Bank of Japan allenta la politica monetaria: le novità

Violetta Silvestri

19 Marzo 2021 - 10:35

condividi
Facebook
twitter whatsapp

Bank of Japan ha cambiato rotta nella sua politica monetaria, diversamente dalle altre banche centrali. Cosa ha deciso l’istituto giapponese?

Bank of Japan allenta la politica monetaria: le novità

Bank of Japan protagonista nella settimana dedicata alle banche centrali e alle loro mosse su crisi, inflazione, tassi di interesse.

L’istituto centrale nipponico ha svelato una serie di modifiche politiche attentamente elaborate volte a darsi maggiore flessibilità per continuare la sua lunga ricerca per rilanciare l’inflazione.

La banca ha stabilito movimenti più ampi per i rendimenti obbligazionari e ha allentato l’acquisto per i fondi azionari alla fine di una revisione della politica di tre mesi.

Il cambio di strategia di Bank of Japan ha mosso positivamente i mercati valutari e obbligazionari, mentre le azioni del Nikkei 225 sono andate giù.

Cosa ha deciso e come cambia la politica monetaria in Giappone?

Bank of Japan: le nuove decisioni

La Banca del Giappone ha rinunciato alla sua promessa di acquistare una media di 6 trilioni di yen all’anno in azioni, inaugurando una politica monetaria più sostenibile.

Inoltre, la BoJ ha affermato che consentirà maggiori fluttuazioni nei rendimenti dei titoli a 10 anni e ha lanciato uno schema per sovvenzionare i profitti bancari in modo che non soffrano di tassi di interesse negativi.

I tassi di interesse overnight sono rimasti invariati a -0,1% e i rendimenti delle obbligazioni a 10 anni saranno ancora fissati a “circa zero” ma potranno fluttuare di più o meno dello 0,25%, invece del precedente 0,2%.

Tali cambiamenti suggeriscono che banca centrale del Giappone ha perso la fiducia nel massiccio stimolo monetario lanciato otto anni fa e ora è concentrata sulla mitigazione dei suoi effetti collaterali piuttosto che spingere per raggiungere un obiettivo di inflazione del 2%.

BoJ continuerà ad acquistare azioni fino a un massimo di ¥ 12 tn ($ 110 miliardi) all’anno e comprerà solo Etf collegati all’indice Topix.

Perché BoJ ha cambiato strategia?

Secondo la nuova politica, la banca centrale interverrà quando il mercato crollerà invece di aumentare costantemente le sue partecipazioni per stimolare gli investimenti e l’attività economica.

Nella dichiarazione dell’istituto si legge:

“È importante trovare un equilibrio appropriato tra il mantenimento del funzionamento del mercato e il controllo dei tassi di interesse consentendo ai tassi di interesse di fluttuare in una certa misura.”

La parola d’ordine, quindi, è diventata flessibilità nell’allentamento. Dopo otto anni di stimoli monetari, il bilancio della BoJ è salito al 135% del prodotto interno lordo del Giappone, mentre la banca centrale è arrivata a detenere circa il 7% del mercato azionario giapponese.

Sebbene il Giappone abbia registrato una crescita più rapida e ridotto i deficit di bilancio sotto l’amministrazione Abe, i critici hanno affermato che la BoJ ha distorto i mercati finanziari, soprattutto dopo aver adottato un tasso di interesse negativo nel gennaio 2016.

Nella sua revisione, la BoJ ha riscontrato che la sua politica generale era stata efficace nel far salire l’attività economica e i prezzi attraverso un calo dei tassi di interesse. Ha affermato che era quindi opportuno continuare con il controllo della curva dei rendimenti.

Nonostante la portata senza precedenti dello stimolo monetario negli ultimi anni, il Giappone ha faticato a riaccendere l’inflazione, soprattutto dopo che il Governo ha aumentato le tasse sui consumi nel 2014 e nel 2019.

Iscriviti alla newsletter

Trading online
in
Demo

Fai Trading Online senza rischi con un conto demo gratuito: puoi operare su Forex, Borsa, Indici, Materie prime e Criptovalute.

Money Stories