Comprare una pistola in Italia: costi e procedure

Per comprare una pistola legalmente ci sono diversi adempimenti da rispettare. Il costo, invece, dipende dal modello che si vuole acquistare: si va dai 200€ ai 2.000€.

Comprare una pistola in Italia: costi e procedure

Si prevede una crescita per gli acquisti di pistole ed armi da fuoco in Italia vista la recente approvazione della nuova legge sulla legittima difesa.

Con questo provvedimento, fortemente voluto da Matteo Salvini, viene stabilito infatti che la legittima difesa è sempre presunta (ovvero è sempre sussistente il rapporto di proporzionalità tra difesa ed offesa), mentre viene considerato sempre in stato di legittima difesa colui che agisce per respingere l’intrusione nel proprio domicilio - con violenza o minaccia - da parte di un malintenzionato.

La nuova legge, quindi, consente l’uso di una pistola per difendersi dalle intrusioni e dalle aggressioni domiciliari ed è per questo che in queste ore in molti si stanno domandando se non sia il caso di comprare legalmente un’arma da fuoco per l’autodifesa.

Qui trovate le informazioni di cui avete bisogno se state pensando di acquistare un’arma: dai costi di una pistola ai documenti necessari per l’acquisto e la detenzione legale di armi da fuoco.

Chi può acquistare una pistola?

La legislazione italiana consente a qualsiasi cittadino di acquistare un’arma purché questo sia:

  • incensurato;
  • non affetto da malattie psichiatriche;
  • non alcolista;
  • non tossicomane.

Chi soddisfa questi requisiti però non può acquistare liberamente una pistola se non è in possesso di:

  • licenza di porto di pistola e porto di fucile;
  • nulla osta all’acquisto.

Quindi per l’acquisto di una pistola non è obbligatorio avere il porto d’armi, poiché è possibile comprare un’arma da fuoco anche con la sola autorizzazione del Questore. Per la guida su come prendere il porto d’armi cliccate qui, mentre per maggiori informazioni sul nulla osta all’acquisto continuate a leggere.

Nulla osta del Questore per l’acquisto di una pistola: come richiederlo?

Mentre i titolari di un porto di pistola e porto d’armi non hanno bisogno dell’autorizzazione del Questore per l’acquisto di un’arma, questa è necessaria per tutti gli altri cittadini italiani.

Per la richiesta del nulla osta dovete compilare il documento che trovate di seguito e presentarlo in Questura tramite una delle seguenti modalità:

  • a mano presso l’ufficio competente il quale vi rilascerà una regolare ricevuta;
  • posta raccomandata con avviso di ricevimento;
  • per via telematica.
Richiesta nulla osta per l’acquisto di armi
Cliccate qui per scaricare il modello della domanda da presentare in Questura per richiedere l’autorizzazione all’acquisto di una pistola.

Al modulo bisogna allegare i seguenti documenti:

  • certificato di idoneità psico-fisica rilasciato dall’ASL di residenza;
  • documentazione riguardante il servizio prestato nelle Forze Armate o nelle Forze di Polizia, oppure il certificato di idoneità al maneggio delle armi rilasciato, da massimo 10 anni, dal una Sezione di Tiro a Segno Nazionale;
  • dichiarazione sostitutiva con la quale il richiedente attesta di non trovarsi nelle condizioni ostative stabilite dalla legge e di non essere stato riconosciuto come “obiettore di coscienza”. Inoltre, nella dichiarazione sostitutiva bisogna indicate le generalità delle persone conviventi.

Una volta presentata la richiesta, il Questore la valuterà e deciderà se concedere o no il nulla osta all’acquisto di una pistola. Qualora questo venga concesso allora il richiedente potrà recarsi presso uno dei negozi autorizzati per acquistare l’arma della tipologia indicata nella domanda (arma lunga, corta, antica o bianca).

Dove acquistare e quanto costa una pistola

Per l’acquisto legale di un’arma da fuoco dovete andare in uno dei tanti negozi autorizzati presenti sul territorio italiano. Ad esempio, sul sito ufficiale della Beretta c’è una mappa nella quale sono indicati tutti i rivenditori ufficiali e autorizzati per la vendita situati nelle Regioni d’Italia.

A questo punto la domanda che si fanno in molti è: ma quanto costa una pistola? I prezzi naturalmente variano dalla tipologia e dal modello dell’arma. Ad esempio, per una pistola il prezzo oscilla dai 200€ di una classica Beretta modello 70, fino ai 2.000€.

Quindi ci sono pistole di varie fasce di prezzo: la Beretta modello 87 Target costa circa 600€, una Magnum sportiva 750€, il modello 37 della Smith&Wesson 450€, mentre la Glock 17 circa 640€.

Tuttavia non è possibile acquistare molti modelli di pistole, visto che la legge stabilisce dei limiti ben precisi riguardo al limite massimo di armi da fuoco che si possono detenere.

Quante pistole si possono detenere in casa?

L’articolo 10 della legge n°110 del 1975 stabilisce che, senza l’opportuna licenza di collezione, si possono detenere al massimo:

  • tre armi comuni da sparo;
  • dodici armi sportive;
  • otto armi antiche, rare o d’importanza storica.

Non c’è alcun limite invece per le armi da caccia.

Visto quanto stabilito dalla legge è molto importante saper identificare un’arma, distinguendo ad esempio le pistole comuni dalle armi ad uso sportivo.

La legge infatti stabilisce che qualsiasi errore riguardante l’identificazione della tipologia di arma ricade sul detentore che rischia di essere sottoposto a procedimento penale per il reato di raccolta abusiva di armi, anche nel caso in cui queste siano state acquistate legalmente con opportuna documentazione.

Iscriviti alla newsletter Lavoro e Diritti per ricevere le news su Legittima difesa

Argomenti:

Legittima difesa

Condividi questo post:

Trading online
in
Demo

Fai Trading Online senza rischi con un conto demo gratuito: puoi operare su Forex, Borsa, Indici, Materie prime e Criptovalute.