dati:

  • eventuale ricovero;
  • relativi allo svolgimento di attività lavorativa;
  • reddituali;
  • modalità di pagamento;
  • delega alla riscossione di un terzo ;
  • delega in favore delle associazioni .

Inoltre è prevista una sezione «allegati» per inserire eventuale documentazione necessaria. Al completamento della domanda è possibile inoltrarla all’INPS attraverso il trasto “invio domanda”.

L’INPS precisa che in questa fase di avvio sperimentale la nuova procedura si affianca a quella tradizionale sopra descritta.

La compilazione del modello “AP70” dopo la definizione dell’iter sanitario per ottenere la pensione di invalidità civile sarà in ogni caso necessaria a conclusione del completamento della nuova procedura online per alcuni casi specifici, come per esempio in caso di “soggetto ricoverato al momento della presentazione della domanda o titolare di altre prestazioni di invalidità incompatibili”. Riportiamo di seguito il testo completo del messaggio dell’INPS.

Messaggio INPS n.4601 del 10 dicembre 2019
Messaggio INPS n.4601 che ha per oggetto la semplificazione delle modalità di presentazione delle domande di invalidità civile, cecità e sordità per i soggetti di età compresa tra i 18 e i 67 anni.

Iscriviti alla newsletter Lavoro e Diritti per ricevere le news su Pensione invalidità

Condividi questo post:

Trading online
in
Demo

Fai Trading Online senza rischi con un conto demo gratuito: puoi operare su Forex, Borsa, Indici, Materie prime e Criptovalute.