Come pagare l’Imu 2024, istruzioni versamento online o con F24

Patrizia Del Pidio

18 Aprile 2024 - 16:29

Come si paga l’Imu 2024? Vediamo le istruzioni per effettuare il versamento sia procedendo online che pagando con il modello F24.

Come pagare l’Imu 2024, istruzioni versamento online o con F24

Vediamo come si paga l’Imu 2024 online o con modello F24. Ormai ci si avvia verso il periodo in cui i contribuenti sono chiamati a versare le imposte, tra le quali anche l’Imu. Per quest’anno la scadenza ultima per versare l’Imposta Municipale Propria (o Unica) è fissata al 17 giugno, visto che il 16 cade di domenica. Proprio perchè alla scadenza, ormai, mancano meno di due mesi, è bene arrivare a questa data con le idee chiare e capire come versare l’importo

L’Imu è un’imposta che si versa in due rate, l’acconto a giugno e il saldo a dicembre. Quest’anno le scadenze sono fissate al:
17 giugno 2024 per l’acconto;
16 dicembre 2024 per il saldo.

L’Imu può essere pagato con diverse modalità quali:

  • online con PagoPA;
  • tramite bollettino postale;
  • con il modello F24.

Vediamo di seguito, quali sono le istruzioni e i codici tributo da utilizzare per effettuare il pagamento.

Come si paga l’Imu 2024: chi è tenuto a versare l’imposta

L’imposta municipale, dovuta per i fabbricati, i terreni agricoli e le aree edificabili, è dovuta per il possesso di beni immobili.

L’Imu sui fabbricati è dovuta solo sulle abitazioni principali diverse dalla prima casa non di lusso (le categorie catastali A/1, A/8 e A/9 sono soggette a Imu anche quando utilizzate come abitazione principale).

Proprio in questo contesto è utile spiegare cosa si intenda con abitazione principale. Si tratta dell’unità immobiliare in cui il proprietario e gli appartenenti al suo nucleo familiare hanno residenza anagrafica e dimorano abitualmente.

L’articolo 1, comma 741 della Legge 27 dicembre 2019, numero 160, prevede che sono considerati come abitazione principale anche:

  • le unità immobiliari appartenenti alle cooperative edilizie a proprietà indivisa adibite ad abitazione principale e relative pertinenze dei soci assegnatari;
  • le unità immobiliari appartenenti alle cooperative edilizie a proprietà indivisa destinate a studenti universitari soci assegnatari, anche in assenza di residenza anagrafica;
  • i fabbricati di civile abitazione destinati ad alloggi sociali come definiti dal decreto del Ministro delle infrastrutture 22 aprile 2008, pubblicato nella Gazzetta Ufficiale n. 146 del 24 giugno 2008, adibiti ad abitazione principale;
  • la casa familiare assegnata al genitore affidatario dei figli, a seguito di provvedimento del giudice che costituisce altresì, ai soli fini dell’applicazione dell’imposta, il diritto di abitazione in capo al genitore affidatario stesso;
  • un solo immobile, iscritto o iscrivibile nel catasto edilizio urbano come unica unità immobiliare, posseduto e non concesso in locazione dal personale in servizio permanente appartenente alle Forze armate e alle Forze di polizia a ordinamento militare e da quello dipendente delle Forze di polizia a ordinamento civile, nonché dal personale del Corpo nazionale dei vigili del fuoco e dal personale appartenente alla carriera prefettizia, per il quale non sono richieste le condizioni della dimora abituale e della residenza anagrafica;
  • su decisione del singolo comune, l’unità immobiliare posseduta da anziani o disabili che acquisiscono la residenza in istituti di ricovero o sanitari a seguito di ricovero permanente, a condizione che la stessa non risulti locata. In caso di più unità immobiliari, la predetta agevolazione può essere applicata ad una sola unità immobiliare.

