Bonus 600 euro, medici esclusi: il DL liquidità penalizza chi è in prima linea contro il coronavirus

Rosaria Imparato

10/04/2020

17/05/2021 - 18:06

condividi

Bonus 600 euro, i medici e gli odontoiatri sono esclusi dall’indennità: il decreto Liquidità penalizza proprio chi è in prima linea nell’emergenza sanitaria. La denuncia dell’Enpam.

Bonus 600 euro, medici esclusi: il DL liquidità penalizza chi è in prima linea contro il coronavirus

Bonus 600 euro professionisti, i medici vengono esclusi dal decreto Liquidità. Il provvedimento, in vigore dal 9 aprile, penalizza proprio chi è in prima linea contro il coronavirus.

Sono giorni pieni di confusione per le partite IVA, e sia chi ha fatto domanda all’INPS, sia chi si è rivolto alle Casse di appartenenza, non sa quando riceverà l’indennità.

Ma oltre il danno economico che questo pasticcio normativo sta causando a migliaia di partite IVA, c’è anche -l’amara- beffa: gli indennizzi a medici e odontoiatri sono stati bloccati proprio dal decreto Liquidità che, visto il nome, sarebbe dovuto servire ad aumentare le risorse finanziarie.

Bonus 600 euro, medici esclusi: il DL liquidità penalizza chi è in prima linea contro il coronavirus

Il decreto Liquidità, pubblicato in Gazzetta Ufficiale l’8 aprile e in vigore dal giorno seguente, ha scombussolato la vita di migliaia di professionisti.

L’articolo 34 del decreto n.23 dell’8 aprile infatti stabilisce due nuovi requisiti per accedere al bonus 600 euro professionisti:

  • non essere titolari di pensione;
  • essere iscritti in via esclusiva alla Cassa di categoria.

I professionisti che sono iscritti anche all’INPS, quindi, rimangono esclusi dal bonus di 600 euro, e questo è il caso anche dei medici e odontoiatri.

Una misura estrema e assurda, che non solo colpisce anche la categoria che per prima è esposta a tutti i pericoli del contagio, ma arriva alla vigilia dei pagamenti.

Fa sapere l’Enpam (Ente Nazionale di Previdenza ed Assistenza dei Medici e degli Odontoiatri) con una nota del 9 aprile, che sono stati bloccati 25.262 bonifici, programmati per partire il giorno dopo.

Bonus 600 euro, medici esclusi dal decreto Liquidità: la denuncia dell’Enpam

La denuncia sulla situazione attuale dei medici e degli odontoiatri arriva appunto dall’Enpam. Scrive il presidente Alberto Oliveti:

“Grazie a questa norma dobbiamo dire ai nostri iscritti che tutti i pagamenti sono congelati e che nella migliore delle ipotesi li riceveranno dopo aver integrato la domanda con un’ulteriore autocertificazione

La domanda per l’indennità quindi va comunque integrata. Inoltre, sottolinea il presidente Olivetti, la situazione è ancora più grave per gli specializzandi e i dipendenti, per i quali il bonus 600 euro è stato cancellato del tutto, nonostante anche loro siano in prima linea e rischino la vita.

“Davvero un bel modo per ringraziare i medici e augurare loro buona Pasqua”, conclude amareggiato il presidente.

Dello stesso parere anche Massimo Miani, presidente del Consiglio nazionale dei commercialisti, che scrive in una nota del 9 aprile:

“Le Casse erano già pronte ad erogare il bonus grazie anche al lavoro svolto nei giorni scorsi da migliaia di nostri colleghi che hanno inviato le richieste per i loro clienti liberi professionisti, facendo i salti mortali per interpretare norme del tutto incerte. Ora tutto si ferma incredibilmente, con un ulteriore allungamento dei tempi per l’erogazione di cifre comunque insufficienti per sostenere concretamente centinaia di migliaia di liberi professionisti.”

Una situazione che accomuna i professionisti di tutta Italia, che si trovano a dover fare i conti -in tutti i sensi- non solo con l’emergenza sanitaria ed economica, ma anche con l’incapacità del Governo di sostenere i propri cittadini liberi professionisti.

Una vera e propria ingiustizia, che speriamo venga corretta il prima possibile. Nel frattempo però i pagamenti del bonus sono slittati a maggio.

Iscriviti a Money.it