Creval: Dumont chiede un nuovo CdA

Il titolare del 5,78% della società Denis Dumont ha chiesto l’azzeramento del CdA. Oggi Creval alla prova conti semestrali

Creval: Dumont chiede un nuovo CdA

Un fulmine torna a scuotere Creval.
Dopo la chiusura delle filiali e il taglio di 170 dipendenti annunciati ad aprile, ieri sera la banca ha reso nota la richiesta dell’imprenditore francese Denis Dumont, che detiene il 5,78% della società, di azzerare il CdA.

Dumont, che fino a questo momento aveva mantenuto una posizione piuttosto neutra per quel che riguarda la sua partecipazione su Creval, ha così scatenato all’improvviso l’agitazione del Credito Valtellinese.

La banca proprio oggi è attesa dai conti relativi al primo semestre del 2018, che secondo le stime di Mediobanca Securities potrebbero segnare un ritorno agli utili.

Scossone Creval: Dumont chiede azzeramento CdA

La notizia è arrivata nella tarda serata di ieri, quando dalla società hanno comunicato di aver ricevuto una richiesta dalla holding di Dumont, DGFD S.A, per un assemblea straordinaria degli azionisti al fine di azzerare il Consiglio di Amministrazione.

Una mossa che segue di qualche mese l’aumento di capitale, e che proprio da questo dipenderebbe secondo diversi osservatori, pronti a notare come l’imprenditore francese possa mirare a rivedere il nuovo azionariato, dopo le operazioni di ricapitalizzazione che hanno portato 699,66 milioni di euro nelle casse societarie. Operazioni che, soprattutto, hanno aperto le porte a nuove realtà come Algebris Limited, Credito Fondiario, Dorotheum GmbH & Co KG e Hosking partners.

In più, va sottolineato che solo pochi giorni fa si sono chiusi gli accordi tra Creval e Credit Agricole, che hanno visto quest’ultimo acquisire il 5% del Credito Valtellinese; quota che potrebbe presto salire fino al 10%.

Il CdA si riunirà proprio oggi, ma non avrà luogo nessuna discussione relativa alla richiesta di Dumont, perché il Board sarà focalizzato esclusivamente sui conti relativi al primo semestre del 2018.

Sembra ragionevole immaginare che la questione sarà rimandata ai primi di settembre, il che porterebbe ad aspettarsi la convocazione del Consiglio ad autunno.

Semestrale Creval: atteso ritorno all’utile

Uno scossone, quello arrivato da Dumont, che arriva proprio in corrispondenza con i conti relativi al primo semestre dell’anno, attesi per la giornata di oggi.

Le stime di Mediobanca Securities hanno confermato il rating neutral e un target price a 0,11 euro, prospettando un ritorno all’utile per la banca, con una raccolta a 90 milioni di euro e un profitto positivo per 56 milioni di euro.

Gli analisti di Bloomberg si aspettano una perdita netta di 9 milioni di euro su ricavi a quota 170,7 milioni di euro.

Intanto le azioni Creval, dopo un apertura in rialzo fino a un +2% circa, viaggiano in ribasso dello 0,17% a quota 1,191 euro.

Iscriviti alla newsletter per ricevere le news su Creval

Argomenti:

Italia Creval

Condividi questo post:

Commenti:

Trading online
in
Demo

Fai Trading Online senza rischi con un conto demo gratuito: puoi operare su Forex, Borsa, Indici, Materie prime e Criptovalute.