Come pagare l’IMU 2024 con il modello F24

La prima rata dell’Imu va pagata, ogni anno, entro il 16 giugno, ma per quest’anno il termine ultimo slitta al 17, mentre la seconda rata, a saldo dell’imposta, si versa il 16 dicembre.

Sono chiamati a pagare entro la scadenza i proprietari di immobili che non siano prima casa, intesa come abitazione principale, ma solo nel caso in cui l’imposta calcolata su base annua sia superiore a 12 euro (o a una soglia inferiore deliberata dal Comune).

Le modalità a disposizione dei contribuenti per pagare l’Imu, sia saldo che acconto sono tre:

  • bollettino postale compatibile con modello F24;
  • modello F24;
  • PagoPa.

I codici tributo da utilizzare per compilare il modello F24 sono stati istituiti dall’Agenzia delle Entrate con la risoluzione n. 29 del 29 maggio 2020:

Codice tributoDenominazione
3912 IMU - imposta municipale propria su abitazione principale e relative pertinenze - COMUNE
3913 IMU - imposta municipale propria per fabbricati rurali ad uso strumentale - COMUNE
3914 IMU - imposta municipale propria per i terreni – COMUNE
3916 IMU - imposta municipale propria per le aree fabbricabili - COMUNE
3918 IMU - imposta municipale propria per gli altri fabbricati – COMUNE
3923 IMU - imposta municipale propria – INTERESSI DA ACCERTAMENTO - COMUNE
3924 IMU - imposta municipale propria – SANZIONI DA ACCERTAMENTO - COMUNE
3925 IMU – imposta municipale propria per gli immobili ad uso produttivo classificati nel gruppo catastale D – STATO
3930 IMU – imposta municipale propria per gli immobili ad uso produttivo classificati nel gruppo catastale D – INCREMENTO COMUNE
3939 IMU - imposta municipale propria per i fabbricati costruiti e destinati dall’impresa costruttrice alla vendita - COMUNE per monitoraggio

I codici tributo vanno inseriti nella colonna «importi a debito versati» unitamente ai seguenti dati:

  • nel campo “codice ente/codice comune”, il codice catastale del comune nel cui territorio sono situati gli immobili, reperibile nella tabella pubblicata sul sito internet www.agenziaentrate.gov.it;
  • barrare la casella corrispondente al tipo di pagamento:
    • “Ravv.” se il versamento è effettuato a titolo di ravvedimento;
    • “Acc.” se il pagamento si riferisce all’acconto;
    • “Saldo” se il pagamento si riferisce al saldo;
    • se il pagamento è effettuato in un’unica soluzione, barrare entrambe le caselle “Acc.” e “Saldo”;
  • nel campo “Numero immobili” indicare il numero degli immobili (massimo 3 cifre);
  • nel campo “Anno di riferimento” indicare l’anno d’imposta a cui si riferisce il pagamento, nel formato “AAAA”. Se è stata barrata la casella “Ravv.” indicare l’anno in cui l’imposta avrebbe dovuto essere versata.

Imu 2024, come pagare con Pago PA entro la scadenza del 17 giugno

L’appuntamento con l’ Imu per il versamento dell’acconto è il 17 giugno 2024, scadenza che si può rispettare anche usufruendo dei servizi di PagoPa.

PagoPa è una piattaforma che mette in collegamento cittadini, Pubbliche Amministrazione e Prestatori Servizi di Pagamento per consentire il pagamento dei tributi in modo semplice e sicuro.

Il contribuente può pagare anche direttamente da smartphone tramite il QR code. Si può pagare:

  • online;
  • in posta;
  • in banca;
  • tabaccherie;
  • ricevitorie;
  • bancomat;
  • sportello dell’Agenzia delle Entrate-Riscossione;
  • tutti i canali che hanno aderito al nodo PagoPa.

Argomenti

# IMU

Iscriviti a Money.it

Selezionati per te

Fai sapere la tua opinione e prendi parte al sondaggio di Money.it

Partecipa al sondaggio
icona-sondaggio-attivo