Borsa Italiana: performance da record per il Ftse Mib a novembre 2020

Luca Fiore

1 Dicembre 2020 - 17:12

condividi
Facebook
twitter whatsapp

Un novembre 2020 particolarmente positivo per la Borsa Italiana. Spicca in particolare la performance del Ftse Mib, che ha messo a segno il rialzo maggiore mai registrato. Vediamo quali sono state le azioni che hanno spinto l’indice delle blue chip.

Borsa Italiana: performance da record per il Ftse Mib a novembre 2020

L’esito delle elezioni statunitensi e gli annunci dei vaccini a novembre 2020 hanno rappresentato due catalizzatori di prim’ordine per la Borsa Italiana in generale e per la performance del suo indice principale, il Ftse Mib.

Il risultato delle elezioni Usa è finito per essere particolarmente gradito agli operatori: Biden porta quella dose di prevedibilità di cui si è sentita la mancanza con Trump, il Senato repubblicano finirà per limare gli aspetti più spigolosi del programma democratico e la nomina di Janet Yellen a Segretario del Tesoro rappresenta la migliore garanzia di linearità tra l’azione dell’esecutivo e le misure della Banca centrale.

Tenendo per ora in stand-by gli annunci arrivati da Russia e Cina, Pfizer e Biontech hanno presentato la richiesta di autorizzazione all’Ema, l’Agenzia europea per i medicinali, mentre Astrazeneca ha annunciato che in 7 giorni verranno presentati i dati per l’approvazione.

In contesto già di per sé rialzista grazie ad un livello mai visto di stimoli monetari e fiscali, le elezioni Usa e il vaccino per contrastare il Coronavirus hanno rappresentato due fattori esplosivi per Piazza Affari e per gli altri listini europei.

Borsa Italiana: Ftse Mib in rialzo a doppia cifra a novembre 2020

La notizia del vaccino ha innescato una rotazione settoriale dai “growth”, che nello scenario disegnato dal Coronavirus hanno trainato l’andamento delle borse, verso le azioni “value”, bancari e industriali in gran parte, che nella «nuova normalità» disegnata dalla pandemia avevano perso terreno a favore del comparto hi-tech.

L’elevata proporzione di “value” a Piazza Affari, ha permesso al Ftse Mib di chiudere il mese con un poderoso +23,7%, l’incremento maggiore mai registrato. Ancora meglio ha fatto Madrid (+25,6%) e performance da record sono state registrate anche dallo Stoxx Europe 600 (+14,4%) e dal Msci World All Countries (+12,8%).

E probabilmente le nuove misure espansive che BCE e Federal Reserve potrebbero annunciare nei prossimi giorni possano far scattare un nuovo rally di Natale.

I migliori e peggiori del Ftse Mib a novembre 2020

Come detto due sono i settori, banche e industriali, che hanno guidato la risalita del Ftse Mib a novembre 2020.

Tra le prime segnaliamo i rialzi di circa 35 punti percentuali messi a segno dall’accoppiata formata da Intesa Sanpaolo (+35,6%) e da Unicredit (+35,03%). Andamento particolarmente positivo anche per BPER Banca (+44%), Mediobanca (+22,8%) e Banco BPM (+19,3%).

Andamento positivo anche per le azioni del risparmio gestito come Banca Generali (+14,1%) Banca Mediolanum (+29,8%) e Azimut (+22%).

Nel comparto industriale troviamo il +48,3% di Leonardo, il +37,7% di CNH Industrial, il +25,7% di Pirelli ed il +24% di Fiat Chrysler.

La normalizzazione della situazione dovrebbe portare ad un ritorno della domanda di greggio che, non a caso, negli ultimi 30 giorni evidenziano una ripresa dei corsi di oltre il 24%. In scia le performance di Eni (+38,1%), Saipem (+35,7%) e Tenaris (+59,28%).

Tra le utilities segnaliamo il +17% di A2A, il +22,5% di Enel ed il +34,7% di Telecom Italia.

Più indietro troviamo quei titoli, come Recordati, +0,3%, e Diasorin, che con un -6,3% fa registrare l’unico segno meno nel Ftse Mib, che hanno capitalizzato l’emergenza sanitaria e che risulteranno inevitabilmente penalizzati dal processo di normalizzazione.

Borsa Italia: migliori e peggiori del listino completo a novembre 2020

A novembre le tre performance migliori sul completo sono state registrate da:

  • Sirio (+210%);
  • Sciuker Frames (+168%);
  • AS Roma (+137%).

Dietro la lavagna troviamo invece:

  • SG Comany (-48,5%);
  • Ambromobiliare (-27,6%);
  • Tesmec (-25,3%).

Iscriviti alla newsletter

Trading online
in
Demo

Fai Trading Online senza rischi con un conto demo gratuito: puoi operare su Forex, Borsa, Indici, Materie prime e Criptovalute.

Money Stories