Non solo eurobond, arrivano i birra bond: cosa sono e come funzionano

Nascono i birra bond, un’iniziativa economica lanciata da AB InBev per raccogliere liquidità a sostegno dei bar e dei pub chiusi a causa del lockdown.

Non solo eurobond, arrivano i birra bond: cosa sono e come funzionano

Nascono i birra bond, un’iniziativa economica proposta da AB InBev, proprietario di oltre 500 marchi tra cui Budweiser, Corona, Beck’s e Leffe, per sostenere i bar e i pub costretti alla chiusura durante il lockdown imposto dal Governo. L’obiettivo del progetto è quello di raccogliere almeno 500.000 euro per supportare tali attività commerciali durante il periodo di chiusura.

I birra bond sono già attivi anche in altri Paesi dell’Europa e sono indirizzati a pub, bar e ristoranti in tutto il territorio nazionale che ogni anno generano in Italia un fatturato che supera gli 85 miliardi di euro. Benoit Bronckart, AD per l’Italia di AB InBev, spiega che:

“Purtroppo l’Horeca (acronimo di Hotellerie-Restaurant-Café, ovvero le attività che somministrano gli alimenti e le bevande, ndr) sta affrontando un periodo incredibilmente difficile, che rischia di mettere in ginocchio in modo duraturo l’industria e coloro che lavorano nel settore. Con questa iniziativa vogliamo dare respiro alle casse dei bar, sperando al contempo che questo progetto avvicini ancor di più le persone ai propri locali di fiducia, anche una volta conclusosi il momento critico per il settore. Così, quando verranno meno le limitazioni, potremmo finalmente tornare a fare quello che più ci piace: stare insieme, magari con una birra in mano, nel nostro bar preferito”.

Cosa sono i birra bond e come funzionano

Il funzionamento dei birra bond è estremamente semplice, ma è potenzialmente in grado si salvare, o quanto meno aiutare, le diverse attività commerciali che aderiscono all’iniziativa, raccogliendo liquidità, così come avviene per gli eurobond.

Per sostenere il tuo bar di fiducia basterà accedere alla piattaforma savailtuobar.it e anticipare al gestore il costo di una birra acquistando dei voucher del valore di €10 da utilizzare successivamente quando saranno concluse le politiche di lockdown. Per ogni acquisto AB InBev aggiungerà un’ulteriore somma pari al 30% dell’importo in modo tale da sostenere il costo della birra che il gestore del bar dovrà servire nei prossimi mesi, ma garantendogli ugualmente un ingresso economico durante la chiusura forzata. Le somme economiche raccolte saranno versate direttamente alle attività commerciali entro tre settimane.

Sono nati anche i dining bonds

Un’iniziativa simile, sulla scia di un modello nato a New York, è stata intrapresa anche per salvaguardare i ristoranti mediante i dining bond. Il progetto nel nostro Paese è stato lanciato da Global Shapers, un hub della community del World Economic Forum che ha come obiettivo quello di “creare liquidità per supportare il settore della ristorazione italiana nel breve periodo, riducendo gli impatti economici delle necessarie misure di prevenzione”.

Iscriviti alla newsletter Economia e Finanza per ricevere le news su Coronavirus

Condividi questo post:

Trading online
in
Demo

Fai Trading Online senza rischi con un conto demo gratuito: puoi operare su Forex, Borsa, Indici, Materie prime e Criptovalute.