Cambio Euro-Dollaro: le previsioni per il 2022

Violetta Silvestri

03/01/2022

03/01/2022 - 15:54

condividi

La coppia EUR/USD è sotto pressione a inizio anno: cosa prevedono gli analisti per il cambio Euro-Dollaro nel 2022? Focus sulle mosse delle banche centrali, con la BCE più accomodante in primo piano.

Cambio Euro-Dollaro: le previsioni per il 2022

Euro-Dollaro: che 2022 sarà per la coppia?

L’euro si è mantenuto a 1,13 dollari all’inizio di gennaio, rimanendo vicino al minimo di 17 mesi di 1,12 dollari toccato lo scorso novembre e dopo aver registrato una perdita annuale di oltre il 7% contro il biglietto verde nel 2021.

Indebolimento o rafforzamento della moneta comunitaria durante l’anno appena iniziato? Alcune considerazioni degli analisti sulla coppia EUR/USD per il 2022.

EUR/USD: cosa aspettarsi nel 2022? Il fattore BCE in primo piano

Secondo Vladimir Zernov di FoxEmpire, è stato un anno deludente per i rialzisti dell’EUR/USD.

La coppia ha iniziato l’anno vicino al livello di 1,2300, ma in seguito si è trovata sotto forte pressione ed è scesa verso 1,1200 prima di rimbalzare a 1,1300.

Il fattore chiave per questa mossa è stata la differenza tra le opinioni della Fed e della BCE su tassi e inflazione.

Le prospettive per la politica della banca centrale rimarranno probabilmente il motore chiave per EUR/USD nel 2022.

La questione cruciale per i trader è il numero di aumenti dei tassi da parte della Fed nel prossimo anno e se la sua politica sarà abbastanza aggressiva da fornire ulteriore supporto al dollaro USA che ha già guadagnato molto terreno contro l’euro nel 2021.

La politica della BCE è più facile da prevedere. L’inflazione è un problema minore nell’UE, mentre la recente ondata di coronavirus e ulteriori restrizioni nei Paesi hanno probabilmente esercitato maggiore pressione sull’economia europea.

La banca centrale del blocco ha annunciato a dicembre una riduzione del ritmo degli acquisti di attività a causa dei progressi nella ripresa economica (pur promettendo acquisti di debito nell’ambito del programma tradizionale APP) e verso il suo obiettivo di inflazione a medio termine, ma ha segnalato che i tassi di interesse saranno ancora invariati per qualche tempo.

Gli analisti di Scotiabank hanno sottolineato:

“Vediamo un continuo indebolimento della valuta condivisa l’anno prossimo fino al livello 1,10 e probabilmente oltre, poiché i venti contrari rimangono saldamente in vigore, dove solo la possibilità (altamente improbabile) che la BCE aumenti i tassi tra la fine del 2022 e l’inizio del 2023 possa fornire un certo supporto”

In generale, la moneta comunitaria rimane in un sentiment incerto. Tra i temi ribassisti del 2022, per l’euro c’è anche l’acuirsi della crisi del gas con la Russia.

Sostieni Money.it

Informiamo ogni giorno centinaia di migliaia di persone in forma gratuita e finanziando il nostro lavoro solo con le entrate pubblicitarie, senza il sostegno di contributi pubblici.

Il nostro obiettivo è poterti offrire sempre più contenuti, sempre migliori, con un approccio libero e imparziale.

Dipendere dai nostri lettori più di quanto dipendiamo dagli inserzionisti è la migliore garanzia della nostra autonomia, presente e futura.

Sostienici ora

Iscriviti a Money.it

Trading online
in
Demo

Fai Trading Online senza rischi con un conto demo gratuito: puoi operare su Forex, Borsa, Indici, Materie prime e Criptovalute.