Come risparmiare sul passaggio di proprietà: consigli e passaggi da seguire

Marco Lasala

16/08/2022

16/08/2022 - 17:42

condividi

Quando si acquista un’auto usata, la cessione della proprietà implica la registrazione del passaggio di proprietà che certifica l’entrata in possesso del nuovo acquirente.

Come risparmiare sul passaggio di proprietà: consigli e passaggi da seguire

Il passaggio di proprietà è un adempimento obbligatorio quando si acquista un’auto usata. Due le strade percorribili in questo caso, quando si acquista un’auto usata presso una concessionaria, in genere è la stessa che provvede ad assistere il cliente nei vari passaggi, mentre tra privati cittadini le strade percorribili sono due.

A meno che non ci si rivolge a un’agenzia di pratiche auto, effettuare il passaggio di proprietà in totale autonomia non è poi così complicato, pochi e semplici passaggi permettono di risparmiare denaro e tempo.

La regola base è quella dei 60 giorni dalla sottoscrizione del contratto, in questo lasso di tempo deve avvenire l’iscrizione sul libretto di circolazione con conseguente aggiornamento dei dati del nuovo proprietario.

Passaggio di proprietà: documenti e pagamenti da effettuare

Prima di tutto occorre per effettuare il passaggio di proprietà in autonomia avere:

  • carta di identità dell’acquirente o un altro documento di riconoscimento;
  • marca da bollo di 16 euro.

Successivamente basterà recarsi presso il PRA (acronimo di Pubblico Registro Automobilistico) e compilare:

  • un documento con la richiesta del passaggio di proprietà;
  • modulo di aggiornamento dei dati riportati sulla carta di circolazione.

Questi due moduli devono essere obbligatoriamente firmati dall’acquirente o dall’intestatario del passaggio, non è valida in tal caso alcuna delega e nel caso non sia presente il venditore, occorre una sua firma autenticata. In questo passaggio è richiesto il pagamento della marca da bollo da 16 euro.

Completato il tutto, la documentazione deve essere consegnata al PRA e nel giro di qualche giorno lavorativo, verrà consegnato il passaggio di proprietà con l’etichetta da apporre nell’apposito spazio presente sul libretto di circolazione.

Costi passaggio di proprietà

In sintesi ecco i costi da sostenere quando si effettua da soli il passaggio di proprietà:

  • aggiornamento della carta di circolazione: pagamento bollo per un importo di 16 euro;
  • trascrizione al PRA: pagamento bollo da 32 euro;
  • pagamenti diritti al PRA: 27 euro;
  • diritti di motorizzazione: 10,2 euro;
  • Tassa Provinciale di Trascrizione (IPT): viene calcolata sulla base della potenza della vettura e della regione di residenza.

Nel caso di Certificato di Proprietà Digitale vale la stessa procedura, occorrerà solo chiedere la stampa del nuovo certificato, operazione gratuita.

Come calcolare il passaggio di proprietà

I costi sono variabili in relazione alla potenza della vettura e della regione di residenza:

  • fino a 53 kW il costo dell’IPT è di 150,81 euro;
  • per vetture con potenze superiori, si paga un sovrapprezzo di 3,5119 euro per ogni kW in più (le Province posso aumentare questo costo fino a un massimo di 4,56 euro per kW).

Come risparmiare sul costo del passaggio di proprietà

Tra marche da bollo, IPT e diritti, il costo totale ammonta a 236,01 euro, questo è l’importo minimo, privo di maggiorazioni da parte delle regioni, nel caso ci si rivolga a un’agenzia di pratiche automobilistiche bisogna metter in conto il loro onorario, variabile dai 30 ai 50 euro.

A partire dal 1 gennaio 2022, il Decreto legislativo n.97/2017 ha avviato la progressiva introduzione del Documento Unico di Circolazione e di Proprietà del veicolo (DU) che sostituisce la Carta di Circolazione e il vecchio Certificato di Proprietà del veicolo, il DU viene rilasciato dal Ministero delle Infrastrutture e della Mobilità Sostenibile (MIMS).

Si tratta di un modello dove sono annotati anche i dati relativi alla situazione giuridico patrimoniale del veicolo presenti nel PRA.

Per le autovetture che hanno ancora la vecchia carta di circolazione e iscritti al PRA prima del 1 ottobre 2021, il DU verrà rilasciato in occasione del trasferimento di proprietà, rinnovo di iscrizione, nuova immatricolazione e smarrimento o furto del CdP.

Dove è possibile effettuare il passaggio di proprietà

Il passaggio di proprietà potrà essere effettuato presso:

  • Comune: occorre l’autenticazione della firma presso gli uffici preposti e pagare 16 euro di marca da bollo. Una volta effettuato il tutto, entro 60 giorni, l’acquirente potrà richiedere il nuovo CdP al PRA per aggiornare il libretto di circolazione;
  • Motorizzazione: il passaggio di proprietà dovrà avvenire contestualmente all’autenticazione della firma del venditore;
  • ACI: dopo l’autenticazione della firma del venditore entro 60 giorni occorrerà effettuare la registrazione del passaggio di proprietà al PRA che rilascerà il nuovo certificato di proprietà digitale.

Quali documenti occorrono per il passaggio di proprietà

Per effettuare il passaggio di proprietà di un’auto occorrono i seguenti documenti:

  • certificato di proprietà originale del veicolo;
  • codice fiscale dell’acquirente e venditore;
  • fotocopia fronte/retro del documento di identità del venditore e acquirente.

Nel caso l’acquirente nomini un delegato per effettuare il passaggio di proprietà della sua auto occorre una delega.

Argomenti

# Tasse

Iscriviti a Money.it