Certificati Turbo24: De Cillis, vi presento il primo prodotto al mondo quotato 24 ore su 24

Ufficio Studi Money.it

14 Ottobre 2019 - 09:03

condividi

Dopo più di 45 anni di attività a livello globale IG ha deciso di percorrere una strada nuova, quella dei Certificati Turbo24, quotati 24 ore su 24 su Spectrum MTF. Fabio De Cillis, Head of IG Italia, ci spiega le caratteristiche più importanti di questo strumento

Fra le maggiori novità che attendono gli investitori in questo ultimo scorcio d’estate vi è senz’altro il debutto in Italia dei Certificati Turbo24, i primi certificates al mondo negoziabili 24 ore su 24.

I nuovi strumenti portano la firma di IG, broker londinese leader a livello globale e con una presenza decennale in Italia. In occasione della presentazione dei nuovi Certificati Turbo24 Fabio De Cillis, Head of IG Italia, ha spiegato a Money.it le caratteristiche salienti di questi nuovi strumenti e i motivi che hanno portato il broker a valutarne l’emissione.

Dottor De Cillis, come siete arrivati ai Certificati Turbo24?

Dopo più di 45 anni di attività a livello globale, ci siamo resi conto che il mercato sta cambiando. Oggi esistono esigenze nuove, per questo abbiamo deciso di modificare la nostra proposizione commerciale e passare dall’essere un broker monoprodotto ad uno multiprodotto. È su questa direttrice strategica che abbiamo ampliato il nostro business italiano, dapprima con il lancio delle Barrier Option (aprile 2019) e poi dei Certificati Turbo24, il nostro primo prodotto quotato su un MTF (Multilateral Trading Facilities), nello specifico Spectrum.

Perché avete scelto il segmento dei Certificate e perché proprio i Turbo?

Abbiamo scelto la direzione dei Turbo Certificates perché fra tutti i prodotti quotati sono quelli più vicini alle preferenze della nostra comunità di trader. Siamo partiti con questa idea che poi è stata confermata con degli studi che abbiamo condotto direttamente presso i nostri clienti. Riteniamo il mercato dei Certificates uno dei più interessanti e con le più alta potenzialità di crescita in Italia, questo ci ha convinto ancor di più che quella dei Turb24 fosse la strada giusta da percorrere. Vorrei però sottolineare che i Turbo24 di IG non sono solo un’alternativa a dei prodotti già esistenti sul mercato, ma rappresentano un unicum con delle specificità che abbiamo saputo sviluppare grazie alla pluriennale esperienza del nostro team.

Quali sono queste peculiarità?

Le caratteristiche che differenziano i Certificati Turbo24 sono principalmente due. Per prima cosa si tratta del primo prodotto al mondo quotato 24 ore su 24. Questa peculiarità permette ai nostri clienti di poter aprire e chiudere le posizioni in qualsiasi momento del giorno e della notte, anche quando i mercati su cui sono quotate le attività finanziarie sottostanti sono chiusi.
In secondo luogo la garanzia che le posizioni sui Turbo24 non possono chiudersi automaticamente in overnight. Questa proprietà, particolarmente apprezzata dai nostri clienti, è possibile grazie al fatto che il livello di knock-out (il livello di prezzo a cui si definisce la perdita massima potenziale) non viene osservato durante la sessione notturna dei mercati. Grazie a questa opzione gli investitori hanno la possibilità di rimanere investiti senza il rischio di vedersi azzerato il capitale a causa di fulminei picchi di volatilità che si verificano in genere nei momenti dove la liquidità è più bassa e che rientrano in pochi minuti o secondi (i famosi “flash crash” di mercato, ndr).

L’aspetto di costi e tassazione, molto sentito dagli investitori?

I Certificati Turbo24 hanno dei costi molto competitivi. Per prima cosa vi è la totale assenza di commissioni. L’unico costo di transazione che ricade sull’investitore è quello incorporato nello spread denaro-lettera dello strumento, che però nella storia pluriennale di IG ha sempre rappresentato un elemento estremamente competitivo rispetto alla concorrenza. Per quanto riguarda gli aspetti fiscali, appartenendo alla categoria dei Certificates, i Turbo24 sono tassati con l’aliquota del 26% ma, a differenza di fondi ed ETF, essendo classificati come redditi diversi sottostanno all’applicazione della tassazione sul capital gain con possibilità di compensazione delle minusvalenze maturate entro il quarto anno antecedente.

Iscriviti a Money.it