Di quanto diminuiranno i tassi Bce nel 2024?

Violetta Silvestri

26/02/2024

Le previsioni sui prossimi tagli dei tassi Bce rivelano che la banca centrale sarà cauta: di quanto diminuirà il costo del denaro quest’anno? Le stime, in ribasso, degli analisti.

Di quanto diminuiranno i tassi Bce nel 2024?

Cresce l’attesa per la riunione Bce di marzo, con l’incognita sul taglio dei tassi che resta irrisolta.

Di quanto diminuirà il costo del denaro nel 2024? Se lo chiedono analisti e investitori, con previsioni altalenanti mentre i dati macro sull’Eurozona oscillano tra un’inflazione in calo, ma non ai ritmi costanti attesi, e una crescita poco resiliente soprattutto a causa della crisi tedesca.

La Bce ha mantenuto i tassi di interesse a un livello record dallo scorso settembre e continua a respingere qualsiasi data sul taglio dei tassi, sostenendo che l’aumento dei salari è ancora troppo rapido per dare il via libera e iniziare ad allentare la politica restrittiva.

I trader intanto hanno ridotto le stime sui tagli dei tassi di interesse quest’anno a meno di un punto percentuale, la scommessa più bassa da mesi.

Tassi Bce, quanti tagli in arrivo? Le previsioni

I contratti di swap mostrano che entro la fine del 2024 saranno previsti meno di quattro tagli da 25 punti base, in calo rispetto ai sette della fine dello scorso anno. Anche i mercati monetari hanno ridotto le possibilità di una prima mossa in aprile a solo il 30%, con la prima riduzione prevista per giugno. La rivalutazione ha spinto l’euro.

Le mosse sono arrivate dopo che i servizi francesi e i dati manifatturieri hanno superato le aspettative degli economisti, l’ultimo segnale di resilienza economica che ha costretto gli investitori a riconsiderare l’entità dell’allentamento che le principali banche centrali sono in grado di offrire. I dati per la zona euro hanno toccato il massimo degli ultimi otto mesi, con l’indice dei servizi tornato a 50, ponendo fine a sei mesi di contrazione.

Le scommesse del mercato sui tagli sono state probabilmente influenzate anche dalla forza dell’economia americana, che ha portato gli operatori a rivalutare la portata dell’allentamento che la Federal Reserve può offrire quest’anno. Un’altra serie di forti dati sull’inflazione statunitense potrebbe causare un ritardo da parte della Fed, ha affermato Jane Foley, responsabile della strategia FX presso Rabobank.

“Per evitare un calo del tasso di cambio euro-dollaro, ciò suggerisce anche un probabile ritardo nei cambiamenti politici della Bce”, ha affermato.

I policy maker della Bce negli ultimi giorni hanno invitato alla cautela per evitare aggiustamenti prematuri della politica, facendo eco a una visione vista nei verbali dell’ultima riunione della Fed.

“Siamo nel bel mezzo di una rivalutazione dei tagli dei tassi per il 2024”, ha affermato Evelyne Gomez-Liechti, stratega di Mizuho International, vedendo il ridimensionamento delle scommesse sui tassi della Bce come una mossa “sensata”.

Tre tagli da 25 punti base rappresentano il nostro scenario di base per la Bce e riteniamo che verranno diminuiti solo gradualmente man mano che i mercati del lavoro continueranno a essere resilienti”, ha aggiunto.

Anche se può essere molto allettante, è troppo presto per tagliare i tassi di interesse, ha ribadito Nagel in un discorso venerdì 23 febbraio. “Riceveremo un quadro più dettagliato di come si stanno svolgendo le pressioni interne sui prezzi solo nel secondo trimestre. Allora potremo contemplare un taglio dei tassi di interesse”, ha aggiunto.

Anche Isabel Schnabel, l’altra tedesca nel Consiglio direttivo composto da 26 membri e altra voce influente, è stata cauta nella sua valutazione di venerdì, sostenendo che la fase finale per tenere l’inflazione sotto controllo potrebbe essere più difficile di quanto alcuni anticipano.

Da non perdere su Money.it

Iscriviti a Money.it

Trading online
in
Demo

Fai Trading Online senza rischi con un conto demo gratuito: puoi operare su Forex, Borsa, Indici, Materie prime e Criptovalute.