La crisi del gas è l’ennesima scossa per i trader europei: un’analisi

Violetta Silvestri

30 Luglio 2022 - 15:36

condividi

Con la crisi del gas ai massimi livelli in Europa, gli investitori in titoli europei si trovano smarriti: quali titoli prediligere e a quali settori fare attenzione? Un’analisi.

La crisi del gas è l'ennesima scossa per i trader europei: un'analisi

Quali investimenti preferire se la crisi energetica strozza l’Europa e le società più legate ai carburanti russi? Non c’è dubbio che la situazione del vecchio continente e i suoi pericolosi legami con Mosca stanno mettendo a dura prova i trader azionari europei.

In una analisi, Bloomberg ha sottolineato che, proprio quando sembrava che la serie di sfide economiche che hanno perseguitato gli investitori quest’anno fosse stata scontata dai mercati finanziari, una spirale di crisi energetica minaccia di dare una nuova scossa ai playbook dei trader azionari.

La stretta della Russia sulle forniture di gas europee, con i flussi attraverso il cruciale gasdotto Nord Stream verso la Germania ridotti drasticamente, sta provocando un’impennata dei prezzi del gas naturale. Una notizia da poco diffusa afferma che anche le forniture verso la Lettonia sono state bloccate da Gazprom.

Quei settori e Paesi con una forte dipendenza dai combustibili fossili russi sono a rischio. Perchè? E come dovrebbero muoversi i trader tra le azioni europee?

Come muoversi tra le azioni europee con la minaccia gas russo?

L’articolo mette a fuoco innanzitutto che le principali società tedesche di produzione pesante sono grandi importatori di gas e l’indice DAX della nazione ha un’esposizione del 45% a prodotti chimici, automobili e industria. Eppure l’economia europea finora è rimasta resiliente e l’intera portata dei rischi si sta rivelando difficile da valutare per gli investitori.

“Non abbiamo davvero un quadro per giudicare come si evolverà questa cosa”, ha affermato Paul O’Connor, capo del multi-asset di Janus Henderson Investors, aggiungendo che il significato della crisi potrebbe essere sostanziale.

Alcune vulnerabilità sono evidenti. Un paniere di azioni di Citigroup sensibile a uno shock da gas ha sottoperformato il mercato in generale quest’anno. Comprende BASF SE, Covestro AG, Thyssenkrupp AG e Siemens AG, nonché case automobilistiche come BMW AG e Mercedes-Benz Group AG e le utility E.ON SE e Uniper SE.

Secondo Esther Baroudy, senior portfolio manager presso State Street Global Advisers, i settori legati ai consumi sono “relativamente vulnerabili” all’aumento dei prezzi dell’energia. Le aziende legate al mercato di massa con margini ridotti saranno le più penalizzate, “poiché avranno un doppio smacco sia dal costo dell’energia che della logistica, e dal lato delle entrate poiché il potere di spesa dei clienti è colpito dall’inflazione”, ha affermato.

Il sottoindice al dettaglio è il peggiore dello Stoxx Europe 600 quest’anno, in calo del 29%, mentre anche i segmenti dei viaggi e del tempo libero e dei prodotti di consumo sono rimasti indietro, appesantiti dal calo della fiducia dei consumatori.

Se la Russia interrompesse completamente i flussi di gas verso l’Europa, gli utili aziendali dovrebbero diminuire del 10%, stimano gli strateghi di Citigroup, mentre gli economisti di UBS Group AG vedono un potenziale colpo di oltre il 15%.

Perché puntare sui titoli energetici

Le azioni energetiche, l’unico gruppo industriale europeo in territorio positivo quest’anno, rimangono una copertura popolare. Sebbene i prezzi del petrolio siano usciti dai massimi recenti, sono ancora al di sopra dei 100 dollari, oltre il 40% in più della media del 2021.

“Sebbene i prezzi rimangano elevati, i titoli del petrolio e del gas sono uno tra quelli che offrono rendimenti positivi”, ha affermato Louise Dudley, gestore di fondi azionari globali presso Federated Hermes. Ha anche indicato i servizi di pubblica utilità statunitensi come un’area che offre risultati positivi.

La corsa all’abbandono dei combustibili fossili russi ha messo in luce le alternative, con l’indice europeo delle energie rinnovabili che quest’anno ha sovraperformato il benchmark più ampio. Tuttavia, la capacità dei produttori di energia verde della regione di soddisfare la forte domanda abbastanza rapidamente è messa in discussione.

Jens Zimmermann, analista senior di Credit Suisse Group vede il produttore statunitense di gas naturale liquefatto EQT Corp. come il principale beneficiario della crisi, insieme ad altri trasportatori di Gnl e società come Williams Cos Inc., Cheniere Energy Inc. e Tellurian Inc. In Europa, Shell Plc e TotalEnergies SA, così come la svizzera Burckhardt Compression Holding AG sono tra le sue prime scelte.

Tuttavia, è probabile che le increspature e le conseguenze indirette dell’escalation della crisi energetica in Europa vadano oltre quanto immaginato, senza lasciare intatto nessun settore.

Iscriviti a Money.it

Trading online
in
Demo

Fai Trading Online senza rischi con un conto demo gratuito: puoi operare su Forex, Borsa, Indici, Materie prime e Criptovalute.