Cosa può accadere all’industria della Germania (in preda alla crisi energetica)

Violetta Silvestri

19/08/2022

19/08/2022 - 19:05

condividi

La Germania si sta rendendo protagonista della crisi economica in Europa. La potenza Ue perde quota dinanzi ai prezzi energetici alle stelle e l’industria, settore chiave, soffre. Cosa succede?

Cosa può accadere all'industria della Germania (in preda alla crisi energetica)

La Germania soffre sempre di più per la crisi energetica europea e la sua potenza industriale sta declinando.

I prezzi dell’energia elettrica tedeschi sono saliti a un nuovo record, esercitando maggiore pressione sulla produzione dell’industria e sui consumatori alle prese con una crisi del costo della vita.

L’aumento di gas e carbone e gli scarsi segnali di sollievo per le infrastrutture energetiche in Europa stanno spingendo l’elettricità alle stelle. Il futuro del cuore industriale della Germania è sotto assedio e, secondo alcuni analisti, rischia un potenziale esodo, mentre i produttori tedeschi di componenti per automobili, prodotti chimici e acciaio lottano per assorbire i prezzi dell’energia che salgono a nuovi massimi quasi ogni giorno.

L’industria della Germania sta crollando?

Ci sono prove che la posizione industriale della Germania stia scivolando, come sottolineato in una interessante analisi di Bloomberg.

Nei primi sei mesi di quest’anno, il volume delle importazioni chimiche è aumentato di circa il 27% rispetto allo stesso periodo dell’anno scorso, secondo i dati del Governo analizzati dalla società di consulenza Oxford Economics. Allo stesso tempo, la produzione chimica è diminuita, con una produzione a giugno in calo di quasi l’8% rispetto a dicembre.

Il FMI ha dichiarato il mese scorso che la Germania è destinata a essere la nazione con le peggiori performance nel G7 quest’anno a causa della dipendenza dell’industria dal gas naturale russo.

Il più grande produttore europeo di rame, Aurubis con sede ad Amburgo, mira a ridurre al minimo il consumo di gas e trasferire i costi energetici ai clienti, ha affermato il CEO Roland Harings il 5 agosto. Il gigante dello zucchero Suedzucker ha ideato piani energetici di emergenza nel caso in cui la Russia interrompesse completamente l’approvvigionamento alla Germania.

La BMW sta intensificando i preparativi per una potenziale carenza. La casa automobilistica con sede a Monaco gestisce 37 impianti alimentati a gas che generano calore ed elettricità in stabilimenti in Germania e Austria e sta valutando invece l’utilizzo di servizi di pubblica utilità locali.

L’azienda di imballaggio Delkeskamp Verpackungswerke GmbH prevede di chiudere una cartiera nella città settentrionale di Nortrup a causa degli elevati costi energetici, con 70 lavoratori che perdono il lavoro.

L’allarme per la Germania è reale. “L’inflazione energetica è molto più drammatica qui che altrove”, ha affermato Ralf Stoffels, amministratore delegato di BIW Isolierstoffe GmbH, un produttore di parti in silicone per l’industria automobilistica, aerospaziale e degli elettrodomestici. “Temo una graduale deindustrializzazione dell’economia tedesca”.

Se il cuore industriale dell’Europa soffre, a contare i danni sarà l’intero sistema del continente. Un aumento prolungato dei prezzi dell’energia potrebbe finire per trasformare il panorama economico generale europeo, ha affermato Simone Tagliapietra, ricercatore presso il think tank Bruegel. “Alcuni settori subiranno un grave stress e dovranno ripensare la loro produzione in Europa.

Iscriviti a Money.it

Trading online
in
Demo

Fai Trading Online senza rischi con un conto demo gratuito: puoi operare su Forex, Borsa, Indici, Materie prime e Criptovalute.