Come e perché iscriversi a un sindacato (e quanto costa)

Luna Luciano

26 Marzo 2023 - 12:39

I lavoratori spesso si domandano se e perché convenga iscriversi al sindacato: bisogna conoscerne i servizi. Ecco come fare e quanto costa.

Come e perché iscriversi a un sindacato (e quanto costa)

Il mondo del lavoro spesso si divide sulla rilevanza del sindacato. Spesso si pensa che questo non garantisca alcun diritto e non sia di grande utilità, ma non è così. I sindacati nascono proprio per essere al servizio dei lavoratori, garantendo per i loro diritti, garantendo alcuni servizi gratuiti, o fornendo delle convenzioni che consentono all’iscritto di godere di diversi sconti e agevolazioni.

Nel caso in cui si decida di iscriversi a un sindacato, è bene conoscere le modalità di iscrizione, i costi e i vantaggi. Innanzitutto è necessario sapere che l’iscrizione è libera e il lavoratore può scegliere di iscriversi al sindacato che più preferisce. I sindacati più importanti Cgil, Cisl e Uil, che a loro volta sono suddivisi in federazioni di categoria.

Cosa fa e perché iscriversi al sindacato?

Il sindacato è un’organizzazione che rappresenta e difende i diritti dei lavoratori, ad esempio firmando i contratti collettivi - ossia accordi vincolanti che regolamentano il rapporto di lavoro. Oltre questo l’organizzazione si occupa di indire scioperi e manifestazioni a livello nazionale e territoriale per farsi portavoce dei diritti dei lavoratori.

Infine si occupa di supportare i lavoratori all’interno dell’azienda, assicurandosi che i loro diritti non vengano calpestati, offrendo assistenza e consulenza fiscale, amministrativa, previdenziale, formativa e nelle vertenze di lavoro.

Inoltre in caso di controversie col datore di lavoro il sindacato offre il controllo delle buste paga e di tutti i documenti che riguardano il rapporto di lavoro, assiste l’interessato nell’impugnazione del licenziamento e degli altri provvedimenti disciplinari, come nel caso delle vertenze. Inoltre garantisce la tutela nei confronti degli enti previdenziali e assicurativi, come Inps e Inail.

Infine per quanto riguarda la formazione, il sindacato può offrire attività formative e ricreative: ad esempio, può organizzare corsi di orientamento professionale, fornire sconti per accedere a spettacoli, strutture alberghiere. Ovviamente, questi servizi non sono gratuiti, esclusi i servizi ritenuti “base” per la tutela del lavoratore, la restante parte è offerta agli iscritti con prezzi più bassi rispetto ai costi ordinari.

Come iscriversi al sindacato?

A seconda dell’organizzazione scelta le modalità di iscrizione sono differenti. In linea generale è sufficiente che il lavoratore compili dei moduli online messi a disposizione dal sito del sindacato.

Successivamente sarà necessario recarsi nella sede territoriale per perfezionare l’iscrizione. Nel caso in cui non si abbia dimestichezza con le pratiche online (per quanto sia vantaggioso per risparmiare tempo) è possibile rivolgersi al rappresentante sindacale della propria azienda, oppure recarsi direttamente presso la sede territoriale e da lì avviare tutte le pratiche. Una volta ufficializzata l’iscrizione, questa si rinnoverà automaticamente ogni anno, senza che il lavoratore debba preoccuparsi di recarsi in sede.

Per cancellarsi, invece, in ogni caso deve essere inviata una comunicazione raccomandata - in duplice copia al datore di lavoro e al sindacato.

Quanto costa iscriversi al sindacato?

Nel caso in cui si decida di iscriversi a un sindacato è importante conoscere il costo che questa scelta comporta. Bisogna precisare che il costo annuo d’iscrizione non è uguale per tutti, il prezzo varia a seconda dell’organizzazione a cui ci si iscriverà - per cui è bene conoscere il piano di ogni sindacato.

Al di là di questo è possibile comunque fare una stima e conoscere il prezzo medio - quindi in linea generica - dell’iscrizione a un sindacato. Solitamente il costo annuo dell’iscrizione equivale circa all’1% dello stipendio lordo, il quale viene pagato dal lavoratore tramite trattenute mensili in busta paga.

Argomenti

# Lavoro

Iscriviti a Money.it

Fa bene il Governo a vendere ulteriori quote di ENI?

Fai sapere la tua opinione e prendi parte al sondaggio di Money.it

Partecipa al sondaggio
icona-sondaggio-attivo