Buoni fruttiferi postali: Buono per ripartire, tutte le caratteristiche

Poste Italiane ha lanciato Buono per ripartire, investimento di media-lunga durata dai rendimenti certi. Le caratteristiche e come sottoscriverlo.

Buoni fruttiferi postali: Buono per ripartire, tutte le caratteristiche

Nuovo buono fruttifero da Poste Italiane: dal 7 ottobre è disponibile Buono per ripartire.

Facile da sottoscrivere e senza spese di gestione, Buono per ripartire è un prodotto di investimento di durata massima di 16 anni dedicato a chi desidera rendimenti fissi e certi.

Buono per ripartire di Poste Italiane

Emesso da Cassa Depositi e Prestiti e quindi garantito dallo Stato, Buono per ripartire non ha costi per sottoscrizione e gestione, al netto degli oneri fiscali.

Operativo dal 7 ottobre, questo prodotto di Poste consente ai risparmiatori di investire nel medio-lungo periodo, fino a 16 anni. Gli interessi maturano ogni quattro anni ed è possibile richiedere il rimborso anticipato con restituzione del capitale investito.

Come specificato da Poste Italiane, chi ha acquistato Buone per ripartire ha la flessibilità di rimborsarlo anche dopo 4, 8 e 12 anni con il riconoscimento degli interessi maturati ogni quadriennio.

Si può sottoscrivere a partire da 50 euro.

I rendimenti per ogni 4 anni

Il Buono per ripartire ha un rendimento fisso annuo lordo di 1,35% per la durata di 16 anni.

In caso di possesso limitato, invece, questi sono i rendimenti certi ala fine di ogni periodo quadriennale:

  • quarto anno - 0,20%
  • ottavo anno - 0,30%
  • dodicesimo anno - 0,40%

Come sottoscrivere Buono per ripartire

Il buono di Poste Italiane si può sottoscrivere direttamente in funzione online e se si è in possesso di un Libretto Smart con il Risparmio Postale online se attivo.

BancoPosta online, BancoPosta click e App BancoPosta sono altri canali online utilizzabili.

Altrimenti, lo sportello dell’ufficio postale più vicino è sempre disponibile per la sottoscrizione di Buono per ripartire, per importi da 50 euro e multipli.

Iscriviti alla newsletter

Money Stories