Bio-On preda dei fondi: il quadro delle PNC è allarmante

Tra le società più shortate da parte degli hedge funds, Bio-On è arrivata al quarto posto. Le posizioni nette corte segnalano che si dovrebbe porre particolare attenzione nel cercare occasioni di acquisto

Bio-On preda dei fondi: il quadro delle PNC è allarmante

Ieri avevamo anticipato come Bio-On fosse approdata alla quarta posizione tra le società più shortate dai fondi di tutta Piazza Affari (clicca qui per l’approfondimento).

L’azienda che si occupa della produzione di bioplastiche conta una percentuale pari al 4,39% di capitale sotto il pressing dei fondi, corrispondente a 4 posizioni nette corte. Vediamo come si è evoluta la situazione nel dettaglio.


Elaborazione Ufficio Studi Money.it su dati Consob

Osservando lo storico delle posizioni ribassiste da parte dei fondi sull’azienda si osserva come gli hedge funds abbiano iniziato ad accumulare gli short in tempi relativamente recenti e non sospetti: da settembre 2018 infatti, l’attività short su Bio-On si è accentuata progressivamente.


Bio-On, grafico lineare. Fonte: Bloomberg

In quel periodo, i prezzi della quotata avevano effettuato una prima correzione profonda dopo un poderoso rally, che nella prima parte dell’anno aveva fatto apprezzare le quotazioni di oltre il 140%.

Il 2018 si è comunque chiuso con delle ottime performance del titolo, superiori al 93%. Ma qualcosa nella forza dei compratori è cambiato. Dopo un inizio 2019 passato all’insegna della lateralità, ieri le azioni hanno chiuso una serie di quattro sedute da incubo, lasciando sul terreno il 12,88%.

Ciò avrà sicuramente fatto contenti i gestori di fondi, che continuano ad accumulare posizioni scoperte. Dal 27 dicembre scorso, le pnc sul titolo sono aumentate del 48,81%.

Questo indica che probabilmente i ribassi non sono finiti, ed è quindi prematuro cercare delle opportunità per inseguire il forte uptrend, che ha sicuramente iniziato a scricchiolare.

Ecco chi vende Bio-On


Elaborazione Ufficio Studi Money.it su dati Consob

Al momento, sono quattro i fondi che detengono posizioni ribassiste sulla società. Tra questi spiccano Engadine Partners, Cadian Capital Management e Think Investments che vendono rispettivamente l’1,72%, l’1,10% e l’1,04% di capitale sociale di Bio-On.

Iscriviti alla newsletter Economia e Finanza per ricevere le news su Borsa Italiana

Condividi questo post:

Trading online
in
Demo

Fai Trading Online senza rischi con un conto demo gratuito: puoi operare su Forex, Borsa, Indici, Materie prime e Criptovalute.