Borsa di Milano oggi 25 novembre: Ftse Mib torna in ribasso

Violetta Silvestri - Giacomo Andreoli

25/11/2022

25/11/2022 - 17:52

condividi

Borsa di Milano oggi 25 novembre: il Ftse Mib oscilla negli scambi odierni e a fine mattinata va sopra la parità. Lo spread risale verso i 185 punti.

Borsa di Milano oggi 25 novembre: Ftse Mib torna in ribasso

Borsa di Milano oggi 25 novembre: il Ftse Mib chiude in lieve calo, restando comunque poco mosso rispetto alla chiusura di ieri su 24.730 punti.

Sul listino milanese i bancari sono in rialzo, ma non UniCredit e Intesa Sanpaolo. Tra i titoli migliori spiccano Poste Italiane, Tenaris, Eni e A2a.

Lo spread Btp-Bund, in rialzo, si attesta attorno ai 188 punti, in rialzo dall’apertura. Il Btp decennale rende il 3,9%. Il momento economico e sociale non è facile per l’Italia, stando alle dichiarazioni di ieri del ministro Giorgetti. Il Paese può flettere nella crescita a fine anno e la ripresa sarà moderata nel 2023. Per attutire il peso della crisi energetica, il Governo potrebbe intervenire con altre misure a marzo, ha affermato il responsabile del Tesoro.

In Europa, il sentiment è di cauto ottimismo con il Pil della Germania che ha registrato un aumento più del previsto nel terzo trimestre. Il Dax tedesco sale, così come il Cac francese.

Da evidenziare, la coppia EUR/USD, con l’euro che perde terreno sul dollaro. I rendimenti dei Treasury statunitensi e il dollaro Usa sono più deboli sulle prospettive di un ritmo più lento dell’inasprimento della politica della Fed. I verbali Bce di ieri non hanno scosso la moneta unica e hanno svelato il dibattito su rialzi da 50 o 75 punti base.

Borsa di Milano oggi 25 novembre aggiornamento delle ore 18.00: Ftse Mib chiude negativo

Il Ftse Mib cede lo 0,05% e chiude a 24.718,81 punti. Cresce in maniera sostanziale lo spread tra Btp e Bund tedeschi, attestandosi attorno ai 188 punti base. Anche il rendimento del titolo decennale è in salita, attorno al 3,9%.

Sul listino principale di Piazza Affari in positivo i titoli petroliferi, con il leggero rialzo di Brent e Wti, sopra 85 e 78 dollari al barile. In rialzo Eni (+0,80%) e Tenaris (+0,55%). In coda, invece, Campari (-1,45%), Diasorin (-0,45%), Interpump (-0,78%), Terna (-1,08%) e Unicredit (-1,62%).

Aggiornamento delle ore 13.25: Ftse Mib risale

Altalena oscillante per il Ftse Mib oggi: alle ore 3.25 circa il listino milanese ritrova uno slancio dello 0,10%.

Poste Italiane con un +1,25%, A2a a +1,55%, Bper Banca a +0,97%, Eni con un +1,18% danno la maggiore spinta. Telecom è di poco sotto la parità. In rosso scambiano anche Interpump Group a -1,09%, Enel a -0,19%, Italgas a -0,35%, Stmicroelectronics a -0,33% e Stellantis a -0,31%.

Aggiornamento delle ore 10.25: Ftse Mib debole

Flette il listino milanese alle ore 10.25 circa, con una perdita dello 0,10%.

Telecom va in rosso, con un -0,35%, così come Terna a -0,54%, Saipem a -0,19%, Italgas a -0,70%, Enel -0,39%. Eni, con la risalita dei prezzi del petrolio, guadagna lo 0,95%. Tenaris avanza dello 0,95%.

Tra gli industriali spiccano A2a, +0,97%, Inwit +0,31%, Recordati Ord +0,22%.

Asia chiude mista, preoccupa il Covid in Cina

Le aspettative di un ritmo meno aggressivo della stretta monetaria statunitense a partire dal prossimo mese hanno continuato a sostenere alcuni mercati azionari in Asia, ma l’Hang Seng di Hong Kong è sceso poiché le infezioni record di Covid in Cina hanno offuscato le prospettive.

Solo l’indice cinese Shanghai ha chiuso in positivo, mentre gli altri principali della regione hanno archiviato la seduta in rosso, con il Nikkei a -0,35% dopo il dato su un’inflazione ai massimi da 40 anni.

I mercati statunitensi sono stati chiusi giovedì per il Ringraziamento e sono previsti per una chiusura anticipata venerdì.

Iscriviti a Money.it

Trading online
in
Demo

Fai Trading Online senza rischi con un conto demo gratuito: puoi operare su Forex, Borsa, Indici, Materie prime e Criptovalute.