Il cambio euro dollaro estenderà le perdite

Il cambio euro dollaro estenderà l’attuale trend ribassista: i driver attuali dell’EURUSD

Il cambio euro dollaro estenderà le perdite

Cattive notizie per il cambio euro dollaro che, secondo le ultime previsioni degli analisti, continuerà a perdere terreno estendendo il trend ribassista delle ultime settimane.

In assenza di dati macroeconomici di rilievo, almeno nella giornata odierna l’EURUSD sarà influenzato sia dai rinnovati timori di guerra commerciale, sia dal deterioramento dell’outlook economico dell’Eurozona.

Nello specifico, la moneta unica continuerà a fare i conti con le ultime previsioni della Commissione europea, mentre il biglietto verde risentirà positivamente del clima commerciale sempre più incerto e della conseguente ricerca di asset rifugio. Tutto ciò, secondo gli osservatori di mercato, imporrà al cambio euro dollaro di perdere nuovamente terreno, il tutto dopo la già evidente discesa compiuta dalla fine di gennaio ad oggi.


L’andamento di EURUSD dall’inizio di gennaio 2019: nella metà destra del grafico è perfettamente visibile la discesa della quotazione che, trascorsi i primi 31 giorni dell’anno, ha imboccato la via del ribasso riportandosi su quota 1,13.

Previsioni cambio euro dollaro: focus sul biglietto verde

Nella giornata di ieri il presidente USA Donald Trump si è detto contrario a qualsiasi incontro con Xi Jinping prima della fine della tregua commerciale di 90 giorni sancita in occasione dell’ultimo G20 di Buenos Aires.

Tanto è bastato per suscitare il sentiment di avversione al rischio che ha riportato gli investitori sul dollaro USA e sugli asset rifugio per eccellenza.

Ad influire sul rafforzamento del biglietto verde sono state anche le dichiarazioni del consigliere economico di Trump, Larry Kudlow, che ha parlato di colloqui commerciali USA-Cina ancora poco fruttuosi.

Positivo, infine, l’apporto delle ultime indiscrezioni secondo cui Washington imporrà presto un ban sulle apparecchiature cinesi utilizzate nei sistemi di telecomunicazione americani.

Questo mix letale di elementi ha spinto il cambio euro dollaro verso il basso e ha permesso al biglietto verde di apprezzarsi in maniera decisa rispetto alla sua controparte europea.

EURUSD: occhi sulla moneta unica

A determinare le oscillazioni dell’euro dollaro, comunque, non è stata soltanto la ritrovata forza dell’USD, ma anche la rinnovata debolezza dell’EUR. Sulla moneta unica hanno già pesato le nuove previsioni di crescita ieri pubblicate dalla Commissione europea.

L’esecutivo comunitario ha rivisto le stime 2019 di numerosi Paesi del blocco (Italia compresa), evidenziando ancora una volta il progressivo peggioramento dell’outlook.

Neanche gli indicatori macroeconomici hanno aiutato il recupero del cambio euro dollaro - si pensi alla carrellata di dati che hanno evidenziato le difficoltà della Germania, l’economia più forte d’Europa che potrebbe rischiare la recessione.

Secondo numerosi analisti la quotazione dell’EURUSD dovrà attraversare ancora fasi difficili prima di imboccare la via del rialzo. Non aiuteranno neanche le politiche monetarie delle banche centrali mondiali, ma a pesare in maniera determinante sul cambio euro dollaro saranno ora i timori commerciali e le peggiori aspettative sulla crescita economica del 2019.

Iscriviti alla newsletter Analisi dei Mercati per ricevere le news su Dollaro USA (USD)

Condividi questo post:

Trading online
in
Demo

Fai Trading Online senza rischi con un conto demo gratuito: puoi operare su Forex, Borsa, Indici, Materie prime e Criptovalute.