Dichiarazione domicilio: modulo di autocertificazione e quando serve

Isabella Policarpio

17/02/2021

19/02/2021 - 08:25

condividi
Facebook
twitter whatsapp

Per dichiarare il domicilio serve l’autocertificazione. Vediamo quando è necessario, come si compila correttamente e dove presentare il modulo.

Dichiarazione domicilio: modulo di autocertificazione e quando serve

Quando si deve dichiarare il domicilio? Come e a chi? In questa guida spiegheremo cosa prevede la legge sulla dichiarazione di domicilio, quando è necessaria e perché serve.

Il domicilio, così come l’abitazione, è una “situazione di fatto” e, nella maggior parte dei casi, non sono previsti particolari obblighi in merito alla sua dichiarazione. Tuttavia questa si rivela necessaria in ambito lavorativo (ai fini della visita fiscale, ad esempio) o per avere agevolazioni economiche.

Attenzione a non confondere il domicilio con la residenza, due concetti molto diversi tra loro.

Di seguito, il modello pdf di autocertificazione di domicilio, come si compila e tutti i casi in cui serve.

Dove dichiarare il domicilio

Prima di vedere come e dove dichiarare il domicilio, spieghiamo cosa si intende per domicilio, dato che è un concetto ostico a molti. L’articolo 43, comma 1, del Codice civile recita:

“Il domicilio di una persona è nel luogo in cui essa ha stabilito la sede principale dei suoi affari e interessi.”


In altre parole, il domicilio coincide con il luogo in cui una persona vive stabilmente, anche se la sua residenza è fissata altrove. Facciamo un esempio: si può avere la residenza a Roma (quindi l’indirizzo indicato sulla carta d’identità) ma essere domiciliati a Milano per motivi di lavoro o di studio (come nel caso degli studenti universitari fuori sede con contratto di affitto).

Dichiarare il domicilio non è obbligatorio e non servono documenti o procedure formali. Tuttavia può essere utile in alcuni casi che andremo a spiegare più avanti.

Autocertificazione domicilio: modello pdf e come si compila

Precisiamo che non esiste un solo modo per dichiarare il domicilio, ma il più comune e semplice è il modello di autocertificazione da consegnare all’ente richiedente o al datore di lavoro. Per compilarlo correttamente bisogna inserire le informazioni seguenti:

  • dati anagrafici del dichiarante;
  • indirizzo di domicilio, se diverso dalla residenza (via/piazza, numero civico, scala/interno, CAP, città);
  • firma autografa e data.

Ecco il modello pdf di autocertificazione da scaricare e compilare:

Dichiarazione sostitutiva elezione di domicilio
Modello pdf di autocertificazione per domicilio

Il dichiarante si assume la responsabilità di quanto indicato nel modulo, sia dal punto di vista penale che civile, significa che in caso di informazioni non veritiere potrebbe scattare la denuncia per Falso.

Dove presentare l’autocertificazione di domicilio

Il luogo o ufficio a cui presentare l’autocertificazione di domicilio, debitamente compilata e firmata, dipende dal motivo che ha spinto il dichiarante a procedere.

Se la richiesta proviene dall’azienda in cui si lavora, l’autocertificazione di domicilio deve essere consegnata al datore o a chi gestisce il personale, così da dare l’indirizzo corretto al medico in caso di visita fiscale per malattia.

Il modulo può essere presentato in qualsiasi ufficio della Pubblica Amministrazione per ottenere aiuti o indennizzi legati al luogo di domicilio oppure alle aziende del trasporto pubblico in sede di acquisto o rinnovo dell’abbonamento ai mezzi.

Quanto riportato è un elenco esemplificativo e non esaustivo, dato che le ipotesi in cui si richiede di certificare il domicilio possono essere le più varie.

Iscriviti alla newsletter

Money Stories