Cina a un passo dalla contrazione: cosa ha svelato il Pil

Violetta Silvestri

15 Luglio 2022 - 08:41

condividi

I dati aggiornati sul Pil cinese non convincono: il dragone è indebolito nella crescita dalla politica zero-Covid e l’obiettivo di una ripresa economica del 5,5% nel 2022 appare difficile da centrare.

Cina a un passo dalla contrazione: cosa ha svelato il Pil

I mercati oggi osservano la Cina e la sua reale capacità di crescita economica nel pieno della strategia zero-Covid.

Il Pil cinese ha subito un forte rallentamento nel secondo trimestre, evidenziando il peso sull’attività derivante dal diffuso blocco per contenere i contagi e indicando una persistente pressione nei prossimi mesi, a causa di un peggioramento delle prospettive globali.

I dati fragili di venerdì 15 luglio si aggiungono ai timori di una recessione mondiale, mentre i responsabili politici aumentano i tassi di interesse per frenare l’inflazione e affrontano le sfide della guerra in Ucraina con le persistenti interruzioni della catena di approvvigionamento.

Cina in brusca frenata: di quanto è cresciuto il Pil?

L’economia cinese è sfuggita per un soffio a una contrazione nel secondo trimestre, poiché le ricadute della politica zero-Covid del presidente Xi Jinping hanno alimentato le aspettative che Pechino avrebbe iniettato centinaia di miliardi di dollari di stimoli per sostenere la crescita.

La seconda economia più grande del mondo ha registrato un Pil di +0,4% su base annua nei tre mesi fino alla fine di giugno, al di sotto dell’1,2% previsto dagli economisti e in calo rispetto al 4,8% mostrato nel primo trimestre.

Il rallentamento ha riflesso il colpo di un blocco di due mesi a Shanghai, entrato in vigore in aprile, che di fatto ha minacciato la crescita globale.

I dati del National Bureau of Statistics sono stati rilasciati in un momento di tensione per i pianificatori economici di Xi. La battaglia di Pechino per sradicare i focolai di coronavirus si è basata su mesi di blocchi improvvisi e pesanti restrizioni alla mobilità, trascinando al ribasso il ritmo della ripresa economica della Cina.

Il risultato dello 0,4% ha segnato la seconda peggiore crescita trimestrale della Cina in 30 anni, dopo una contrazione all’inizio della pandemia. Con un Pil del primo semestre al 2,5%, si prevede che Pechino mancherà il suo obiettivo di circa il 5,5% di crescita annuale per il 2022, a sua volta un minimo da tre decenni.

Questi dati mettono in evidenza le circostanze interne ed esterne sfavorevoli che, in tandem con la strategia zero-Covid del governo, stanno comprimendo l’attività economica e sottolineano la disperata necessità di misure politiche a breve termine per rilanciare la crescita, ha affermato Eswar Prasad, professore di economia alla Cornell Università ed ex capo della divisione Cina del FMI.

Aggiungendo ulteriore pressione sull’amministrazione di Xi, la disoccupazione giovanile è salita a un record del 19,3%.

“L’economia cinese è sull’orlo della stagflazione, anche se il peggio è passato nel periodo maggio-giugno. Puoi escludere la possibilità di una recessione o di due trimestri consecutivi di contrazione”, ha affermato Toru Nishihama, capo economista presso il Dai-ichi Life Research Institute di Tokyo.

Per quanto riguarda gli altri dati, le vendite al dettaglio, un indicatore critico del sentiment nel più grande mercato di consumo del mondo, sono diminuite del 4,6% nel secondo trimestre dopo un calo a due cifre ad aprile. La spesa dei consumatori è rimasta indietro rispetto alla più ampia ripresa dall’inizio della pandemia, in parte a causa delle restrizioni di viaggio.

La produzione industriale è aumentata del 3,9% a giugno rispetto allo stesso periodo dell’anno precedente.

Dove andrà la Cina?

Il più profondo rallentamento economico della Cina potrebbe indurre una politica monetaria e uno stimolo fiscale più accomodanti, hanno affermato gli analisti, in contrasto con le economie sviluppate che stanno aumentando i tassi di interesse per far fronte all’elevata inflazione.

Tuttavia, una nuova fase di investimenti alimentati dal credito rischia di indebolire i tentativi di affrontare l’elevata leva finanziaria e i crediti inesigibili nel settore immobiliare, che hanno sollevato preoccupazioni sulla stabilità finanziaria. La People’s Bank of China è stata riluttante a tagliare i tassi di interesse per paura di deflussi di capitali.

Argomenti

# PIL

Iscriviti a Money.it

Trading online
in
Demo

Fai Trading Online senza rischi con un conto demo gratuito: puoi operare su Forex, Borsa, Indici, Materie prime e Criptovalute.