Cashback Autostrade: come ottenere il rimborso per le code ai pedaggi

Rosaria Imparato

10 Gennaio 2022 - 12:13

condividi

Cashback Autostrade per l’Italia, come ottenere il rimborso per i ritardi dovuti alle code ai pedaggi: basta scaricare l’app Free to X, ma è più semplice per chi ha il Telepass.

Cashback Autostrade: come ottenere il rimborso per le code ai pedaggi

Dal 1° gennaio 2022 c’è la possibilità di richiedere il cashback per i pedaggi pagati dopo lunghe code, ma per ora è solo Aspi (Autostrade per l’Italia) a dare quest’opportunità. Significa quindi che il panorama dei rimborsi fiscali per i viaggi in autostrada è decisamente ristretto.

Si potrà chiedere il cashback a partire da 15 minuti di ritardo, anche per viaggi più lunghi.

Per fare richiesta del rimborso ci sono due modi: il primo prevede il download di un’applicazione, mentre l’altro (più semplice) è destinato a chi è in possesso di un Telepass.

Cashback Autostrade: come ottenere il rimborso per le code ai pedaggi

Il cashback per i pedaggi pagati si può richiedere per i rimborsi maturati dal 15 settembre 2021 al 31 dicembre 2021. Le domande vanno presentate a partire da aprile, per i ritardi relativi ai mesi di gennaio-marzo, procedendo su base trimestrale.

Due le modalità per presentare la domanda. La prima prevede il download dell’app “Free to X”. Una volta scaricata l’app bisogna:

  • fotografare lo scontrino del pedaggio pagato;
  • indicare l’Iban del conto corrente su cui si vuole ricevere il rimborso.

Potrebbero essere necessari più tentativi per fare in modo che il sistema riconosca l’immagina e riesca a leggere i dati sullo scontrino o sulla fattura.

Per chi ha il Telepass, invece, è più semplice: basta registrarsi all’app e non c’è bisogno di fare alcuna richiesta. Arriva un messaggio che avverte dell’importo di cashback spettante, e il rimborso arriva direttamente sul conto corrente abbinato all’apparecchio. Da giugno in poi i rimborsi arriveranno come sconto in fattura.

Cashback per i ritardi in autostrada: come calcolare l’importo del rimborso

Autostrade per l’Italia ha ampliato i criteri di calcolo del cashback, introducendo nuove percentuali di rimborso a seconda della lunghezza del viaggio e dei minuti di ritardo.

Dal 1° dicembre 2021, Aspi dà diritto al rimborso anche per disagi su tratte lunghe, dai 150 chilometri in su, a partire da ritardi tra i 15 minuti.

Per esempio, per code ai pedaggi tra i 15 e i 30 minuti, il cashback va dal 5% sui viaggi di oltre 500 km al 20% su quelli tra 150 e 249 km. Oltre i 500 km, il 20% scatta tra 60 e 89 minuti.

Fonte: Autostrade per l'Italia Fonte: Autostrade per l’Italia

Il rimborso può essere erogato sul pedaggio di competenza di Aspi nel caso di cantieri per lavori che impattano la fluidità del transito a causa della riduzione delle corsie originariamente disponibili (esclusa la corsia di emergenza).

Invece non si ha diritto al rimborso nel caso di:

  • cantieri per ripristini di sicurezza urgenti dovuti ad incidenti;
  • per ritardi causati da traffico intenso, incidenti, eventi meteo, manifestazioni, o qualunque altra motivazione diversa dai lavori;
  • quando il pedaggio viene pagato forfettariamente al passaggio ad un casello o barriera di esazione.

Sostieni Money.it

Informiamo ogni giorno centinaia di migliaia di persone in forma gratuita e finanziando il nostro lavoro solo con le entrate pubblicitarie, senza il sostegno di contributi pubblici.

Il nostro obiettivo è poterti offrire sempre più contenuti, sempre migliori, con un approccio libero e imparziale.

Dipendere dai nostri lettori più di quanto dipendiamo dagli inserzionisti è la migliore garanzia della nostra autonomia, presente e futura.

Sostienici ora

Iscriviti a Money.it