Chi è Roberto Cingolani, ministro della Transizione Ecologica del Governo Draghi?

Riccardo Lozzi

12/02/2021

12/02/2021 - 20:49

condividi

È Roberto Cingolani il ministro della Transizione Ecologica del Governo Draghi. Il nome è stato proposto dai Cinquestelle, anche se non ne rappresenta una diretta espressione. Vediamo chi è il fisico e docente italiano.

Chi è Roberto Cingolani, ministro della Transizione Ecologica del Governo Draghi?

È Roberto Cingolani il ministro della Transizione Ecologica del Governo guidato da Mario Draghi. L’ex numero uno della BCE si è recato al Quirinale per incontrare Sergio Mattarella, sciogliendo ufficialmente la riserva per accettare l’incarico di presidente del Consiglio e svelare la lista dei ministri che comporranno il suo Governo.

Fra di essi è stato confermato il nome di Cingolani, fisico e docente italiano, responsabile dell’innovazione tecnologica di Leonardo. Il suo nome è stato proposto dal Movimento 5 Stelle, benché non ne sia una diretta espressione.

L’istituzione di un Ministero della Transizione Ecologica è stata annunciata al termine del colloquio tenutosi mercoledì scorso tra l’ex presidente della BCE e le associazioni ambientali. Era stata resa nota dalla presidente WWF Donatella Bianchi la grande novità del nuovo esecutivo che giurerà nel weekend: la creazione del super Ministero della Transizione Ecologica.

Chi è il ministro della Transizione Ecologica del Governo Draghi?

La nascita del nuovo dicastero era stata espressamente richiesta da Beppe Grillo ed è stata sottolineata particolarmente nel quesito posto ai militanti del Movimento 5 Stelle sulla piattaforma Rousseau.

La scelta ricaduta su Cingolani, tuttavia, pare non soddisfi a pieno i Cinquestelle, che secondo alcune fonti avrebbero preferito una figura politica alla guida del ministro della Transizione Ecologica.

Chi è Roberto Cingolani

Roberto Cingolani si è laureato in fisica all’Università di Bari nel 1989, conseguendo quindi un dottorato alla Normale di Pisa. Nel 2000 è diventato docente di ruolo presso la Facoltà d’Ingegneria di Lecce. L’anno successivo fonda presso la stessa Università il National Nanotechnology Laboratory.

Nel 2005 fonda l’Istituto Italiano di Tecnologia, che dirige fino alla nomina a responsabile dell’innovazione tecnologica di Leonardo.

Iscriviti a Money.it