Certificates: tutte le opzioni presenti nei diversi pay-off

Alcuni Certificati presentano delle opzioni specifiche che li differenziano da tutti gli altri. Vediamo quali e quante sono e quali effetti hanno sui pay-off

Certificates: tutte le opzioni presenti nei diversi pay-off

Nel mercato italiano esistono numerosi tipi di Certificati, ciascuno con delle caratteristiche di pay-off peculiari che lo differenzia dagli altri.

Alcuni emittenti strutturano i pay-off dei Certificates con delle «opzioni» (specificate in fase di emissione), ossia delle clausole che poi nel corso della vita dello strumento finanziario possono verificarsi o meno.

Ma quali e quante sono queste opzioni? Vediamole, approfondendo come funzionano.

Le possibili opzioni presenti nei pay-off dei Certificati

L’elenco che presentiamo delle diverse opzioni presenti nei pay-off dei Certificati offerti oggi sul mercato in Italia non è esaustiva. L’elevato grado di ingegnerizzazione del settore finanziario, infatti, non pone limiti alla presenza o meno di una o più opzioni, essendo queste del tutto a discrezione dell’emittente.

Eccone alcuni esempi di opzioni fra le più comuni:

  • Opzione Memoria: i Certificati dotati del cosiddetto “effetto memoria” consentono all’investitore che rispetta la condizione di pagamento in una qualsiasi data di valutazione intermedia di incassare un premio cumulativo comprendente tutti i premi non pagati nelle precedenti date di valutazione intermedie nelle quali la condizione di pagamento non era stata rispettata.
  • Opzione Autocallable: questa opzione prevede che il Certificato possa scadere anticipatamente nel momento in cui si verificano determinate condizioni. Solitamente, come accade per i Certificati dotati di effetto memoria, la clausola necessaria è che il prezzo del sottostante sia superiore ad un certo livello (detto trigger), in una delle date di valutazione. In questo caso, l’investitore riceverà l’importo nominale del Certificate.
  • Opzione Quanto: i Certificati dotati di opzione Quanto permettono all’investitore di proteggersi dal rischio di cambio nel momento in cui il sottostante è quotato in valuta estera. In sostanza, la performance del Certificate è rapportata solamente a quella del sottostante nel mercato di riferimento.
  • Opzione Open End: l’opzione Open End permette di rimuovere dai Certificati i vincoli legati alla scadenza.
  • Opzione Alpha: i certificati dotati dell’opzione Alpha si rifanno allo stile di investimento Total Return. Con i prodotti che presentano tale opzione, si punta alla capacità di un sottostante di creare un differenziale positivo nei confronti di un altro.
  • Opzione Cap: il Cap rappresenta un limite massimo ai possibili guadagni. Di fatto, con questa opzione viene ridotta la partecipazione al rialzo di un certo sottostante.
  • Opzione Airbag: l’opzione Airbag permette all’investitore di godere di una maggiore protezione nel caso in cui la perdita del sottostante sia ampiamente negativa.
  • Opzione Best Of (o Worst Of): è un’opzione presente nei Certificati che replicano dei panieri di più azioni o indici. Un certificato con l’opzione Best Of (o Worst Of) permette al risparmiatore di partecipare alla performance del sottostante che presenta il miglior (peggior) rendimento, tralasciando tutti gli altri.

Iscriviti alla newsletter Risparmio e Investimenti per ricevere le news su Certificati

Money academy

Questo articolo fa parte delle Guide della sezione Money Academy.

Visita la sezione

Condividi questo post:

Trading online
in
Demo

Fai Trading Online senza rischi con un conto demo gratuito: puoi operare su Forex, Borsa, Indici, Materie prime e Criptovalute.