Chipotle: se avessi investito 1.000 dollari 10 anni fa?

Puntare i tuoi soldi sulla compagnia regina di burrito e taco ti avrebbe fatto guadagnare non poco

Chipotle: se avessi investito 1.000 dollari 10 anni fa?

La catena di ristoranti Chipotle Mexican Grill - regina di burrito e taco - ha appena reso pubblici i conti relativi al secondo trimestre del 2019, con utili in rialzo e il titolo che continua a viaggiare sostenuto in Borsa.

È solo l’ultima tappa di un cammino di successi quasi ininterrotto, che ha visto la compagnia crescere a un ritmo del 30% annuo, con ricavi miliardari e una presenza sempre più massiccia - oltre che negli Stati Uniti - in Regno Unito, Canada, Francia e Germania.

La forza di Chipotle - come di altre realtà recenti del calibro di Panera e Shake Shake - è il suo impegno nel cercare di distanziarsi dagli standard della cosiddetta categoria del fast-food, in cui di fatto rientrerebbe a pieno titolo.

Eppure secondo molti per questa e simili catene si può parlare di fast casual, etichetta che indica una qualità maggiore dei prodotti serviti, un’attenzione crescente alle nuove abitudini alimentari e agli ingredienti biologici.

Anche in virtù di questo stare al passo con la modernità, i 10 anni appena trascorsi hanno portato a immensi successi sul fronte economico per Chipotle, che solo negli ultimi 12 mesi segna un roboante +72,26% in Borsa, a quota 775 dollari.

Quanto avrebbe intascato allora un investitore della prima ora? Vediamolo nel dettaglio.

Chipotle: se avessi investito 1.000 dollari 10 anni fa?

Lo scorso mercoledì il titolo ha toccato il suo massimo storico a quota 789 dollari, solo il coronamento di un cammino di trionfi per la società.

Trionfi che rendono un investitore mostratosi pronto a dare la sua fiducia alla compagnia 10 anni fa davvero molto fortunato: un investimento di 1.000 dollari fatto nel 2009 varrebbe quasi 8.600 dollari al 24 luglio del 2019.

Si tratta di un rendimento totale del 760% secondo i calcoli della CNBC. In confronto, un investimento di 1.000 dollari sull’indice S&P 500 segna un rendimento del 280% nello stesso periodo.

Nell’annunciare i suoi conti trimestrali, martedì la compagnia ha anche reso nota l’impennata delle vendite digitali, quasi raddoppiate nel secondo trimestre superando le aspettative di Wall Street.

“Siamo molto contenti della performance, che segna il sesto trimestre consecutivo di crescita per la società e riflette i continui progressi delle nostre iniziative strategiche”,

ha dichiarato il CEO, Brian Niccol.

Con ricavi che hanno raggiunto quota 1,43 miliardi di dollari (rispetto agli 1,41 previsti dal consensus) e vendite al +10%, non è esagerato dire che Chipotle mostra in assoluto una delle migliori performance di Wall Street nell’ultimo anno.

Eppure persino questo scenario societario apparentemente idilliaco ha affrontato tempeste in passato. In particolare nel 2015, quando 60 clienti da 10 Paesi diversi manifestarono sintomi di intossicazione alimentare dopo aver mangiato nei ristoranti della catena.

Ora però la compagnia guarda avanti: mira a un’evoluzione sempre maggiore sul fronte ordini digitali ed è pronta a garantire consegne a domicilio dal 95% dei propri ristoranti tramite DoorDash, servizio di consegna cibo on-demand.

Iscriviti alla newsletter Economia e Finanza per ricevere le news su Chipotle Mexican Grill

Condividi questo post:

Trading online
in
Demo

Fai Trading Online senza rischi con un conto demo gratuito: puoi operare su Forex, Borsa, Indici, Materie prime e Criptovalute.