Cina sull’orlo della deflazione: cosa significa e perché preoccuparsi

Violetta Silvestri

10/07/2023

La Cina viaggia verso una crisi deflazionistica: cosa significa e quali effetti può causare sull’economia mondiale? Perché l’economia del dragone è sotto i riflettori.

Cina sull’orlo della deflazione: cosa significa e perché preoccuparsi

Cina in controtendenza sui temi economici del momento: il suo problema è avere un’inflazione troppo debole.

Mentre i banchieri centrali del mondo occidentale si preoccupano per la loro lunga e complessa battaglia contro prezzi core vischiosi, i politici in Cina si trovano ad affrontare un problema molto diverso: un chiaro rischio di deflazione.

I dati ufficiali rilasciati lunedì hanno mostrato che l’indice dei prezzi al consumo della nazione è rimasto invariato a giugno rispetto all’anno precedente, al di sotto delle aspettative per un tasso di inflazione annuo complessivo dello 0,2%, come registrato a maggio. L’inflazione core, che esclude energia e cibo, è scesa dallo 0,6% allo 0,4%, mentre i prezzi alla produzione sono diminuiti del 5,4% rispetto all’anno precedente, il calo maggiore dal dicembre 2015.

I dati si aggiungono a un numero crescente di prove che la ripresa post-Covid della Cina si è gravemente bloccata, con i consumatori che tengono i portafogli chiusi tra le preoccupazioni per la crescita economica e i prezzi delle attività, in particolare nel settore immobiliare sotto pressione.

Cosa significa che la Cina va in deflazione e quali timori per l’economia globale.

Cina verso la deflazione: cosa significa e cosa succede?

L’inflazione al consumo in Cina si è appiattita a giugno dopo due mesi di scarsa crescita, alimentando i timori tra gli economisti e gli investitori che la seconda economia più grande del mondo sia sul punto di scivolare nella deflazione.

Il settore manifatturiero del paese, già in preda alla deflazione, ha visto i prezzi alla fabbrica scendere al ritmo più veloce in più di sette anni, secondo quanto riferito lunedì dall’Ufficio nazionale di statistica, riflettendo la domanda debole all’estero e all’interno.

I dati sono l’ultima prova del duplice tributo sull’economia cinese di una ripresa in stallo dopo la riapertura in Cina e degli aumenti dei tassi di interesse da parte delle banche centrali in Occidente che hanno ridotto la spesa dei consumatori.

Gli economisti temono che l’ampio calo dei prezzi peserà sulla già fragile fiducia nel paese, lasciando l’economia ferma in un circolo vizioso in cui domanda debole e prezzi più bassi si rafforzano a vicenda.

In Cina, i deboli dati sull’inflazione stanno spingendo per chiedere maggiori sforzi e dare una svolta al cortocircuito del sentiment fiacco, stimolando finalmente la domanda.

“Sono necessari un approccio olistico e sforzi politici concertati per stabilizzare il mercato immobiliare e aumentare la fiducia dei consumatori e delle imprese per spezzare la spirale della disinflazione o della deflazione”, ha scritto Jian Chang, capo economista cinese di Barclays in una nota ai clienti a maggio.

C’è solo un problema secondo gli strateghi: lo stimolo da onda d’urto di cui l’economia sembra aver bisogno non sta arrivando. Mentre i funzionari cinesi hanno detto tutte le cose giuste - proprio la scorsa settimana, il premier Li Qiang ha parlato con gli economisti cinesi della necessità di potenziali misure di stimolo - l’azione reale è stata in gran parte limitata ai tagli dei tassi di interesse che hanno avuto scarso impatto per il semplice fatto che le tariffe sono già molto basse.

Inflazione in calo in Cina: perché preoccupa

La prospettiva dell’emergere di una deflazione è ora una vera preoccupazione. Mentre gli economisti in Occidente continuano a essere intimoriti per le aspettative di inflazione in aumento, portando a una spirale dei prezzi e dei salari, si teme anche che la deflazione in Cina crei una sorta di ciclo negativo.

Ciò accadrebbe se i consumatori si trattenessero dall’effettuare acquisti nell’aspettativa che i prezzi saranno più bassi in futuro, con i consumi che potrebbero continuare a indebolirsi, pesando ulteriormente sui prezzi. E sul commercio internazionale, con minore domanda cinese per prodotti esteri.

Tuttavia, c’è anche da considerare che il calo dei prezzi in Cina può offrire una misura di sollievo ai banchieri centrali che combattono l’inflazione negli Stati Uniti e in altre economie sviluppate. I prezzi più bassi per le merci addebitate all’ingresso della fabbrica in Cina si traducono in minori costi di importazione delle merci cinesi per i rivenditori in Occidente, mentre l’inflazione al consumo contenuta frena anche l’appetito della Cina per le materie prime dal minerale di ferro al petrolio greggio, il che aiuta a frenare l’inflazione altrove, dicono gli economisti.

Considerando, però, che nella prospettiva di prezzi di commodities più bassi a causa di un allentamento della domanda, potrebbero frenare anche gli investimenti in materie prime cruciali per la transizione energetica.

Da non perdere su Money.it

Iscriviti a Money.it

Trading online
in
Demo

Fai Trading Online senza rischi con un conto demo gratuito: puoi operare su Forex, Borsa, Indici, Materie prime e Criptovalute.