Criteri ESG e settore assicurativo: a che punto siamo? Intervista a Laura Roscioni (Groupama)

16 Maggio 2022 - 13:00

condividi

I criteri ESG permettono di classificare le aziende e di valutare la bontà degli investimenti. A che punto è il settore assicurativo?

I criteri ESG, acronimo per Environmental, Social e Governance, sono un innovativo metro di valutazione di imprese e organizzazioni, a cui - in particolare negli ultimi anni - si sta prestando particolare attenzione. Questo perché i criteri ESG sono utili a determinare qual è l’impatto ambientale, sociale e di governance delle imprese, ormai sempre più orientate verso la sostenibilità del proprio business.

I criteri Environmental, Social e Governance permettono, quindi, di classificare le aziende in base alla loro conformità con i parametri stabiliti e allo stesso tempo permettono di valutare la bontà di un investimento puntando anche al valore che le aziende producono per il beneficio di ambiente e società.

Criteri ESG e settore assicurativo: a che punto siamo? E soprattutto: cosa bisogna sapere per investire al meglio? Ne abbiamo parlato con Laura Roscioni, «Chief Financial Officer presso Groupama», che ci ha raccontato come il settore si stia muovendo sia in termini di investimenti sia nell’impegno di prodotti assicurativi di protezione.

Iscriviti a Money.it